QUANDO LA MUSICA SPEZZA IL FILO SPINATO - Reading musicale dedicato ad Alice Herz-Sommer all'Auditorium del Centro Culturale Altinate San Gaetano di Padova

QUANDO LA MUSICA SPEZZA IL FILO SPINATO - Reading musicale dedicato ad Alice Herz-Sommer all'Auditorium del Centro Culturale Altinate San Gaetano di Padova.

Persone Alessandra Canella, Fabio Boverio, Miriam Engelberg, Stefano Piantoni, Serena Sinigaglia, Alessio Nardin, Andrea Vesentini, Stefano Cacciaguerra, Matteo Ierimonte, Veronica Franco, Lilith, Carlo Rotondo Napoletano, Charlotte Salomon, Ramona Munteanu, Irene Turri Nata, Valeria Palumbo Caporedattore, Alice Herz-Sommer, Alessandro Magno, Miranda, San Gaetano
Luoghi Roma, Italia, Padova, Milano, Mantova, Siena, Venezia, Verona, Amsterdam, Samarcanda, Reading
Argomenti cinema, musica, spettacolo, letteratura

26/gen/2012 12.24.35 Studio PRP Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

ALICE HERZ-SOMMER,

QUANDO LA MUSICA SPEZZA IL FILO SPINATO

reading musicale

 

sabato 28 gennaio 2012 alle ore 11.00,

all'Auditorium del Centro Culturale Altinate San Gaetano

nell'ambito delle Celebrazioni per il Giorno della Memoria

 

 

Nell’ambito delle Celebrazioni padovane per il Giorno della Memoria, all’Auditorium del Centro Culturale San Gaetano di Padova avrà luogo sabato 28 gennaio 2012 alle ore 11.00 un reading musicale dedicato ad Alice Herz Sommer, dal titolo "Alice Herz-Sommer, quando la musica spezza il filo spinato", a cura di Valeria Palumbo.

 

Alice Herz-Sommer era una promettente pianista praghese di famiglia ebraica e lingua tedesca. L'invasione nazista e le deportazioni sconvolsero la sua vita ma la sua musica e il suo ottimismo le permisero di sopravvivere al lager e di far sopravvivere suo figlio. Una storia luminosa nell'orrore della Shoah, raccontata da Valeria Palumbo e Irene Turri, tra prosa e poesia. Con l'esecuzione al piano delle musiche più amate dalla pianista da parte di Ramona Munteanu e la proiezione degli acquarelli di Charlotte Salomon, concessi dal Jewish Museum di Amsterdam e montati in video da Carlo Rotondo.

 

Alice Herz-Sommer. Quando la musica spezza il filo spinato

Sabato 28 gennaio 2012 ore 11.00

Auditorium del Centro Culturale Altinate San Gaetano

Via Altinate, 71 Padova

 

Ingresso Libero

 

Per informazioni

Progetto Giardino dei Giusti del Mondo

Palazzo Moroni, via del Municipio, 1 - 35122 Padova

telefono 049 8205238

e-mail giusti@comune.padova.it

 

Valeria Palumbo

Caporedattore centrale de L’Europeo conduce reading teatrali, lezioni e incontri a rassegne storiche e letterarie. Membro della Sis, ha pubblicato nel 2003 Prestami il volto (edizioni Selene, premio Il Paese delle donne, 2006). Per Sonzogno sono usciti: Le Donne di Alessandro Magno (2005), Donne di Piacere (2005) e La perfidia delle donne (2006). Del maggio 2007 è Svestite da uomo (Bur); del 2008 Le figlie di Lilith (Odradek); del 2009 L’ora delle Ragazze Alpha (Fermento, premio selezione Anguillara Sabazia 2010). Del 2010 sono La Divina suocera, riedizione di Lo sguardo di Matidia (2004, Selene), e Dalla chioma di Athena (Odradek). Del 2011, Veronica Franco, cortigiana e poetessa (Edizionianordest).

 

Irene Turri

Nata a Verona nel 1985 è regista attrice e produttrice teatrale e cinematografica. Per il cinema ha girato come interprete più di dieci corti con Matteo Ierimonte (regista veronese), fra i quali “Il Magico evento di un teatro archetipo” (Festival 'Visionaria' di Siena - 2006). Ha lavorato nei corti “Colleghi di malattia” (Siena - 2006) di Stefano Cacciaguerra (Direttore Artistico del SHORTini Film Festival) e “Alle porte della notte” (Verona - 2006) di Andrea Vesentini. Per il teatro nel 2009 è Miranda ne “La tempesta” in versione commedia dell'arte, per la regia di Alessio Nardin (VeneziaInScena, Venezia) nell'ambito del Carnevale veneziano. Ha partecipato allo spettacolo “Solstizio d'estate” di Serena Sinigaglia (A.T.I.R., Milano) nell'ambito della mostra La forza del bello, Palazzo Tè, Mantova. Nel 2008 ha prodotto insieme a Stefano Piantoni, e interpretato il monologo “Tutto il formaggio del mondo” di S. Piantoni (dal fumetto autobiografico “Il cancro mi ha reso più frivola” di Miriam Engelberg) con la regia di Fabio Boverio. Monologo con il quale ha vinto il Premio Borsa Lavoro dell’Accademia dei Filodrammatici di Milano.

 

Carlo Rotondo

Napoletano, classe ’61, si avvicina alla fotografia a 15 anni. Lavora in bianco e nero e sviluppa in proprio nella camera oscura. Nel frattempo, si laurea in sociologia e vive due anni a Roma per frequentare un Master in economia. Il trasferimento a Milano è dell’87, dove, attualmente è Direttore del Personale di un’azienda privata nel settore editoriale. Negli ultimi anni adotta il digitale. Fotografo ufficiale della manifestazione MITO . Ha pubblicato alcune sue foto su L’Europeo, il Corriere della Sera, BBC History. Realizza progetti di proiezione fotografiche, video, montaggi video e regie multimediali in occasione di reading teatrali. Sono in corso di preparazione due mostre sull’uso sapiente delle mani e sui volti di Samarcanda.

 

 

Ufficio Stampa

Studio Pierrepi di Alessandra Canella

Via delle Belle Parti, 17 -  35141 Padova (Italy)

mob. (+39) 345-7154654

canella@studiopierrepi.it

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl