FabrizioZanotti_PensieriCorti_comunicato stampa

FabrizioZanotti_PensieriCorti_comunicato stampa IN UN ALBUM LA STORIA DI CHINI MARCO, OPERATORE DI CALL CENTER foto recente di Chini Marco sulla sua postazione di lavoro (© J. Guidone per Storie di Note) Ivrea, lì 1 settembre 2010 Lettera al Presidente Mi chiamo Chini Marco, lavoro in un call center.

27/ott/2010 13.17.15 Progetti Rizoma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

IN UN ALBUM LA STORIA DI CHINI MARCO, 

OPERATORE DI CALL CENTER

 

chini marco_vignetta.jpg

 

foto recente di Chini Marco sulla sua postazione di lavoro

(© J. Guidone per Storie di Note)

 

 

Ivrea, lì 1 settembre 2010

 

Lettera al Presidente

 

Mi chiamo Chini Marco, lavoro in un call center.

Prima di arrivare in questo posto ho consumato tanti libri, trovato e perso il senso. Qui invece dedico anni a restringere la mente. Sono diventato un filtro dell’aria che si vende, e mi frigge nelle orecchie ogni momento la voce di chi offende.

 

Quando torno a casa ascolto Barack Obama in tv e penso: cambio tutto, me ne vado in America, come fece mio nonno tanti anni fa. Andrò incontro ai lunghi cieli e alle grandi città! Via da questa terra che mi mastica e poi mi risputa lì a metà!

 

E l’Italia? L’Italia, chissà se si salverà. La sua storia continua a ciclo intermittente: passano le abitudini, rimbombano le rabbie si allargano le strade, e tutto resta uguale. Ma la storia non si ferma, la storia non si arrende. Mio caro Presidente, qui il futuro conta niente, e io sono stanco di sorridere per forza. Di illudere la gente che telefona e mi ascolta.

 

Di giorno, sotto al sole crepano le mie illusioni. Ma di notte, senza vento, spenta la città, quando mi affaccio alla finestra sento una musica lenta. L’altra notte ho visto Nina volare, tra le corde dell’altalena, nell’universo che ora dorme. Allora ho cambiato la mia mente, l’ho sintonizzata con il cuore.

Io solo ora mi rendo conto, mio caro Presidente, che dietro al suo sorriso c’è un vuoto indifferente. E che il mio unico futuro… oggi non vale niente. Ma la strategia del loto vince su ogni dolore. La mia vita è lì, ora l’afferro. Oggi ci provo.

 

Chini Marco, operatore di call center, anni 31

 

 

PENSIERI CORTI (Storie di note/Egea)

IL NUOVO ALBUM DI FABRIZIO ZANOTTI

 

copertina.jpg

 

I “Pensieri corti” sono quelli di Marco: fugaci, immediati e condivisi da milioni di giovani chini, come lui e come il suo cognome. Tutti piegati (a progetto) sulla propria postazione, sotto il peso del tempo che passa e se ne va, a regalare ottimismo di plastica ai propri interlocutori e a se stessi pallidi riflessi di sogni.

 

Chini Marco non esiste: la sua storia non è nient’altro che una storia normale raccontata in un modo speciale dalla musica di un cantautore originale. Chini Marco ha incontrato Libera, contro tutte le mafie, e ha deciso di sorridere e di credere che le cose, dal basso, possano cambiare.

 


Quando? Dal 25 Ottobre.

Dove? Nei migliori negozi di dischi.

 


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl