Roma, le Nuove Voci della casa editrice Il Filo alla serata di presentazione

Roma, le Nuove Voci della casa editrice Il Filo alla serata di presentazione Roma, le Nuove Voci della casa editrice Il Filo alla serata di presentazione Gli autori esordienti delle Edizioni Il Filo presentano a Roma i loro testi.

03/giu/2008 17.20.00 Casa editrice Il Filo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Roma, le Nuove Voci della casa editrice Il Filo alla serata
di presentazione

Gli autori esordienti delle Edizioni Il Filo presentano a
Roma i loro testi.


Martedì 10 giugno 2008 alla libreria “Tra le righe”
saranno presentati cinque libri degli autori della casa
editrice Il Filo. Ivan Braidot con “Cosa vuol dire sognare
- Deliri di umana trascendenza”, Vincenzo Contrafatto con
“I guardiani delle Realtà Originarie”, Brunella
Cotroneo con “In fuga dalla realtà”, Luca Di Bianca
“CORRIDOI ASCENSIONALI quello che emerge mira al cielo”
e Barbara Ziletti con “La piccola Lisa”.


“Cosa vuol dire sognare - Deliri di umana trascendenza”
(Edizioni Il Filo) di Ivan Braidot

Ivan Braidot riesce a far emergere tutto il nichilismo, il
senso del nulla che pervade l'anima ed arriva magistralmente
ad imprigionarlo in un foglio di carta: la ricerca
dell'esistenza del divino e la riflessione sul significato
della vita si uniscono ad una lirica intensa, epigrammatica,
realmente ispirata, in un intreccio mirabile di filosofia e
poesia.
Nei suoi brani l'interrogativo che riguarda la presenza
divina, ricorre frequentemente e talora è messo
addirittura in bocca allo stesso Dio, le cui parole il
poeta, in quanto tale, ha la facoltà di "inverare"[...].
L'atmosfera entro cui si collocano queste tematiche è
rarefatta, notturna, in grado di suscitare sensazioni di
oscurità e vaghezza, che ben si conciliano con la ricerca
del perché "dell'inutile esistenza / dello spazio e del
tempo" (Insonnia). Si procede tra sogno ed oblio, tra
dormiveglia e insonnia, in quei momenti di "limbo" dove la
vita quotidiana si arresta e lascia spazio alla riflessione
più o meno consapevole.

“I guardiani delle Realtà Originarie” (Edizioni Il
Filo) di Vincenzo Contrafatto

Un futuro prossimo, immaginato secondo la prospettiva di un
progresso tecnologico incalzante ma equilibrato e senza
eccessi, fa da sfondo a una vicenda che si rivela ben più
articolata di quanto le premesse lascino presagire.
L'Istituto nazionale di sperimentazione medica, diretto dal
dottor Luciano Monti, nell'anno 2035 annuncia una novità
veramente sensazionale. Con il prezioso lavoro e la
collaborazione di un giovane promettente e brillante
scienziato, il dottor Michael Grant, è stato conseguito un
traguardo senza precedenti: la concreta possibilità di
decodifica completa del Dna umano.
Il dottor Grant per questo si distingue in modo particolare
godendo di un'immediata popolarità e di un discreto
successo, tanto da segnalarsi fra i favoriti in occasione
dell'assegnazione del premio Nobel per la Medicina, ma
qualcosa va storto.
Le doti eccezionali di questo scienziato, che hanno permesso
il raggiungimento di un risultato tanto straordinario, si
accompagnano inevitabilmente a grandi responsabilità.
Scelte difficili e risvolti epocali potrebbero cambiare per
sempre il destino dell'intera umanità. Tutto ciò
catapulterà il protagonista in una dimensione estranea e
sconosciuta. Sarà solo il tempo a riequilibrare la
faccenda e a darle un senso, ma in modo del tutto
singolare...

“In fuga dalla realtà” (Edizioni Il Filo) di Brunella
Cotroneo

Barbara, una donna innamorata da sempre del ballo, decide di
iscriversi a un corso di danze caraibiche: a spingerla è
la passione e la voglia di divertirsi. Ma, appena entrata
nella scuola, oltre a persone ben disposte e cortesi, scopre
anche che di quel mondo fanno parte pettegolezzi, invidie,
meschinità e competizione. Su tutti, sono Maddalena e
Valerio a fomentare le crisi più profonde. Da qui nasce la
voglia di raccontare a un'amica la sua esperienza: gridare a
tutti fino a che punto può arrivare la stupidità umana.
Lei, che aveva sempre riposto molta fiducia nell'amicizia,
si ritrova a fare i conti con persone che mirano solo a
distruggere e a sottomettere il prossimo. Barbara descrive
tutto ciò che le è accaduto: da quando è entrata al
corso, quasi in punta di piedi, passando per le feste, le
lezioni con il maestro Manuel, le gelosie e i litigi, fino a
quando ha dovuto veramente piantare con forza i piedi in
terra a testimonianza della sua correttezza ed educazione.
Tutto questo comunque non le ha tolto l'amore per la danza e
la voglia di volteggiare, rapita dai suoni caraibici e dal
piacere che sempre ne scaturisce.

“CORRIDOI ASCENSIONALI quello che emerge mira al cielo”
(Edizioni Il Filo) di Luca Di Bianca

Perfetta fusione tra arte visiva e arte poetica, esemplare
esempio di interazione tra le varie forme espressive. Luca
Di Bianca crea, con i suoi CORRIDOI ASCENSIONALI, una
silloge completa, dove per completa si intende la perfetta
armonicità tra forma e contenuto, tra visione e
percezione.
Un tutto unico, un rimando continuo tra immagine e
scrittura: là dove non c'è bisogno di parole, ecco che
l'autore inserisce immagini poetiche, fotografie da lui
stesso scattate che parlano più di una poesia scritta.
Per contro, le poesie descrivono perfettamente, come un
dipinto, il pensiero dell'autore.
È un richiamo costante, che crea una circolarità della
silloge, dalla quale il lettore non può sfuggire, è
avvolto nella poetica spirale della comunicazione e delle
emozioni.
Un'antologia completa, dunque, che si presenta come un
lavoro unico, accurato, profondo. Tutto è studiato nei
minimi particolari, le foto, il posto delle poesie, la loro
struttura, perché tutto deve contribuire a quell'unico
obiettivo superiore che è l'arte. L'arte intesa qui come
comunicazione, la poesia non è un'esclusiva per se stessi,
ma è fonte di riflessione per gli altri. E sono gli altri
che non dobbiamo perdere di vista nel momento in cui
scriviamo.

“La piccola Lisa” (Edizioni Il Filo) di Barbara Ziletti

Lisa è una ragazzina speciale: il suo amore per la natura
la porta a scoprire un'anima antica, il Grande Albero del
bosco, che ha in serbo per lei una missione particolare. La
nostra eroina inizia così il suo viaggio attraverso
diversi livelli di consapevolezza, scanditi dai suoi
desideri più riposti così come dalle sue più intime
paure. Commovente favola e insieme metafora del percorso
interiore che ciascuno di noi può compiere per migliorare
il mondo, “La piccola Lisa” è l'invito alla scoperta
di un sé più autentico, finalmente scevro da pregiudizi
e affrancato dal timore dell'ineluttabilità della morte.


Serata di presentazioni degli autori della casa editrice Il
Filo

Martedì 10 giugno 2008, ore 18
Libreria “Tra le righe”
Viale Gorizia,29

www.ilfiloonline.it

Per info:
Casa Editrice Il Filo - Ufficio Stampa
valentina.petrucci@ilfiloonline.it
Telefax 0761326452 - 0761323225


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl