“PACE, AMORE E BOMBE CARTA” E' IL NUOVO ALBUM DI ZIO FELP

"PACE, AMORE E BOMBE CARTA" È IL NUOVO ALBUM DI ZIO FELP.

Persone Ricky Anelli, Sandro Joyeux, Andrea Rivera, Giobbe Covatta, Michele Salvemini, Roberto Salvadori, Simone Papi, Fabio Canessa, Stefano Camarri, Alex Marton, Niccolò Fragile, Primiano Panunzio, Charlie Rapino, Noemi Salvemini, BIO Zio Felp, Davide, San Valentino
Luoghi Bologna, Puglia, Modena, Foggia, Terni, Bari, Bisceglie, Giovinazzo, Molfetta, Terlizzi, Barletta
Organizzazioni The GangBand, Radio Florlevante, Arci
Argomenti musica, canto

26/feb/2016 11.31.06 L'Altoparlante Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

Un disco che raccoglie due anni di delusioni, di vittorie e cambiamenti in tutti gli ambiti, da quello lavorativo a quello sentimentale, dalle amicizie perse a quelle guadagnate.

 

Pace, Amore e Bombe Carta” è l’album che racchiude i brani scritti in periodi precisi della vita di Zio Felp, è un'esplosione di rabbia che si alterna alla malinconia e alla voglia di fregarsene ed andare avanti, uno stare bene e stare male.

Un artista che appartiene alla vecchia scuola, quella dove si ballava sotto i portici con lo stereo, quando l'hip-hop non era così conosciuto e – come dice Zio Felp – «si riuscivano a fare cose serie, non come ora che stiamo assistendo al degrado dello stile e non al prevalere della passione e dell'amore. Pochi sono rimasti fedeli al sound vecchio e crudo mescolato a quel groove giusto che fa saltare dalla sedia».

 

 

Ascolta qui il mash-up del disco

 

 

 

TRACK BY TRACK:

 

PACE AMORE E BOMBE CARTA: può sembrare un classico brano hip hop autocelebrativo ma in realtà è stato scritto come ultimo pezzo dell'album e nonché titolo perché racchiude tutto lo stress accumulato per la riuscita dell'album.

 

IO MI ROMPO LE PALLE: è uno sfogo personale dopo periodi passati in casa o in studio semplicemente perché Zio Felp si vedeva diverso dagli altri e non accettava certi atteggiamenti.

 

ONE: è un brano abbastanza datato ma è stato scritto in un periodo preciso in cui tutti si sono allontanati ed è emerso che l'unione non sempre fa' la forza ma molto spesso da soli e con le proprie forze si riesce a combattere anche un esercito.

 

GIORNI: scritto in due momenti precisi, quando il mondo ti crolla addosso e vuoi farla finita del tutto, ma poi realizzi che non ne vale la pena perché ci sono giorni che basta avere un foglio, una penna e della musica per salvare tua vita.

 

IO NON: è stato scritto dopo una ricerca sul Tubo, dopo aver ascoltato dei giovani emergenti hip hop che si sono rivelati dei papponi e gangster con i soldi di papà.

 

DEMONI: l'artista non ha scheletri nell'armadio per fortuna, ma, purtroppo, sente di avere dei demoni in testa che gli ricordano cose brutte e passate che fanno star male, ma ci convive per non cadere di nuovo nell'errore.

 

MY VALENTINE: la prima versione è stata scritta, registrata e messa on line due giorni prima di San Valentino a Bologna da felice single ho sognato un San Valentino alternativo.

 

CAMBIA: «Il brano è nato dopo il mio trasferimento a Bologna, quando da un momento all'altro è cambiata la mia vita e sono passato da un paesino di provincia a una grande città». Una sensazione difficile ma allo stesso tempo divertente per un ragazzo di provincia che viene catapultato in una grande città molto diversa dalla realtà del paese. Una nuova situazione dove le persone cambiano e si trasformano in base alle circostanze, differente dalla vita provinciale dove tutti si conoscono.

 

ACCANTO A ME: è stato scritto a Bologna dopo un anno lontano da casa e da tutti, quando la malinconia spinge a ritornare ma il destino costringe a rimanere lontani, si resta diviso a metà.

 

FLOW: è il flusso di rime di un rapper, la particolarità, quello che lo rende unico e inimitabile.. senza Flow hai solo bei concetti.

 

SOUL SEX: è un trip mentale, un essere catapultati in un'altra dimensione dove il sesso domina e non l'amore; racconta di me proiettato in stanze dove si vedono cose strane e oscene, forse è solo un'anticipazione dei tempi che verranno, ma resta sempre un bel viaggio.

 

TRUE STORY: non è una canzone ma una poesia, uno story telling in terza persona... “una storia d'amore che ha segnato indelebilmente la mia vita...nel bene e nel male”.

 

 

BIO

Zio Felp nome d’arte per Davide,classe 1986, un giovane artista di origini pugliesi.
Presto nasce in lui l'amore per la musica, che si concretizza in vera e propria vocazione quando entra in una radio locale (
Radio Florlevante) dove ha la possibilità di prendere confidenza con il microfono, facendo tanti programmi, e allo stesso tempo con la possibilità di registrare le sue prime canzoni.

Finita l’esperienza radiofonica, con amici forma una crew dal nome “Dark Warriors”.

Nel 2004 la stanzetta di Zio Felp si trasforma in un vero e proprio studio di registrazione dove con il gruppo realizza numerosi brani e un demo, che aveva come titolo il nome del gruppo, così nel loro piccolo giro riscuotono un notevole successo, tanto da produrre anche tanti altri ragazzi che avevano voglia di far sentire la propria voce.
una volta sciolto il gruppo, non passa molto tempo perché decida di intraprendere una
carriera solista: è il 2006 e da Terlizzi si sposta a Molfetta dove incontra altri amici, e continua a scrivere e a produrre basi. Le serate passate a fare freestyle e ad allenarsi con gli amici lo hanno portato ad esibirsi in diversi contest e a farsi conoscere in tutto il territorio pugliese.
Il
mondo del web lo ha aiutato a far sentire la sua voce anche fuori dalla Puglia tanto che nel 2007 da’ alla luce un'autoproduzione "90_La_Paura", con molti featuring, tra cui persone conosciute tramite internet e gli inseparabili amici del Palazzetto (Molfetta) con cui forma una vera e propria fratellanza non solo musicale. Lo stesso anno collabora con molti gruppi emergenti non solo locali ma anche fuori paese.
Riprende a fare live perché chiamato da diversi locali, tra cui centri sociali e Arci, e inizia a spostarsi aprendo concerti a diversi artisti, tra cui i
Pooglia Tribe a Foggia (Arci Bellamì) e Assalti Frontali (Macerie Molfetta).

Nel 2009 continua il suo lavoro da solista con un demo dal nome "Solo Un Assaggio", sempre autoprodotto, che porta in giro per ben due anni di live.

In questo periodo la musica diventa una vera e propria droga tanto che passa la maggior parte del suo tempo nell’ascolto di diversi generi musicali senza scrivere e produrre nulla; questo lo ha portato ad affinare il proprio stile e ad espandere il proprio bagaglio musicale.
Dal 2011 al 2013 inizia un susseguirsi di live affiancati da
Uncle C.B. al BeatBox e al DjSet e da MaLa (Voce Femminile) in giro per locali o piazze: 4 notti Bianche a Molfetta, la Terza Festa della Semina a Giovinazzo (Bonnot e Dj Gruff), i sette anni dell’Arci 37 a Giovinazzo, Brain Fno all’Arci Cavallo di Troia a Molfetta, Contaminazioni 2012 a Bisceglie, Sangria ReggaeParty a Bari, Street Poetry al Bellamì Foggia, più un progetto musicale con il gruppo The GangBand (dove ha riadattato i suoi pezzi e li ha esibiti live sia in locali che in piazza), un altro progetto con Noemi Salvemini (dove ha nuovamente riadattato i suoi pezzi ma dove stavolta la voce femminile si è esibita insieme a lui, non solo durante i ritornelli).

Nell'estate 2013 vince un contest di ShowCase (Steeth Rap Contest) a Barletta dove, oltre a numerosi premi, ottiene l’accesso diretto alle selezioni regionali a Terni per il 12° Festival Estivo di Piombino arrivando tra i 35 finalisti.

Nell'estate 2015 ZioFelp con il suo brano dal titolo “Cambia” vince la 12a edizione del Festival Estivo della Canzone a Piombino dedicata a giovani talenti artistici e nuove promesse della musica di ogni genere, dove ha convinto la giuria di esperti composta da Charlie Rapino, Primiano Panunzio, Niccolò Fragile, Alex Marton, Stefano Camarri, Fabio Canessa, Simone Papi, Roberto Salvadori. E lui, anche se con quel fare sbarazzino e provocatorio, resta coi piedi per terra e va avanti.

Oltre alla canzone, infatti, ZioFelp ha sorpreso tutti, pubblico e addetti ai lavori, anche per quel suo piccolo gesto di solidarietà e speranza: sensibile alle tematiche della campagna “Piombino deve vivere” durante l’esibizione si è tolto la maglietta che indossava per esibire una scritta “PiombinoVuoleFuturo”. Così sui social network è partito il "tam tam" del popolo giovanile.

Poi, per un anno, insieme al suo mentore, produttore (nonché fondatore di SKE!), ed amico di sempre Biro, comincia il lavoro vero e proprio sul primo album (mix & mastering a cura di Alex Marton) in uscita a febbraio 2016, prodotto ed edito da SKE! Entertainment e distribuito da iCompany.

Nel frattempo, tante sono le prime importanti date live, come gli opening act per l'altro suo grande amico Michele Salvemini, ovvero Caparezza, nei quali riceve importanti endorsement dallo stesso e dagli addetti ai lavori, ed anche dal pubblico, che richiede a gran voce sui social date sempre più numerose del suo show irriverente, come la sua partecipazione insieme a tanti grandi della musica italiana, sul palco del GLOBAL CLIMATE DAY, con Bandabardò, Dolcenera, Piotta, Giobbe Covatta, La Casa del Vento feat. Moneti Modena City Ramblers, Meganoidi, Tetes de Bois, Med Free Orkestra, Andrea Rivera, Sandro Joyeux, Kutso, Stag, Anonima Armonisti, Ricky Anelli.

 

 

CONTATTI & SOCIAL:

 

Sito Web www.skeentertainment.com/album/ziofelp/

Facebook www.facebook.com/ziofelpmc/

 


 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl