IL DENARO CONTINUA A VOLARE

03/mar/2009 17.01.00 Alcyone Editrice Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Parlare di denaro è un tema sempre attuale, ed oggi più che mai. Ci sono già tantissimi testi sull’argomento e gli illustri esperti non mancano, anzi, ce ne sono fin troppo. Da questa schiera si discosta davvero tanto il libro appena pubblicato dalla casa editrice Armenia, “IL DENARO CONTINUA A VOLARE” – 192 pag. - € 9,00. Questo testo è una raccolta di pensieri, aforismi, battute, barzellette e proverbi sul denaro di autori del passato e del presente. Politici, giornalisti, scienziati, filosofi, artisti, economisti, scrittori… che hanno detto la loro sull’argomento. Attraverso la loro testimonianza, esperienza, ragionamento potremo capire di più sul denaro e avere certamente le idee più chiare. Dalla lettura di questo libro riceveremo preziose informazioni e utili consigli su come utilizzare e amministrare il denaro, capiremo di più sull’economia e sul sistema bancario. Dunque grazie a tutti questi personaggi e ai loro pensieri e battute vorrei fare una breve carrellata sul tema in questione. Cominciamo dall’inizio. La prima cosa che dobbiamo chiederci è, cos’è il denaro? “Il denaro è la fonte di tutti i mali”. (Karl Marx). Ovviamente c’è chi la pensa in maniera diversa: “Il denaro è la chiave che apre tutte le porte”. (Molière). I fautori e i detrattori non mancano in ogni epoca, su ogni questione e argomento. Là dove qualcuno ci vede un male, qualcun altro ci vede un bene. C’è chi pensa che il denaro dia la possibilità di avere una vita migliore. “Il denaro è un ottimo mezzo per sopportare la povertà”. (Alphonse Allais). Ma c’è anche chi  lo considera una dannazione. “Nessun uomo amante del denaro può essere buono”. (Antistene). Tutti siamo alla ricerca della felicità e anche in questo tema le divergenze non mancano. Ognuno vive sulle proprie esperienze o pensa di avere la formula magica per ottenerla. I soldi ci danno la felicità? “Si dice che il denaro non dà la felicità. Senza dubbio ci si riferisce al denaro degli altri” (Sacha Guitry). Ecco un pensiero contrapposto. “Il denaro dà quello che agli altri sembra la felicità”. (Henri François Joseph de Régnier). Discorso un tantino diverso per chi il denaro ce l’ha già. “Se il denaro non dà la felicità, restituitelo!” (Jules Renard). Si parla tanto del potere del denaro, il denaro che compra e che corrompe e che può tutto. “Immensa è la potenza del denaro: nobilita anche il più inutile degli uomini”. (Bacchilide). Ma il denaro può davvero tutto? “Quando un uomo afferma che col denaro si può ottenere tutto, puoi esser certo che non ne ha mai avuto”. (Aristotele Onassis). Molti uomini per denaro, purtroppo, sono disposti anche a morire, e lo aveva ben compreso la vecchia saggezza popolare cinese. “Gli uomini morirebbero per i soldi come gli uccelli per indigestione di riso”. (Proverbio cinese). Naturalmente è innegabile che il denaro ha un valore. “Se vuoi renderti conto del valore del denaro, prova a chiedere un prestito” (Benjamin Franklin). Con i soldi si possono comprare i prodotti, i servizi, le cose utili e inutili. E’ giusto dire che ogni cosa ha il suo costo? “E’ un errore frequente misurare le cose in base al denaro che costano”. (Albert Einstein).  Con il denaro comunque non si può avere tutto, certi valori resistono. “La lealtà comprata col denaro, dal denaro può essere distrutta”. (Seneca). Il denaro deve circolare, deve essere utilizzato altrimenti non serve a nulla. Il denaro è come il letame che non serve se non è sparso”. (Francesco Bacone).  Il problema vero è che spesso nei momenti di bisogno ci troviamo al verde. “Il denaro somiglia alla carta igienica: quando serve, serve con una certa urgenza”. (Upton Sinclair).  Qualcuno afferma che si può anche fare a meno del denaro, sarà vero?  “L’unica cosa che oggigiorno si possa fare senza denaro sono i debiti”. (Heinz Schenk). E se poi vi siete indebitati, potrete seguire questo consiglio: “Non ho bisogno di denaro. Solo chi paga i conti ne ha bisogno. Io i miei non li saldo mai”. (Oscar Wilde).  Il costo della vita aumenta, il potere d’acquisto del denaro diminuisce e le famiglie diventano sempre più povere. “Il problema delle famiglie moderne è che quando lo stipendio mensile è finito rimangono ancora troppi giorni”. (Marco A. Almazàn).  E se poi avete messo qualcosina da parte, mi sa che vi tocca di aprire il salvadanaio. “Niente sembra provocare un’impellente necessità quanto mettere da parte il denaro per farvi fronte” (Lunn Youdin). Se poi vi è rimasto qualcosa potrete sempre investirla al gioco, lotterie, borsa, magari è la volta buona. “Vincere dei soldi al poker, è gioco d’azzardo; vincerli al bridge è un impegno mondano; ma vincerli in Borsa è un miracolo”. (C. Billock). Abbiamo così capito perché tanti ci hanno lasciato le penne. Se dopo aver letto tutto il libro c’è qualcosa che non vi è chiara e volete avere maggiori delucidazioni, potrete sempre rivolgervi agli esperti. Loro hanno sempre la risposta pronta, ma chissà se è quella giusta. “Gli economisti sono bravissimi a prevedere il passato”. (Indro Montanelli).

 

www.armenia.it

      

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl