La casa editrice Il Filo presenta "Nuove Voci"

23/feb/2008 10.30.00 Casa editrice Il Filo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La casa editrice Il Filo presenta Cristina Barbieri,
Caterina Coretti, Assunta Delzaino e Marco Grassi.

Mercoledì 5 marzo 2008 alle ore 18 presso la libreria "Tra
le righe" a Roma - viale Gorizia, 29 - si terrà la
presentazione delle opere d'esordio di quattro autori della
casa editrice Il Filo. Cristina Barbieri, Caterina Coretti,
Assunta Delzaino e Marco Grassi sono gli emergenti che
parleranno delle loro pubblicazioni.


Cristina Barbieri, "Pensieri magici e profumo di cannella"
(Edizioni Il Filo).
Ludovica e Caterina, così diverse eppure così uguali...
Le loro giovani vite si incontrano, si scontrano e, dopo
tante sofferenze e tante incomprensioni, si incontrano di
nuovo, definitivamente. Un tragico evento le lega strette
l'una all'altra e, nonostante la prima diffidenza, finisce
per unirle, nei pensieri e nelle parole. Sì, perché la
loro "piccola storia normale" diventa un romanzo, diventa
questo romanzo, che sa di cannella, di amicizia, di voglia
di crescere. Quello narrato da Cristina Barbieri è il
mondo dell'adolescenza, pieno di gioie e anche di dolori, di
delusioni e di speranze. Pieno di un amore declinato in
tutte le sue forme. Un libro che sembra essersi scritto da
solo e che da solo si lascia leggere.


Caterina Coretti, "Nel giorno in cui"
È un sentire sofferente quello che emerge dalla pagine di
Caterina Coretti, un sentire che affonda le proprie radici
nella sfiducia verso l'uomo e verso l'umanità intera.
Nella sua raccolta poetica "Nel giorno in cui", Caterina
Coretti riprende e reinterpreta alla luce della propria
personalissima esperienza interiore i temi classici del male
di vivere novecentesco.
Eppure la sua poesia non guarda indietro, ma pur partendo da
quello spleen che è simbolo di tutta la dolorosa
consapevolezza del sentire umano, nella sua capacità di
rendere questa poesia testimone della sofferenza universale
attraverso il vissuto personale, Caterina Coretti trova il
mezzo di rendere moderno tale sentire.
La poesia di Caterina Coretti si muove quindi da un
interrogativo, da quel periodo ipotetico che è la terra
estrema della possibilità ma anche dell'incertezza, dove
tra l'andare o il restare vi è certamente il destino, ma
soprattutto la volontà.
Ed è la volontà la chiave di tutta questa raccolta, la
volontà che l'autrice interroga e testa, e forse mette
alla prova, ricercandola e cercando di scoprirne i limiti e
le potenzialità.



Assunta Delzaino, "I capodanni di Matilde"
Matilde è una ragazza sensibile e insicura che ha la
fortuna di avere accanto delle amiche speciali che le
vogliono talmente bene da aiutarla a seguire i suoi sogni e
la sua felicità. La vita però riserva strane sorprese,
alcune apparentemente poco piacevoli, ma che poi si rivelano
decisive e importanti. Così la protagonista del romanzo
dovrà faticare non poco per acquistare fiducia in se
stessa e capire che tutti hanno le potenzialità per
realizzarsi e raggiungere i propri scopi, basta solo volerlo
e soprattutto crederci perché tutto è possibile... anche
ritrovarsi a fianco uno dei più famosi principi azzurri...


Marco Grassi, "Sherlock Holmes e l'ombra di sangue"
Nella Londra del XIX secolo, crimini inesplicabili e
straordinarie manifestazioni soprannaturali avvolgono
Kensington in una fitta nebbia di mistero: quale potere
sovrumano può aver permesso alla grottesca e portentosa
creatura che ha sottratto la bizzarra tela di Francisco Goya
di sparire oltre il poderoso muro dei giardini di Morgan
House senza lasciare tracce? Quali arcani eventi si celano
nelle oscure coincidenze raccolte dal dottor Doyle tra le
pagine dei drammatici diari di Bram Stoker? A quale
mostruosa razza di predatori appartiene la spietata
Sanguisuga Rossa evocata nell'orribile agonia del banchiere
Crosby?
Dagli appunti del dottor Watson rinvenuti dopo più di un
secolo, affiora la soluzione di un mistero tra i più
ripugnanti della carriera di Sherlock Holmes: un mistero che
fatalmente e deliberatamente Sir Arthur Conan Doyle
tralasciò dalle raccolte date alle stampe, e che ancora
una volta ci testimonia l'infallibile analisi del detective
di Baker Street e la sua straordinaria capacità di
liberare la verità dall'ombra della superstizione.





Mercoledì 5 marzo 2008, ore 18
Libreria "Tra le righe"
viale Gorizia, 29 - Roma



www.ilfiloonline.it


Per info:
Il Filo - Ufficio Stampa
stampa@ilfiloonline.it
Telefax 0761 326452-323225

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl