Stagione musicale 2005-06 - Quartetto di Cremona - giovedì 8 dicembre

di Cremona, fondato nel 2000, si è già affermato come una delle

23/nov/2005 10.37.25 Teatro Comunale di Monfalcone Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Teatro Comunale di Monfalcone

www.teatromonfalcone.it      

Comunicato stampa / Con viva e cortese preghiera di pubblicazione

Teatro Comunale di Monfalcone / Stagione di musica 2005-2006
Giovedì 8 dicembre ore 20.45 / Quartetto di Cremona

 

 

Il Quartetto di Cremona è protagonista del prossimo appuntamento della stagione musicale del Teatro Comunale di Monfalcone: giovedì 8 dicembre, alle ore 20.45 gli archi di Cristiano Guaico, Paolo Andreoli, Simone Gramaglia e Giovanni Scaglione eseguiranno musiche di Franz Joseph Haydn, Luciano Berio e Franz Schubert.

 

Il Quartetto di Cremona, fondato nel 2000, si è già affermato come una delle realtà cameristiche italiane più interessanti.  Nato dall’unione di musicisti formatisi all’Accademia W. Stauffer del Maestro Salvatore Accardo, e cresciuto in seno alla Scuola di Musica di Fiesole, il Quartetto di Cremona ha avuto uno sviluppo velocissimo che lo ha portato, e lo porterà, ad esibirsi in Italia e all’estero nei contesti più prestigiosi.

Citiamo qui la Wigmore Hall di Londra, la Beethoven Haus di Bonn, il Perth International Art Festival in Australia, il Barge Music a New York, il Festival di Turku, la GOG (Genova), gli Amici della Musica di Firenze, l’Associazione Filarmonica Laudamo di Messina.

Ovunque abbia portato la sua musica, il gruppo ha entusiasmato il pubblico e la critica. “Strad Magazine” ha elogiato il “suono estremamente lirico e maturo” dei quattro; la stampa australiana ha definito l’ensemble “la gloria del Perth Festival 2004” e “Amadeus” ha recensito una sua registrazione col massimo giudizio tecnico e artistico. L’ultima importante affermazione è stata al “IV Concorso Internazionale” di Melbourne, dove, dopo una durissima selezione mondiale, il Quartetto di Cremona ha ottenuto il secondo premio.

A seguito di questo e, grazie al grande successo di pubblico, l’ensemble è stato subito invitato per un lungo tour australiano. Tra i tanti riconoscimenti si citano: il primo premio con menzione al merito alla “Rassegna per Quartetto d’Archi” di Vittorio Veneto e al concorso internazionale “Zinetti”, il primo premio al Concorso Internazionale per Quartetto “Rotary” di Cremona e il secondo premio al “Vittorio Gui” di Firenze.

A riprova della volontà di approfondimento e di crescita, i giovani musicisti hanno seguito e seguiranno molti corsi con importanti maestri di fama internazionale tra cui R. Schmidt (Hagen Quartet) e P. Katz (Cleveland Quartet) nell’ambito del “ProQuartet – CEMC professional training programme”.

La caratteristica più rilevante del Quartetto di Cremona è il continuo confronto con il pubblico, la comunicatività delle sue esecuzioni e il costante approfondimento della retorica e della poetica musicale sia in senso storico filologico, sia in funzione del coinvolgimento dell’ascoltatore.

Seguiti artisticamente dal loro amato insegnante Hatto Beyerle (quartetto Alban Berg), i musicisti del Quartetto affrontano un repertorio vastissimo, partendo dalle prime opere di Haydn e arrivando alla musica contemporanea, nell’ambito della quale nutrono particolare interesse per il lavoro dei compositori italiani.

 

E molto vasto e “inconsueto” è il programma deciso per la performance monfalconese.

Il concerto avrà inizio con il Quartetto n.2 in do maggiore dei Sonnenquartette op.20 di Franz Joseph Haydn: questi quartetti concludono la prima grande stagione cameristica haydniana, in una raccolta che definisce in modo ancor più chiaro e personale il linguaggio compositivo dell’autore. L’immagine del sole deriva dall’apporto grafico dell’editore (Il titolo richiama infatti dall'immagine raffigurata sul frontespizio edito da Hummel nel 1779), ma sicuramente restituisce lo spirito di alta perfezione tecnica che Haydn raggiunge in questo ciclo. Nella limpidezza dei toni e nella pienezza del fraseggio si scopre anche una nuova luce gettata sul mondo interiore.

 

Brusco il salto cronologico e stilistico verso Glosse di Luciano Berio: la composizione, del 1996, è stata richiesta all’autore per contribuire al “Premio Paolo Borciani”. Il risultato è una serie discontinua di abbozzi, di schizzi musicali che sembrano brevi ma efficaci commenti a un “quartetto virtuale”, una sorta di variazioni pittoriche senza uno sviluppo omogeneo.

 

La seconda parte è dedicata a uno dei più celebri e importanti quartetti della produzione schubertiana: il Quartetto in re minore, D 810, La morte e la fanciulla.

Il tema del secondo movimento del quartetto è tratto dal poema di Matthias Claudius, Der Tod und das Mädchen, già utilizzato da Schubert per il famoso omonimo Lied, e proprio da questo il quartetto deriva il proprio nome.

L’atmosfera è appassionata e scura, i ritmi quelli suggestivi di una danza macabra e amara, solo poche volte interrotta da frasi piane e luminose.

Una conclusione d’eccezione, quindi, assegnata a una delle pagine più famose e toccanti della storia della musica che metterà in luce la grande potenza comunicativa dei quattro giovani solisti

 

I biglietti sono in vendita, a partire venerdì 25 novembre, presso la Biglietteria del Teatro (tel. 0481 790 470), dal lunedì al sabato, dalle 17 alle 19, e durante le proiezioni cinematografiche del fine settimana.

E’ possibile, per chi risiede fuori Monfalcone, effettuare prenotazioni telefoniche.

 

Per ulteriori informazioni e/o fotografie:

Ufficio Stampa: Roberta Sodomaco – Clara Giangaspero

Tel. 0481 494 369 / Fax 494 352 / teatro@comune.monfalcone.go.it

www.teatromonfalcone.it

 

AVVERTENZA | Decreto Legislativo 196/2003 art. 13. Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali. Gli indirizzi E-Mail presenti nel nostro archivio provengono da richieste di iscrizioni pervenute al nostro recapito o da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati in Internet, da dove sono stati prelevati. I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto del Decreto Legislativo 196/2003 art. 13. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo scrivendo come indicato l'indirizzo di posta elettronica che desiderate rimuovere dalla lista. Abbiamo cura di evitare fastidiosi invii multipli; laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl