Stagione di prosa e concerti 2005/2006: GENNAIO

12/dic/2005 10.37.05 Teatro Comunale di Monfalcone Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Teatro Comunale di Monfalcone

www.teatromonfalcone.it

 

 

Stagione teatrale 2005/2006 - Programmazione di GENNAIO

 

Prosegue la stagione di prosa e concerti del Teatro Comunale di Monfalcone. Il nuovo anno si apre con il ritorno del grande pianista canadese Louis Lortie, protagonista di un concerto tutto dedicato all’età romantica; seguono, ad animare il cartellone dei concerti, due appuntamenti con la rassegna ‘900&oltre dedicata al repertorio contemporaneo: il concerto del Duo Pepicelli e, a chiudere il mese di gennaio, quello dell’Ensemble Nuovo Contrappunto, diretto da Mario Ancillotti e affiancato dalla soprano Susanna Rigacci, interpreti di una serata dedicata alle suggestioni che la poesia di Mallarmé ha evocato in alcuni compositori.

Il cartellone della prosa, invece, prevede due appuntamenti con contrAZIONI. Nuovi percorsi scenici: il già annunciato spettacolo Todos Caballeros con David Riondino e Dario Vergassola (che, in programma il 7 dicembre, è stato annullato per un’improvvisa indisponibilità dei due interpreti e viene recuperato il 27 gennaio) e lo spettacolo Storie di scorie, scritto, diretto e interpretato da Ulderico Pesce, un’amara quanto coinvolgente analisi della questione “nucleare” in Italia; far gli spettacoli più “classici”, invece, la bella pièce scritta e diretta da Ugo Chiti I ragazzi di via della Scala, interpretata dagli attori della compagnia Arca Azzurra Teatro.

 

martedì 10 gennaio 2006 ore 20.45

Louis Lortie pianoforte                                                                                   

In programma musiche di Richard Wagner, Franz Liszt, Thomas Adès, Fryderyk Chopin

Ancora un graditissimo ritorno, quello del grande Louis Lortie, il pianista più e più volte apprezzato e stimato con affetto dal pubblico del Comunale. Di grande spessore la proposta di programma, tutto incentrato su alcuni momenti – fra i più emblematici – dell’età romantica: Liszt, Wagner, Chopin. Unica eccezione, nel centro della prima parte, la pagina dell’inglese Thomas Adès, il compositore più dotato della nuova generazione.

 

martedì 17 gennaio 2006 ore 20.45 / '900&oltre                                                        

Duo Pepicelli                                                                                                           

Francesco Pepicelli violoncello

Angelo Pepicelli pianoforte

In programma musiche di Ottorino Respighi, Alfredo Casella, Gabriel Fauré, Claude Debussy

Il Duo Pepicelli nasce dall’affinità spirituale e dalla comune ricerca stilistico-tecnica che unisce i fratelli Angelo (pianoforte) e Francesco (violoncello). I due interpreti approfondiscono la loro formazione con il Trio di Trieste e presso la Scuola di musica di Fiesole; dopo i molti riconoscimenti nazionali, si aggiudicano un prestigioso terzo posto al Concorso internazionale “Gui”. Oltre all’intensa attività concertistica, importanti sono le incisioni discografiche del duo. La critica specializzata ha particolarmente elogiato le registrazioni dedicate ad Alfredo Casella, e (tra le altre) proprio una sonata del compositore torinese arricchirà il concerto monfalconese. La prima parte del programma infatti è interamente dedicata al primo Novecento, repertorio per cui il duo è un importante riferimento nel panorama italiano; la seconda parte è tutta francese, nel segno di una sublime “recherche” armonica e timbrica.

 

giovedì 19 gennaio 2006 ore 20.45 / contrAZIONI. Nuovi percorsi scenici - B

Storie di scorie

scritto, diretto e interpretato da Ulderico Pesce

Storie di scorie parte dalla lotta del popolo lucano contro il decreto 314 (decreto del governo Berlusconi che stabiliva la realizzazione, a Scanzano Jonico, del deposito unico di scorie nucleari italiane) per ricostruire la storia dell’industria nucleare italiana e raccontare il pericolo che ancora oggi rappresentano le centrali atomiche e i rifiuti radioattivi.
A raccontare questa inquietante storia è il quarantenne Nicola: attraverso le peripezie della sua vita, infatti, scopriremo quanti e quali gravi incidenti sono avvenuti in Italia nel settore nucleare e verremo a conoscenza di indagini della magistratura e di illeciti di cui non si è mai parlato.
Ulderico Pesce, autore ed interprete di uno spettacolo che alla narrazione interseca i toni della denuncia sociale e le armonie della tradizione musicale popolare italiana, coglie nel segno (si pensi ai segnali di apertura al nucleare del governo italiano o all’acquisto da parte dell’Enel di sei centrali nucleari in Slovacchia) e ci restituisce un grande esempio di teatro civile.

martedì 24, mercoledì 25 gennaio 2006 ore 20.45

I ragazzi di Via della Scala – Cinque storie scellerate

scritto e diretto da Ugo Chiti

Anni cinquanta. Alcuni “ragazzini” si ritrovano nel grande androne di un palazzo di periferia per raccontarsi “storie di paura”. Il pianerottolo e il vano delle scale si tramutano, quindi, in un luogo deputato a evocare fiabe e leggende, come quella, ad esempio, di San Giuliano, il Santo assassino spinto da una profezia a trucidare i genitori per poi espiare la colpa. Allo stesso modo, la presenza quotidiana di un personaggio misterioso che attraversa le scale suggerisce una fiaba solo in parte riconducibile a quella de La bella e la bestia.

Nello spettacolo, che vuole essere una metaforica riflessione su un’età indifesa e, in senso più allargato, una parabola sull’abuso e la violenza del potere, le vicende dei “bambini” s’intrecciano in un doppio gioco di rappresentazione in cui il “quotidiano” e il “fiabesco” diventano entrambi strumenti per esorcizzare paure, angosce e smarrimenti dell’età infantile.

 

venerdì 27 gennaio 2006 ore 20.45 - fuori abbonamento / contrAZIONI. Nuovi percorsi scenici

Todos Caballeros ovvero Ballate per Don Chisciotte y Sancho Panza

scritto, diretto e interpretato da

David Riondino e Dario Vergassola

A 400 anni dalla pubblicazione della celeberrima opera del Cervantes, David Riondino decide con grande gioia di interpretare un personaggio letterario di tale spessore e accetta, “a malincuore”, la scelta caduta su Dario Vergassola per l’interpretazione del fido scudiero Sancho Panza.

Come allora, i moderni interpreti viaggiano fra visioni e incantamenti, amori, follie e epiche avventure: ne deriva un gioco surreale e farsesco, in bilico fra la Spagna medioevale e l’Italia dei nostri giorni, in cui il pubblico viene continuamente coinvolto, fino al totale inserimento nella storia.

Accettare questa sfida significherà, forse, essere scambiati per pazzi ma almeno nessuno (né gli interpreti né gli spettatori) avrà rinunciato ad essere paladino dell'ideale, portabandiera di un sogno per il quale vale la pena di battersi!

Perché tutti hanno bisogno d’incantamento e tutti, alla fine, saranno cavalieri. Todos caballeros!

 

martedì 31 gennaio 2006 ore 20.45 / '900&oltre

Ensemble Nuovo Contrappunto         

Susanna Rigacci soprano

Mario Ancillotti direttore

Autour de Stéphane Mallarmé

In programma musiche di Claude Debussy, Maurice Ravel, Ernest Chausson, Igor Stravinskij, Matteo D’Amico

Di nuovo complice il prezioso ambiente fiesolano, Nuovo Contrappunto nasce nel 1998 dalle attività del Laboratorio di Musica Contemporanea della Scuola di Musica, sotto l’impulso entusiastico di Mario Ancillotti. L’organico del complesso è variabile, e la sua duttilità consente ad esso di allargare lo sguardo “oltre” la musica: così le collaborazioni dell’Ensemble si estendono al mondo della letteratura, del teatro, delle arti visive. La serata celebra uno tra i più intensi connubi tra suono e parola: il verso già musicalissimo di Mallarmé si riverbera in nuove, rarefatte vibrazioni con Debussy, Ravel, Matteo D’Amico. Evidenti le affinità con le altre pagine solo strumentali e con l’Op. 37 di Chausson. Le Trois poésies de la Lyrique japonaise di Stravinskij sono qui accostate ai Trois poèmes di Ravel, come sentitamente sperato dal musicista francese, e come realmente accaduto nella prima esecuzione del 1914.

 

I biglietti sono in vendita presso la Biglietteria del Teatro (corso del Popolo 20, tel. 0481 790 470, da lunedì a sabato, ore 17-19) e in prevendita presso Ticketpoint di Trieste e ACUS di Udine. E’ possibile, per chi risiede fuori Monfalcone, prenotare telefonicamente i posti.

 

 

Ufficio Stampa: Roberta Sodomaco – Clara Giangaspero

Tel. 0481 494 369 / Fax 494 352 / teatro@comune.monfalcone.go.it

 

AVVERTENZA | Decreto Legislativo 196/2003 art. 13. Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali. Gli indirizzi E-Mail presenti nel nostro archivio provengono da richieste di iscrizioni pervenute al nostro recapito o da elenchi e servizi di pubblico dominio pubblicati in Internet, da dove sono stati prelevati. I Vs. dati sono acquisiti, conservati e trattati nel rispetto del Decreto Legislativo 196/2003 art. 13. Il titolare dei dati potrà richiederne in qualsiasi momento la conferma dell'esistenza, la modifica o cancellazione come previsto dall'articolo 13. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta ma può succedere che il messaggio pervenga anche a persone non interessate, in tal caso vi preghiamo di segnalarcelo scrivendo come indicato l'indirizzo di posta elettronica che desiderate rimuovere dalla lista. Abbiamo cura di evitare fastidiosi invii multipli; laddove ciò avvenisse ce ne scusiamo sin d'ora invitandovi a segnalarcelo immediatamente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl