“Trofeo

"Trofeo Grande successo per la casa editrice Il Filo al premio Letterario "Trofeo Penna D'Autore" 2007 Gli autori emergenti della casa editrice Il Filo protagonisti nel concorso che ha ottenuto la medaglia d'argento del Presidente della Repubblica Vince la Sezione Libro di Narrativa del Premio "Trofeo Penna d'Autore" 2007 - concorso che ha ottenuto la Medaglia d'Argento del Presidente della Repubblica - il romanzo "Il dottor Ricordi" di Emanuele Santandrea.

12/giu/2008 18.00.00 Casa editrice Il Filo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Grande successo per la casa editrice Il Filo al premio
Letterario “Trofeo Penna D'Autore” 2007

Gli autori emergenti della casa editrice Il Filo
protagonisti nel concorso che ha ottenuto la medaglia
d'argento del Presidente della Repubblica


Vince la Sezione Libro di Narrativa del Premio “Trofeo
Penna d’Autore” 2007 - concorso che ha ottenuto la
Medaglia d’Argento del Presidente della Repubblica - il
romanzo “Il dottor Ricordi” di Emanuele Santandrea.
Terzo classificato nella medesima sezione “Il mito rivive
a Casablanca” di Nazzareno Corradetti, quinto
“L’epilogo” di Lilia Amadio.
La silloge “Fantasia, memorie e silenzi” di Rosalba
Spagnolo si aggiudica il terzo premio nella Sezione Libro di
Poesia.

Prosegue la fortunata affermazione degli autori emergenti
della casa editrice Il Filo nei premi letterari italiani.
La lista completa dei premi letterari nei quali si sono
distinti gli autori delle Nuove Voci della casa editrice Il
Filo è consultabile al seguente link:
http://www.ilfiloonline.it/premi.asp


“Il dottor Ricordi” (Edizioni Il Filo) di Emanuele
Santandrea
Una grande storia d'amore e d'amicizia. Una storia che non
ammette se, che non farà sconti, né prigionieri... Una
storia di danza e di droga, sotto le luci e le ombre di una
Milano mai raccontata, attraverso un punto di vista schietto
e sincero, con un linguaggio giovane e senza veli, né
pregiudizi. E con uno stile a tratti ermetico, perché a
volte le vere ragioni sfuggono la conoscenza... Dopo un
periodo in Afghanistan, Alessio torna in Italia e decide di
lasciare i Corpi Speciali dopo solo tre anni. Ora chiede un
congedo definitivo, che a caro prezzo ottiene. Ma qual è
il motivo? Al suo ritorno ritrova qualcosa di cambiato: del
resto è normale aspettarsi sempre che le persone, le
città, le situazioni non cambino mai, rimangano uguali. A
noi è permesso cambiare, agli altri no. Ciò che più lo
fa star male è l'amore per Claudia: ricordi belli, che
però fanno male, perché tolgono il respiro, ricordi che
si vorrebbe distruggere. Ma è possibile cancellare i
ricordi? E se anche fosse possibile, dopo, si sarebbe più
felici?


“Il mito rivive a Casablanca” (Edizioni Il Filo) di
Nazzareno Corradetti
Massimo Serrani è un investigatore privato. Ha
quarant'anni, è scapolo e affronta la vita con ironia e
disincanto. Una sera, mentre su Roma imperversa un tremendo
nubifragio, si presenta nel suo studio Michele De Luca. Si
qualifica come un alto dirigente della "Braschi Ceramiche",
una società in cui è in corso una lotta per la
successione senza esclusione di colpi. Una lotta che vede
coinvolti tutti i membri della famiglia e indirettamente
anche lui. L'uomo ha una storia da raccontare, un fatto,
accaduto la notte del suo cinquantesimo compleanno: qualcuno
ha ingaggiato una squillo e l'ha spedita a casa sua.
Qualcuno che poi è rimasto nell'ombra. La spiegazione
immediata è plausibile e, anche se ogni tassello viene
collocato al suo posto, alla fine nulla quadra. Da una parte
"Casablanca", come il film per antonomasia, che rievoca lo
spettacolo e la sua società; dall'altra il "mito", non
però quello di Bogart, ma un altro, più misterioso e
inquietante.

Nazareno Corradetti è nato a Venarotta (AP) nel 1956. Da
sempre vive a Roma, dove svolge il lavoro di informatico. Il
mito rivive a Casablanca è il suo primo romanzo.



“L'epilogo” (Edizioni Il Filo) di Lilia Amadio
“L'epilogo” di Lilia Amadio narra la storia di Paolo
Santoro, un ufficiale di Marina figlio naturale inizialmente
mal sopportato dal padre e dalla sua famiglia, che nel 1890
ha raggiunto ancora giovane la carica di vice-comandante
della più grande corazzata italiana. L'imminente
fidanzamento della figlia maggiore è il pretesto per una
grande riunione di famiglia, nella quale ritroverà i
propri parenti e avrà anche alcune sorprese...
Paolo ha alle spalle una dolorosa storia d'amore con una
giovane ragazza di Malta, mai dimenticata e che cerca con
tutte le proprie forze di ritrovare. Ma in tutto questo
cercare, riuscirà a ricostruire in qualche modo la sua
vita sentimentale solo quando chiuderà definitivamente con
il passato. Una grande amarezza in quest'uomo, ma anche la
speranza di ricucire i pezzi della sua vita e di dare una
svolta definitiva al suo futuro.

Lilia Amadio è nata a Roma, città nella quale vive.
Laureata in giurisprudenza, Procuratore legale, ha svolto
per un lungo periodo attività dirigenziale presso un
importante ente pubblico fino al 1994. Dal 1995 ha iniziato
a scrivere e ha portato a compimento un notevole numero di
narrazioni. Ama gli animali e ha attualmente quattro gatte,
femmine naturalmente. Nel 2005 ha pubblicato con la casa
editrice "Il Filo" il romanzo Vite parallele e nel 2006, con
la Firenze libri-Maremmi, i romanzi Un delitto per motivi
d'onore e Il ribelle.


“Fantasia, memorie e silenzi” (Edizioni Il Filo) di
Rosalba Spagnolo
Esistono popoli per cui il mare non rappresenta soltanto una
risorsa geografica e ambientale, ma per i quali è
soprattutto un elemento essenziale della propria cultura,
delle proprie tradizioni, della singola vita di ognuno dei
suoi componenti. Questo è vero soprattutto per chi è
cresciuto con il mare intorno, per chi non ha trascorso
neanche un giorno della propria esistenza senza avere
davanti agli occhi quell'infinita distesa blu. Rosalba
Spagnolo è una di quelle persone. Per lei, come per molti
altri, esso è parte della sua dimensione interiore,
diventa una presenza costante e necessaria per tutti i
sensi: il mare si vede, si sente, si tocca, arriva fino alle
radici, come un dio plasma chi gli sta vicino trasformandolo
in "creatura di mare". [...] Le radici di Rosalba Spagnolo
sono legate a paesaggi, odori, profumi, sapori della
Sicilia, che non sono semplicemente vivi nel suo cuore, ma
che la caratterizzano irrimediabilmente come persona. È
attraverso tali elementi che l'autrice si racconta, come
madre, come figlia ma essenzialmente come donna, che
nonostante tutto è ancora in grado di fantasticare e di
lasciare spazio ai sogni.
Rosalba Spagnolo è nata Messina, dove si è laureata in
Scienze Politiche. Trasferitasi a Bergamo ha lavorato come
dirigente amministrativo nella Sanità Pubblica. Esperta di
enogastronomia e di cucina medievale, ha collaborato con
alcune riviste specializzate, ricevendo diversi premi
letterari. Fantasia, memorie e silenzi è la sua prima
pubblicazione.






Per info:
Casa Editrice Il Filo - Ufficio Stampa
valentina.petrucci@ilfiloonline.it
Telefax 0761326452 - 0761323225

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl