Casa editrice Il Filo - Presentazioni

20/feb/2008 16.41.00 Casa editrice Il Filo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La casa editrice Il Filo presenta la collana Nuove Voci, dedicata ad autori emergenti. L'evento si terrà giovedì 28 febbraio 2008, alle ore 18, presso la libreria-caffetteria "Tra le righe", sita in viale Gorizia 29, Roma. In primo piano le opere: "Confortatemi con il tè" di Katia Brentani, "Polvere di ruggine" di Andrea Giuliani, "Potrà perdonarci l'amore" di Silvio Matta e "Babeth - Una vita per dimenticare" di Teresa Proietti.


"Confortatemi con il tè", Katia Brentani

Tiziana, Sabrina, Lavinia, Carlotta e Livia: cinque amiche, madri di compagni di scuola, che condividono la vita di ogni giorno. E anche quando i figli sono già cresciuti e sono terminati i giorni del basket, dei giardini pubblici o del pediatra, continuano a organizzare "i sabati del tè" una volta al mese, per confidarsi, raccontare e condividere un po' di se stesse. Quel momento è speciale, perché è loro, ed è lì che si aprono veramente. Casalinghe o donne in carriera, hanno ognuna il proprio carattere, gli hobby, delle affinità particolari, finanche un proprio modo di vestire: chi ama i vestiti firmati e chi i jeans, le giacche, i golfini di cachemire o gli abiti etnici. Donne che sono mogli oltre che madri e vivono le loro storie d'amore nelle maniere più varie: ecco allora che, tra una ricetta e l'altra, il confronto e le confidenze possono essere fondamentali per capire cosa fare, per dare il consiglio giusto che possa permettere di salvare un matrimonio o la relazione con un figlio distante. Cinque donne vere, che riescono anche a vivere il loro essere mogli e madri con una buona dose di simpatia, che non guasta mai.


"Polvere di ruggine", Andrea Giuliani

"Polvere di ruggine" di Andrea Giuliani è una raccolta di frammenti, fotogrammi, scorci di una vita (vera) tradotti da un linguaggio a tratti impenetrabile, da un flusso di pensiero che si muove su un tracciato denso di ostacoli, ambivalente; "a metà": scosso dall'impulso di comunicare e nel contempo frustrato, deluso, dall'inutilità della parola. Per questo egli si sforza di spingere il verso oltre i confini del già detto, verso luoghi inusuali, fra la gente, nelle fabbriche, e perfino fra gli "indios" del mondo. È così che il discorso poetico di Andrea Giuliani diviene un discorso politico (nel senso che ci riguarda, che riguarda la vita pubblica, la vita sociale), quando evidenzia le similitudini fra la fabbrica e la riserva indiana, quando evidenzia la paura che attanaglia la gente e non le consente di uscire dal ristretto cerchio delle proprie paure, delle proprie intolleranze. Questo e molto altro si può scorgere nella poesia di Andrea Giuliani alla quale, tuttavia, occorre abbandonarsi, senza avere fretta di coglierne il "senso", senza avere fretta di risolverla.


"Potrà perdonarci l'amore", Silvio Matta

Il libro è una raccolta caratterizzata da una profondità di pensiero articolato in una molteplicità di temi che, nello scorrere delle pagine, si mescolano e si confrontano. Questo dà certamente una certa frammentarietà, ma nondimeno offre a chi si accosta a questa poesia la possibilità di conoscere il percorso mentale che ha seguito l'autore nel corso della sua scrittura. E questo accade appunto per l'estrema limpidezza che caratterizza questa poesia, così immediata e direttamente accessibile. È una poesia nella quale la dimensione intima e spirituale è di certo predominante e lo sguardo che l'autore volge nel proprio intimo e offre al lettore è a volte dolce, a volte più titubante, consapevole come è di star riportando non solo i propri pensieri ma anche la propria anima.


"Babeth - Una vita per dimenticare", Teresa Proietti

Il trionfo della grazia e dell'amicizia. Parigi e la danza classica. Babeth è una ragazza con il sogno di ballare. Per questo, dopo la partenza dei suoi genitori, decide di restare nella capitale francese per realizzare il suo sogno. È sola ma è determinata: vuole diventare una ballerina famosa. In lei la ferrea volontà si intreccia ad una particolare dolcezza e bontà d'animo che le permetteranno di stringere una forte e intensa amicizia con Romie, ragazza buona, delicata e innamorata... dell'uomo sbagliato. Azioni meschine e vergognose, sentimenti offesi, aspirazioni graffiate e corpi violentati si contrappongono alla poesia dei pensieri, alla delicatezza delle parole, all'armonia dei gesti. Un romanzo che, con un linguaggio immediato e lieve, esalta la bontà, i sentimenti puliti, i sogni.



Giovedì 28 febbraio 2008

Libreria "Tra le righe"

Viale Gorizia, 29 - Roma


www.ilfiloonline.it

www.libreriatralerighe.it


Per info:

Casa editrice Il Filo - Ufficio Stampa

stampa@ilfiloonline.it

Telefax 0761 326452-323225


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl