Com_stampa Capolavori del 900 in doppio appuntamento: Lezione-concerto alle ore 15 / concerto alle ore 21:15 (2 solo foto)

18/apr/2011 10.07.49 AMICIdellaMUSICA MODENA Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

COMUNICATO STAMPA DEL 19 Aprile 2011.

 

Amici della Musica di Modena

 

Il Cammino della Nuova Musica al Teatro delle Passioni

 

Appuntamento con la musica degli ultimi cent’anni.

 

IL CAMMINO DELLA NUOVA MUSICA

capolavori del 900 proposti dall’AdM Ensemble

 

MartedÏ 19 Aprile l'ADM Ensemble sarà protagonista del Cammino della "Nuova Musica" con una lezione-concerto pomeridiana (Teatro delle Passioni ore 15) e un concerto serale (Teatro delle Passioni ore 21.15) a cura degli Amici della Musica di Modena. Nel pomeriggio un relatore, il musicologo livornese Marco Lenzi, coadiuvato dai cinque esecutori dell’ensemble, condurrà la lezione dal titolo “Germania, Francia, Italia: la nascita del ‘900 e i diversi aspetti della modernità”. Verranno esplorati, con numerosi esempi musicali e continui raffronti tra musica e arti visive, i differenti modi di “essere moderni”, i contrasti e le affinità culturali tra Germania, Francia e Italia nei primi decenni del Novecento; a confronto la Seconda Scuola di Vienna di Schönberg, Berg, Webern, la Francia di Debussy e Ravel e la “generazione dell’80” di Respighi, Pizzetti, Malipiero, Casella. Il pubblico AdM e gli studenti di Lettere e Filosofia per i quali l’iniziativa è stata promossa, avranno a disposizione un gruppo di eccezionali maestri per spiegazioni ed illustrazioni musicali dal vivo.

La sera si terrà il concerto vero e proprio (ingresso gratuito), un’appassionante sequenza di capolavori del novecento storico, molto diversi tra loro nonostante la vicinanza temporale e con valore lodevolmente didattico.

La prima parte è dedicata a Webern, allievo di Schoenberg e compositore-guida per i giovani del secondo dopoguerra. Forme brevissime, “un romanzo in un sol gesto”, alta concentrazione dei mezzi espressivi, elevato peso specifico di ogni suono sono i caratteri totalmente nuovi. L’espressione “Il cammino della nuova musica” che dà il nome al ciclo di incontri proposto dagli Amici della Musica di Modena, è anche il titolo di un ciclo di lezioni tenute dallo stesso Webern nel 1932-33. Sarà molto interessante per il pubblico confrontare i quattro pezzi op.8 per violino e pianoforte (1910) ed i tre piccoli pezzi op.11 per violoncello e pianoforte (1914), che durano pochi minuti e rappresentano la più radicale avanguardia di quegli anni, con i due brani giovanili (1899), sempre per violoncello e pianoforte, di un Webern sedicenne giustamente ancora immerso nel mondo tardoromantico che, come per tutti i compositori tedeschi di quel periodo, rappresenta il punto di partenza verso le nuove e coraggiose esperienze artistiche. Debussy nella Sonata per violoncello e pianoforte  del 1917, proprio alla fine della sua vita, torna al “passato”, e, come tutti i grandi compositori, rielabora la sua esperienza di avanguardia confrontandosi con le grandi forme della storia della musica come la sonata. La Sonatina op.28 del 1916 di Casella contiene forti elementi di sperimentazione e mette in evidenza influenze delle avanguardie che giravano in Europa in quel periodo. Ed infine ascolteremo la famosissima Kammersymphonie n.1 op.9 (1906) capolavoro dello Schoenberg pre-dodecafonico.

Gli ottimi interpreti dell’AdM Ensemble sono Gabriele Betti al flauto, Maura Gandolfo, al clarinetto, Yoko Morimyo al violino, Luca Bacelli al violoncello e Francesco Bergamasco  al pianoforte.

L’iniziativa é organizzata dagli Amici della Musica di Modena con la collaborazione della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università e con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e del Comune di Modena. Come per tutti gli spettacoli dei Concerti d’ Inverno l’ingresso è libero. All’ingresso del teatro saranno disponibili tutte le informazioni utili su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena.

 

 

BREVE (RADIO)

 

Martedì 19 Aprile al Teatro delle Passioni alle ore 15 ed alle ore 21.15, l' AdM Ensemble  sarà protagonista nella rassegna “Il Cammino della "Nuova Musica", realizzata con la collaborazione della Facoltà di Lettere e Filosofia. Nel pomeriggio il musicologo Marco Lenzi, coadiuvato da AdM Ensemble per gli esempi musicali, terrà la lezione-concerto  “Germania, Francia, Italia: la nascita del ‘900 e i diversi aspetti della modernità” con ampi collegamenti fra musica ed arti visive. Alla sera il vero e proprio concerto che prevede una sequenza di capolavori del novecento storico, tanto diversi fra loro da poter illustrare i tanti modi di essere moderni.

 

 

AdM Ensemble: creato nel 2004 da Claudio Rastelli nell’ambito dei progetti degli Amici della Musica di Modena. Dopo l’esordio nei Concerti d’Inverno 2004, l’ensemble ha tenuto concerti con organici variabili per varie istituzioni italiane ed estere. Il repertorio dell’AdM Ensemble è incentrato soprattutto sugli ultimi cent’anni di musica.

 

 

 

 

 

Martedì  19 aprile 2011 -  ore 15:00 – Teatro delle Passioni

Il cammino della “Nuova Musica”

Lezione-concerto: “Germania, Francia, Italia: la nascita del ‘900 e i diversi aspetti della modernità

con Marco Lenzi (musicologo) e AdM Ensemble

 

 

 

Martedì 19 aprile 2011 - ore 21:15 – Teatro delle Passioni

Concerti d’inverno

ADM ENSEMBLE

Gabriele Betti – flauti, Maura Gandolfo – clarinetto, Yoko Morimyo – violino

Luca Bacelli – violoncello, Francesco Bergamasco – pianoforte

A. Webern (1883-1945): Tre pezzi op.11 per violoncello e pianoforte (1914)

A. Webern Quattro pezzi per violino e pianoforte (1910)

A. Webern Due pezzi per violoncello e pianoforte (1899)

C. Debussy (1862-1918): Sonata per violoncello e pianoforte (1917)

A. Casella (1883-1947): Sonatina in tre tempi per pianoforte op.28 (1916)

A. Schoenberg (1874-1951): Kammersymphonie n.1 op.9 (1906) (versione A. Webern per cinque strumenti)

 

 

AdM Ensemble: creato nel 2004 da Claudio Rastelli nell’ambito dei progetti degli Amici della

Musica di Modena. Dopo l’esordio nei Concerti d’Inverno 2004, l’ensemble ha tenuto concerti con organici variabili per varie istituzioni italiane ed estere. Il repertorio dell’AdM Ensemble è incentrato soprattutto sugli ultimi cent’anni di musica.

 

Bacelli Luca, violoncellista,  ha iniziato lo studio del violoncello con il M° Sante Amadori e si è diplomato con il massimo dei voti presso il Conservatorio Statale di Musica “G. Rossini” di Pesaro, sotto la guida del M° Walter Di Stefano.  Suona e collabora, anche come primo violoncello, con numerose formazioni orchestrali, sinfoniche e da camera. Da Giugno 2007 suona nell’Orchestra Mozart di Bologna sotto la direzione di Claudio Abbado.

 

Betti Gabriele, flautista e docente all’Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi-Tonelli di Modena, ha studiato con Roberto Fabbriciani. Interessato alla produzione contemporanea ha eseguito in prima esecuzione  brani di Aldo Clementi, Jean Francaix, Yehudi Wyner e Salvatore Sciarrino. Ha inciso per le case discografiche Edipan, Ricordi e Rivo Alto ed ha pubblicato per Carisch.

 

Bergamasco Francesco, pianista, sin da giovanissimo ha partecipato a numerosi concorsi nazionali ed internazionali ottenendo numerosi primi premi e piazzamenti d’onore. Nel 1994 si è diplomato con il massimo dei voti al Conservatorio “G. Verdi” di Torino sotto la guida di Anna Maria Cigoli. Ha conseguito poi il diploma di composizione come allievo di Silvana Di Lotti, il diploma di II livello in discipline musicali e la laurea in storia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Torino.

 

Gandolfo Maura, clarinettista, si diploma a pieni voti nel 1997 presso il Conservatorio N. Paganini di Genova e successivamente si perfeziona presso la Musikhochschule di Lugano. Vincitrice di numerosi concorsi internazionali , collabora come solista e primo clarinetto con prestigiose orchestre e formazioni cameristiche. Dal 2007 è titolare della cattedra di strumento presso la scuola di musica del Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano.

 

Lenzi Marco: Diploma in chitarra col massimo dei voti all'Ist. "Mascagni" di Livorno sotto la guida di F. Cucchi. Studi all'Università di Pisa (laurea con lode in Filosofia con A. Gargani). Corsi di composizione con A. Clementi al GAMO di Firenze (1990-1991) e partecipazione ai Fe­rienkurse di Darmstadt (1994). Composizioni registrate dalla Cinevox per la RAI ed eseguite in importanti festival di musica contemporanea (IUC di Roma, GAMO di Firenze, “Compositori a confronto” di Reggio Emilia) e per prestigiose istituzioni (Scuola Normale di Pisa, Acca­demia Filarmonica di Bologna). Studi musicologici sui rapporti tra musica e pittura (seminari e conferenze in Italia e in Germa­nia, convegni internazionali di studio). Contributi apparsi su Mu­si­ca/Realtà, MusikTexte, Nuova civiltà delle macchi­ne, Tetraktys, Quaderni di Octandre. Prima tradu­zione integrale degli scritti di Morton Feld­man. Edizioni: SAM, Arspublica. Attività didattica presso il Liceo Classico di Livorno e l'Istituto d'Arte di Pisa.

Rastelli Claudio Inizia gli studi musicali a otto anni nella classe di violino di Alessandro Materassi. Sette anni dopo comincia gli studi di composizione e, successivamente, di pianoforte, diplomandosi in entrambi al Conservatorio di Parma. In seguito studia all’Accademia Chigiana di Siena (Franco Donatoni) e alla Scuola di Musica di Fiesole (Camillo Togni). Pianista e compositore, dal 1991 ad oggi le sue musiche sono state eseguite in numerosi paesi europei, Stati Uniti e Giappone.

Yoko Morimyo, violinista, si e' diplomata come violino solista al Conservatorio di Lugano sotto la guida del Maestro Carlo Chiarappa nel 2003. Ha collaborato con musicisti come Luisa Castellani, Omar Zoboli, Massimo Laura, Mario Ancillotti, Giorgio Bernasconi e alcuni ensemble come Divertimento Ensemble e Opera 21. In questi ultimi anni ha partecipato a diverse rassegne dedicate alla musica contemporanea come Novecento Passato e Presente e la Biennale di Venezia.

 

 

_________________________________________________________________________

Associazione Amici della Musica Mario Pedrazzi di Modena Onlus
costituita nel 1919, iscritta Albo Associazioni della Provincia di Modena
viale A. Corassori,24 / 41124 Modena - Segreteria  tel. 059 372467 / 3311065994

www.amicidellamusica.info facebook: AmicidellaMusica Di Modena

5x1000: codice 80011550367

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl