Amici di Paganini, concerti 22 e 27 ottobre

18/ott/2010 15.47.40 Amici di Paganini Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

                                                     

 

RASSEGNA

“Hommage à Paganini”

Genova,  29 settembre - 19 novembre 2010

 

Comunicato stampa, concerti venerdì 22 e mercoledì 27 ottobre 2010

 

 

E’ dedicato alla viola il prossimo concerto della rassegna “Hommage à Paganini”, resa possibile dal sostegno della Compagnia di San Paolo, che l’ha selezionata nell’ambito dell’edizione 2010 del bando: “Arti Sceniche in Compagnia”, organizzata dall’Associazione Amici di Paganini.

 

Venerdì 22 ottobre alle ore 20,30, nell’Auditorium dei Musei di Strada Nuova il violista Simone Gramaglia, esegue la Fantasia Cromatica per viola sola di Bach-Kodaly e il Capriccio di Vieuxtemps, che l’autore dedicò a Paganini. Accompagnato alla chitarra da Michele Trenti, Gramaglia propone ancora la celebre, ma raramente ascoltata, Sonata per la Gran Viola, con cui Niccolò Paganini volle cimentarsi in questo strumento, parente stretto del violino. Conclude il programma l’Arpeggione, sonata che Schubert scrisse originariamente per lo strumento da cui prende il nome, oggi frequentemente sostituito dalla viola.

 

Simone Gramaglia, violista del Quartetto di Cremona, si diploma con Luigi Brusini al Conservatorio di Genova, la sua città, per specializzarsi poi, fa gli altri, con Kugel e Giuranna e con Farulli e Beyerle per la musica da camera.

Michele Trenti, genovese, studia chitarra, pianoforte, fagotto, composizione e direzione d’orchestra con Milan Horvat. Fonda e dirige l’Orchestra Filarmonica Giovanile di Genova. Svolge un’intensa quanto diversificata attività sia come musicista e conferenziere che come compositore.

 

 

 

Il 27 ottobre ore 20,30, mercoledì, quinto concerto della rassegna “Hommage à Paganini”, fissato in questa data per ricordare, come da tradizione, il compleanno di Paganini. Ne è protagonista Giovanni Angeleri, terzo ed ultimo italiano a vincere il Premio Paganini.

 

L’appuntamento, sempre nell’Auditorium dei Musei di Strada Nuova, costituisce un interessante occasione di confronto fra il violinismo paganiniano e quello di autori coevi e non. A testimoniare l’approccio filologico del violinista Angeleri, accompagnato dal padre Franco al pianoforte, l’uso di strumenti d’epoca quale il violino Klotz del 1698 e il piano copia Stein del 1784.

In programma: Rondò in si minore di Schubert, una rara esecuzione de Le charme de Padoue di Paganini e, sempre di Paganini, tre Capricci, la Sonata op. 3 n° 6 e il Cantabile. Ancora: la Sonata “Didone abbandonata” di Tartini, La Ridda dei folletti: Scherzo Fantastico di Bazzini, la Cavatina da “Pezzi Romantici” op. 75 di Dvorak e la Polonaise de concert op. 5 di Wieniawski

 

Giovanni Angeleri, padovano di nascita e formazione musicale, ha studiato con Piero Toso al Conservatorio della sua città. Giovanissimo ha iniziato la carriera concertistica affermandosi in molti Concorsi internazionali, fra cui prestigioso “Paganini” di Genova nel 1997. Da allora la sua carriera lo ha portato, fra l’altro, ad interpretare i massimi capolavori del repertorio violinistico con le migliori orchestre, nelle più prestigiose sedi internazionali.

 

I concerti sono in collaborazione con il Polo Museale di Strada Nuova. Il pianoforte Steinway è gentilmente concesso da Dynamic..

 

Biglietto d’ingresso, euro 12, che scende a euro 8 per i soci e a euro 3 per gli studenti. Abbonamenti: euro 75 per il pubblico, euro 45 per i soci e euro 15 per gli studenti.

 

Per informazioni: Associazione Amici di Paganini

Telefono 010 318503 - e.mail:amici@niccolopaganini.it/ web site: www.niccolopaganini.it

 

con preghiera di pubblicazione

Marvi Rachero

338 4802945

Relazioni esterne

Amici di Paganini

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl