Com_stampa 2/2 (solo foto) Sabato 19 febbraio ore 21:00 Spilamberto concerto Andrea Oliva e Kaleido Ensemble

18/feb/2011 10.13.34 AMICIdellaMUSICA MODENA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA DEL 19 Febbraio 2011

 

Amici della Musica di Modena

 

MOZART, BEETHOVEN, SCHUBERT per NOTE di PASSAGGIO

ANDREA OLIVA E KALEIDO ENSEMBLE a SPILAMBERTO

 

Proseguono con grande successo i concerti proposti dagli Amici della Musica di Modena nella rassegna Note di Passaggio. Sabato 19 Febbraio a Spilamberto, nella Chiesa di S. Adriano, alle  ore 21:15 saranno ospiti eccezionali il flautista Andrea Oliva ed il Trio d’archi del Kaleido Ensemble.

”Andrea Oliva è uno dei migliori flautisti della sua generazione, una stella brillante nel mondo del flauto”: cosí Sir James Galway definisce Andrea Oliva, flauto solista dell’ Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, e già Primo flauto nei Berliner Philharmoniker sotto la direzione di prestigiose bacchette quali C. Abbado, L. Maazel, V. Gerghiev, S. Oramo, M. Jansons e B. Haitink. Modenese, diplomatosi col massimo dei voti all'Istituto Musicale "Vecchi-Tonelli" sotto la guida di Gabriele Betti, si perfeziona con importanti maestri ed inizia subito una brillante carriera. Membro effettivo dell’Orchestra  Giovanile Gustav Mahler, collabora con numerose orchestre e con eminenti artisti quali, A. Lonquich, E. Pace, N. Carusi, A. Hewitt, I. Fliter, E. Segre  e J. Galway : nel marzo 2010 ha eseguito il Concerto di Nielsen con la direzione di Antonio Pappano. Tiene corsi di alto perfezionamento all'Accademia S.Cecilia, il biennio per prassi esecutiva orchestrale a Modena e masterclasses in tutto il mondo. Nel 2012 debutterà come solista alla Wigmore Hall di Londra.

Ad accompagnarlo altri membri del Kaleido Ensemble, Francesco Senese, Duccio Beluffi e Patrizio Serino anch’essi solisti, cameristi, prime parti di importanti orchestre italiane ed estere, che dopo la loro esperienza concertistica nelle più importanti sale da concerto d’Europa, Asia e America, hanno voluto insieme creare una formazione di grande duttilità, capace di eseguire i repertori più diversi.

In questo incontro di Spilamberto il programma prevede un “tradizionale” repertorio cameristico classico-romantico: due Quartetti di Mozart per flauto e archi, un Trio per archi di Beethoven ed un Movimento di trio per archi di Schubert, ma ci sarà certo in futuro l’occasione di ascoltare dal vivo anche musica contemporanea e le nuove trascrizioni commissionate dal gruppo stesso.

Il concerto è reso possibile dal contributo finanziario della Fondazione CRMO e Fondazione di Vignola, della Regione Emilia Romagna ed del Comune di Spilamberto e, come tutti i concerti della rassegna Note di Passaggio, è ad ingresso gratuito.

Per l’occasione gli Amici della Musica di Modena ed il Comune di Spilamberto offrono una Visita guidata gratuita, alle ore 16:30, alla mostra Il Tesoro di Spilamberto. Signori longobardi alla frontiera. La mostra, dedicata alla straordinaria scoperta archeologica della necropoli longobarda scavata nel 2003 sulle rive del Panaro, è ad oggi la testimonianza più consistente della presenza dei primi Longobardi nel Modenese; un ritrovamento che fa di Spilamberto un luogo nodale per la storia dell’Emilia Romagna nell’Alto Medioevo.

Per comunicazioni:  tel 059372467 - www.amicidellamusica.info

 

 

BREVE (RADIO)

 

Sabato 19 Febbraio 2011 alle ore 21:15 a Spilamberto, Chiesa di S. Adriano, gli Amici della Musica di Modena presentano, per la rassegna Note di Passaggio, il quartetto Kaleido Ensemble che eseguirà musiche di Mozart, Beethoven e Schubert. Il concerto, ad ingresso gratuito, è realizzato con il contributo del Comune  di Spilamberto, della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Fondazione Vignola e della Regione Emilia Romagna.

Per l’occasione gli Amici della Musica di Modena ed il Comune di Spilamberto offrono una visita guidata gratuita, sabato alle ore 16:30, alla mostra Il Tesoro di Spilamberto. Signori longobardi alla frontiera. Prenotazione presso la segreteria fino ad esaurimento posti (20)

Per comunicazioni:  tel 059372467 - www.amicidellamusica.info

 

 

 

19/02/2011 sabato a Spilamberto

ore 16:30 visita alla mostra

“Il Tesoro di Spilamberto. Signori longobardi alla frontiera”

 

ore 21:15 Spilamberto – Chiesa di S. Adriano (ingresso gratuito)

Note di Passaggio – Arabesque

KALEIDO ENSEMBLE

Andrea Oliva – flauto Francesco Senese – violino

Duccio Beluffi – viola Patrizio Serino – violoncello

Musiche di Mozart, Beethoven, Schubert

 

Dettaglio

ore 16:30 visita alla mostra

“Il Tesoro di Spilamberto. Signori longobardi alla frontiera”

Per comunicazioni:  tel 059372467 - www.amicidellamusica.info

 

Nell'ottocentesimo anniversario della nascita del Castello, "Il Tesoro di Spilamberto. Signori Longobardi alla frontiera" costituisce un momento essenziale per raccontare la storia della comunità.

Fra gli insediamenti che si sono fittamente susseguiti dalla notte dei tempi nel territorio di Spilamberto, dal Neolitico all'Età del Bronzo, dall'epoca Romana al Medioevo, quello dei Longobardi, ultimo portato alla luce, ci ha lasciato preziose vestigia.

L'esposizione che si apre illustra uno dei rinvenimenti più importanti avvenuti in regione negli ultimi decenni. Si tratta dei corredi funerari di una piccola necropoli attribuibile ai Longobardi e databile tra VI e VII secolo della nostra era. Alcune sepolture, attribuibili a guerrieri e a donne di rango elevato, conservavano reperti assai ricchi riferibili all'armamento, all'abbigliamento o a simboli di un ruolo di potere e prestigio all'interno della comunità.

La necropoli, rinvenuta nel corso di lavori di cava presso il corso del fiume Panaro, è certamente la testimonianza più orientale della presenza longobarda in regione; il Panaro ha rappresentato infatti proprio dall'Alto Medioevo un confine storico la cui continuità si è protratta fino all'Unità d'Italia, tanto che ancora nel Settecento la città di Reggio era chiamata Reggio Lombardia.

 

ore 21:15 Spilamberto – Chiesa di S. Adriano (ingresso gratuito)

KALEIDO ENSEMBLE

 

F. Schubert

Movimento di trio per archi in Si bemolle Maggiore D 471

Allegro

 

W.A. Mozart

Quartetto per flauto e archi in La Maggiore K 298

Andantino con variazioni, Minuetto, Rondò Allegretto Grazioso

 

L. van Beethoven

Trio per archi in Do Minore op. 9 n° 3

Allegro con spirito, Adagio con espressione, Scherzo Allegro molto e vivace, Finale presto

 

W.A. Mozart

Quartetto per flauto e archi in Re Maggiore K 285

Allegro, Adagio, Rondò

 

ANDREA OLIVA. Primo flauto solista dell’ Orchestra dell'Accademia Nazionale di S. Cecilia. Nato a Modena nel 1977 si è diplomato all'Ist. Mus. "Vecchi-Tonelli" di Modena sotto la guida di Betti, perfezionandosi poi con Montafia, Gérard e Galway. Invitato, a soli 23 anni, come Primo flauto dai Berliner Philharmoniker è stato diretto da Abbado, Maazel, Gerghiev, Haitink. Collabora con numerose orchestre quali la Scala di Milano, Bayerische Rundfunk, Mahler Chamber Orchestra. Solista con l’Orchestra di S.Cecilia diretto da Hogwood e Chung, nel 2010 ha eseguito il Concerto di Nielsen con la direzione di Antonio Pappano. Collabora con  Lonquich, Pace, Hewitt, Fliter, Segre e Galway.E’ membro del Nuovo Quintetto Italiano e del Kaleido Ensemble con i quali si è esibito in America,Europa e Asia. Ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale di Kobe e il terzo al Concorso Internazionale ARD di Monaco. Tiene corsi di alto perfezionamento all'Accademia S.Cecilia, il biennio per prassi esecutiva orchestrale a Modena e masterclasses in tutto il mondo. Ha inciso per la ARTS, Falaut edition, Chant de Linos. E’ di prossima pubblicazione un DVD didattico sul flauto per la collana “Soffia la Musica” ed il CD con la pianista Hewitt per "Hyperion". Nel 2009 ha inciso “Le merle noir” di Messiaen con il pianista A.Pepicelli. Nel 2012 debutterà come solista alla Wigmor Hall di Londra.

 

FRANCESCO SENESE. Nato nel 1976 ha iniziato lo studio del violino all'età di sette anni presso la Scuola di Musica R.Goitre di Colico proseguendo poi al Conservatorio G. Verdi di Como dove si è diplomato col massimo dei voti. Ha frequentato corsi di perfezionamento tenuti da importanti Maestri quali C. Romano, S. Georghiu, B. Senofsky, S. Kravchenko, G. Carmignola, K. Blacher. Dal 1994 al 2000 ha studiato sotto la guida del M° Sergej Krylov e dal 2000 al 2005 in Italia con il M° Pavel Vernikov e in Olanda con il celebre violinista Herman Krebbers. La sua attività concertistica lo ha portato ad esibirsi in diverse città italiane fra cui al Festival Giovani Talenti, a Milano dove ha suonato per la Società dei Concerti e a Bari per L'Accademia dei Cameristi presso il Circolo Unione del Teatro Petruzzelli. Si è esibito anche all'estero, in Germania per la Stagione Musicale di Wolfegg e al Gasteig di Monaco di Baviera, in Sud America per l'Università Politecnica Salesiana dell'Equador ed in Olanda per Holland Music Sessions. Nel 2005 è stato Primo Violino di spalla dell'Orchestra Sinfonica di Roma Collabora come prima parte con l'Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, l'Orchestra Filarmonica della Scala, l'Orchestra da Camera di Mantova. Dal 2006 è membro dell'Orchestra Mozart. Dalla stagione 2007 - 08 è diventato membro della Lucerne Festival Orchestra. Nel gennaio 2009 su invito dei Maestri Claudio Abbado e Diego Matheuz è stato chiamato a conoscere e partecipare alle attività del Sistema Orchestrale Infantile e Giovanile Venezuelano, suonando a Caracas con l'Orchestra Simon Bolivar sia da solista nel Concerto di Sibelius sia nella compagine stessa. Contemporaneamente ha tenuto delle master class per i musicisti del Sistema Orchestrale Infantile e Giovanile Venezuelano. E' membro fondatore del Kaleido Ensemble, formazione variabile con la quale affronta un vasto repertorio cameristico insieme ad alcuni dei più interessanti musicisti del panorama musicale italiano ed europeo.

 

Duccio Beluffi. Diploma di violino con Felice Cusano e maturità artistica al Conservatorio G.Verdi di Milano. Diploma svizzero al Conservatorio Superiore di Ginevra (Corrado Romano). Corsi di perfezionamento di violino con: Stevan Georghyu, Norbert Brainin (Quartetto Amadeus), Thomas Brandis (Berliner Philharmoniker), Salvatore Accardo e Franco Gulli. Corsi di musica da camera con Dario de Rosa (Trio di Trieste) e Franco Rossi (Quartetto Italiano). Vincitore di concorsi internazionali di quartetto: 1° premio Caltanissetta ’94 e Trapani, finalista e premio speciale al Paolo Borciani. Finalista al concorso internazionale di Banff (Canada). Come primo violino del quartetto Elisa ha tenuto oltre 300 concerti in europa, america, giappone ed ha inciso sei cd per varie case discografiche tra cui Dynamic. In orchestra è risultato vincitore di audizioni o concorsi pubblici (primo idoneo) presso le seguenti istituzioni:

Orchestra Regionale Toscana – Spalla primi violini

Maggio Musicale Fiorentino -  Primo dei secondi violini

Teatro alla Scala – Violino di fila

Accademia di S. Cecilia – Violino di fila

Ha frequentato corsi di perfezionamento con Wilfried Strhele (Berliner Philharmoniker) e si è diplomato in viola con lode nel settembre 2008. Nel dicembre dello stesso anno vince il concorso per il posto di Prima Viola all’Orchestra del Teatro S. Carlo di Napoli. Collabora con i Berliner Philharmoniker Camerata.

 

 

PATRIZIO SERINO, nato a Roma nel 1978, si è diplomato in violoncello con il massimo dei voti, la lode e la menzione d'onore presso il Conservatorio di S. Cecilia a Roma, sotto la guida del Maestro Strano. Ha seguito i corsi di perfezionamento tenuti dal M° Bronzi e, per la musica da camera, si è perfezionato con il Trio di Trieste e con il M° Bogino. Ha ricevuto il diploma d'onore dell'Accademia Chigiana di Siena, ed è risultato vincitore di numerosi concorsi internazionali. Fra questi, ha vinto il 1° premio assoluto al concorso "Premio trio di Trieste" per la Musica da camera. Svolge un'intensa attività concertistica per importanti festivals e associazioni musicali sia in Italia che all'estero. Ha suonato infatti come solista e in formazione di Trio per l'Accademia Nazionale di S. Cecilia, per gli Amici della Musica di Firenze, per gli Amici della Musica di Vicenza, per gli Amici della Musica di Palermo, al Teatro Nuovo di Udine, per i festival "Asolo Musica" e "Nuova Consonanza". All'estero ha svolto attività concertistica in Francia, nella Repubblica Ceca, in Spagna, in Slovenia, in Croazia, in Russia. Ha suonato come solista con importanti orchestre, quali l'Orchestra di Roma e del Lazio, l'Orchestra del Conservatorio di S.Cecilia, la Philarmonia di Roma e l'Ensemble "Il Terzo Suono". Nella sua attività di musicista ha inoltre fatto parte di gruppi cameristici di rilievo, tra cui l'Ars Trio, e collaborato con altri, quali il Quartetto Bernini. Ha suonato per la RAI ed inciso recentemente un CD sponsorizzato dalle Assicurazioni Generali. Dal Luglio 2002 è parte di Progetto KU.

 

 

 

 

 

_________________________________________________________________________

Associazione Amici della Musica Mario Pedrazzi di Modena Onlus
costituita nel 1919, iscritta Albo Associazioni della Provincia di Modena
viale A. Corassori,24 / 41124 Modena - Segreteria  tel. 059 372467 / 3311065994

www.amicidellamusica.info facebook: AmicidellaMusica Di Modena

5x1000: codice 80011550367

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl