Nel 50° anniversario del poeta Clemente Rebora

Nel 50° anniversario del poeta Clemente Rebora E' appena uscito il numero di novembre del mensile In Purissimo Azzurro (www.inpurissimoazzurro.org), che nel 50° anniversario della morte di Clemente Rebora e' un numero interamente dedicato al grande poeta milanese, che venne acclamato come "maestro in ombra" da Pier Paolo Pasolini e molto ha segnato la poesia e la storia della letteratura italiana del '900 fino ai nostri giorni.

31/ott/2007 10.10.00 In Purissimo Azzurro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
E' appena uscito il numero di novembre del mensile In Purissimo Azzurro (www.inpurissimoazzurro.org), che nel 50° anniversario della morte di Clemente Rebora e' un numero interamente dedicato al grande poeta milanese, che venne acclamato come "maestro in ombra" da Pier Paolo Pasolini e molto ha segnato la poesia e la storia della letteratura italiana del '900 fino ai nostri giorni. 
 
La rivista presenta la figura di Clemente Rebora in tutti i suoi aspetti, a cominciare dalla sua vita e dalla scelta esistenziale di lasciare ogni cosa a cinquant'anni suonati per diventare sacerdote rosminiano, e per singolare coincidenza il 50° anniversario della sua morte coincide col mese che vede il filosofo roveretano Antonio Rosmini salire all'onore degli altari, con la beatificazione fissata al 18 novembre prossimo a Novara.
 
Dei rapporti fra Rebora e Rosmini parla lo studioso rosminiano Mario Pangallo, mentre Ferdinando Castelli, autorevole critico letterario e firma di punta de "La Civilta' Cattolica", spiega con grande ricchezza di spunti e di suggestioni il tema della "Scientia Crucis" in Rebora. Paolo Ruffilli interpreta in modo anticonvenzionale i due momenti della vita e della poesia di Rebora, "l'inquietudine e la fede", Andrea Monda e Marco Guzzi rileggono attraverso il filtro della propria sensibilita' la lirica forse piu' famosa di Rebora, "Dall'imagine tesa", insieme a Roberto Fornara, finissimo cesellatore dei versi di Rebora, mentre Marina Pizzi da' la sua personalissima interpretazione della reboriana "Terribile ritornare a questo mondo" ed il poeta e docente universitario Umberto Piersanti analizza con squisito affondo sentimentale quello che da molti e' considerato un piccolo capolavoro del poeta milanese, dal titolo: "Al tempo che la vita era inesplosa". 
 
Versi inediti delle poetesse Maura Del Serra e Gabriella Garofalo per Clemente Rebora, una straordinaria prosa lirica di Mirko Testa come un canto a due voci accanto al letto immaginario di Rebora morente, e molti altri testi interessanti, che sarebbe impossibile citare tutti, sono presenti nell'ultimo numero di In Purissimo Azzurro, la rivista telematica di "letterature & dintorni" fondata e diretta dalla scrittrice e giornalista Maria Di Lorenzo.
 
La rivista e' da qualche tempo impegnata con ottimi risultati nel dialogo fra le diverse arti oggi presenti nel mondo - in primo luogo la letteratura, ma anche il cinema, il teatro, la musica, le arti figurative - rappresentate attraverso il filtro della loro comune tensione verso l'assoluto, ricercato nei mille chiaroscuri dell'esperienza umana. Vi invitiamo a leggerla su: www.inpurissimoazzurro.org
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl