Il respiro sinfonico del Natale al Santo

Dopo il grande repertorio barocco delle ultime edizioni (con il Magnificat di Bach, il Dettingen Te Deum, l'Ode per il giorno di Santa Cecilia e il Messiah di Haendel), il concerto sarà interamente dedicato al romanticismo di Felix Mendelssohn-Bartholdy, con il Kyrie in re minore per coro e orchestra, il salmo Wie der Hirsch schreit op. 42 per soprano, coro e orchestra, e la monumentale Sinfonia n. 2 in si bemolle maggiore "Lobgesang" op. 52 sottotitolata "Canto di Lode".

10/dic/2010 18.26.00 Orchestra di Padova e del Veneto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il 22 dicembre appuntamento con il tradizionale Concerto di Natale offerto dalla Provincia di Padova e dall’Orchestra di Padova e del Veneto. Dedicato a Felix Mendelssohn-Bartholdy, coinvolgerà quest’anno quasi 150 esecutori, grazie al gemellaggio artistico con la Città di Friburgo e alla collaborazione con il Conservatorio Pollini.
Solidarietà agli alluvionati del Veneto con il sostegno all’iniziativa della Regione del Veneto attraverso l’SMS solidale al numero 45501.

 

Torna per il quattordicesimo anno consecutivo il tradizionale Concerto di Natale che l’Orchestra di Padova e del Veneto, con la collaborazione straordinaria della Provincia di Padova nell'ambito del cartellone di "Cultura in Scena", dedica alla Città.

L’appuntamento, che si terrà come di consueto nella prestigiosa cornice della Basilica di sant’Antonio mercoledì 22 dicembre 2010 (ore 21), sarà frutto quest’anno del sodalizio artistico tra Padova e Friburgo (città gemelle dal 1967) realizzato grazie alla collaborazione con il Comune di Padova e il Conservatorio Pollini e con il sostegno dell’E.S.U., che già ha portato all’esecuzione di Un Requiem Tedesco di Johannes Brahms nel 2009 e all’anticipazione del programma natalizio al Konzerthaus di Friburgo lo scorso 24 ottobre.

Un appuntamento dal respiro decisamente sinfonico – in linea con le più recenti conquiste di repertorio dell’OPV – che porterà davanti all'altare della Basilica del Santo quasi 150 esecutori. Insieme all’Orchestra di Padova e del Veneto il direttore Hans Michael Beuerle, i soprani Johanna Winkel e Katharina Persicke e il tenore Bernhard Gärtner . Le imponenti parti corali saranno affidate alle oltre 90 voci del Freiburger Bachchor, del Coro da camera del Consevatorio Pollini di Padova diretto da Marina Malavasi, e del coro della Stagione Armonica preparato da Sergio Balestracci.

Dopo il grande repertorio barocco delle ultime edizioni (con il Magnificat di Bach, il Dettingen Te Deum, l’Ode per il giorno di Santa Cecilia e il Messiah di Haendel), il concerto sarà interamente dedicato al romanticismo di Felix Mendelssohn-Bartholdy, con il Kyrie in re minore per coro e orchestra, il salmo Wie der Hirsch schreit op. 42 per soprano, coro e orchestra, e la monumentale Sinfonia n. 2 in si bemolle maggiore “Lobgesang” op. 52 sottotitolata “Canto di Lode”.

Oggi poco presente nel repertorio concertistico, la Sinfonia “Lobgesang”, cuore del programma del 22 dicembre, fu a lungo popolare in tutta la Germania e l’Inghilterra. Ne dobbiamo la nascita ad una commemorazione che fu molto sentita a Lipsia nel 1840: il quarto centenario dell’invenzione della stampa a caratteri mobili da parte di Johann Gutenberg, personaggio allora considerato come una sorta di eroe nazionale. Le celebrazioni durarono una settimana e la Sinfonia venne intonata per la prima volta nella Chiesa di San Tommaso di Lipsia il 25 giugno. È probabile che l’idea di una composizione con questa forma e quest’organico fosse già nei piani di Mendelssohn quando ricevette la commissione e dal carteggio sappiamo che gli schizzi dei movimenti strumentali erano già sulla carta. L’aggiunta delle voci fu successiva e da quel momento la Sinfonia venne definita da Mendelssohn una “sinfonia-cantata” nella quale il testo, pastiche dello stesso compositore tratto dal Vecchio Testamento di Lutero, primo libro dato alle stampe da Gutenberg, esplicitava ciò che gli strumenti avevano espresso in precedenza nei primi tre movimenti.

Anche quest’anno insieme alla grande musica il Concerto di Natale alla Basilica del Santo porta con sé un grande obiettivo. Provincia di Padova e OPV sostengono infatti l’iniziativa “Veneto Alluvionato” a cura del Commissariato per l’Emergenza in Veneto: inviando un SMS al numero 45501 sarà possibile donare 2 euro a favore delle popolazioni colpite dall’alluvione.

L’ingresso sarà libero e gratuito su presentazione dei cartoncini-invito in distribuzione presso lo IAT di Galleria Pedrocchi
(da lunedì a venerdì, ore 9-13, 15-18) nei giorni 13 e 14 dicembre per gli abbonati della 45a Stagione concertistica dell’OPV, dal 15 dicembre per tutti gli interessati, fino a esaurimento delle disponibilità.

 

Per informazioni:
Orchestra di Padova e del Veneto, T 049 656848-656626
Provincia di Padova, Settore Servizi alla Persona T 049 8201866

 

Orchestra di Padova e del Veneto
Ufficio stampa e relazioni con i media

T 049 656848-656626 ext. 821
E press@opvorchestra.it

www.opvorchestra.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl