Novità: BREVIARIO DI ITALIANO di Lucio D'Arcangelo (Edizioni Solfanelli)

17/ott/2009 00.07.13 Tabula fati Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Lucio D'Arcangelo
BREVIARIO DI ITALIANO
18 punti per salvare la nostra lingua
Edizioni Solfanelli


L’italiano ha rappresentato, e seguita a rappresentare, il cemento unitario del Paese. Ne era ben conscio Vincenzo Monti, quando scriveva: «La lingua è l’unico legame di unione che l’impeto dei secoli e della fortuna, nè i nostri errori medesimi non hanno ancor potuto disciogliere: l’unico tratto di fisionomia che ci conservi l’aspetto d’una ancor viva e sana famiglia.» Ma in questi ultimi anni la nostra lingua ha risentito in modo evidente della nuova congiuntura storica. Da un lato la globalizzazione e dall’altro il regionalismo ne hanno messo a dura prova la tenuta. La latitanza delle classi dirigenti e l’indifferenza di molti italiani hanno fatto il resto.
Alcuni dicono che bisogna lasciare la lingua al suo corso. Ma in realtà, apertamente o no, le decisioni linguistiche sono prese comunque e dovunque, nel mondo politico, in quello economico e nei media, per contribuire ad una migliore comprensione fra i cittadini o, al contrario, per dividerli. L’alternativa non è tra intervento e non intervento, ma tra una politica dichiarata (overt policy) ed una non dichiarata (covert policy).
La lingua di una nazione non è qualcosa di già dato, ma il frutto di una laboriosa conquista, creazione consapevole di una comunità politicizzata. Nessuno può disinteressarsene e men che mai lo Stato.
Questo “breviario” racchiude quella che Giovanni Nencioni chiamava “una coscienza politica della lingua” ed espone le ragioni per tutelare un patrimonio linguistico plurisecolare che appartiene a tutti gli italiani.


Lucio D’Arcangelo è stato allievo di Giuliano Bonfante all’Università di Torino, dove si è laureato in Glottologia con una tesi su “La trascrizione dei nomi iranici in greco”. Docente dal 1971, prima presso la Facoltà di Magistero dell’Università di Torino e poi presso la Facoltà di Lingue dell’Università degli Studi “G. D’Annunzio”, nel 2000 ha lasciato l’università per dedicarsi più liberamente agli studi.
È stato il responsabile tecnico-scientifico del disegno di legge n. 993/2001 (ora n. 354/2008), per l’istituzione del Consiglio Superiore della Lingua Italiana.
Tra i suoi ultimi libri "Difesa dell’italiano" (Roma 2003), considerato una specie di “libro bianco” sullo stato della nostra lingua.
Già collaboratore del quotidiano “Il Tempo”, negli ultimi anni ha scritto su “Libero” e “Il foglio”. Nel 2006 ha partecipato alle trasmissioni di RAI International e in particolare al programma “Viva Dante!”.
Attualmente collabora a “Vita e pensiero” e a “Lingua italiana d’oggi”.


Lucio D'Arcangelo
BREVIARIO DI ITALIANO
18 punti per salvare la nostra lingua
Edizioni Solfanelli
[ISBN-978-88-89756-70-6]
Pag. 64 - € 7,00

http://www.edizionisolfanelli.it/breviariodiitaliano.htm


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl