Trio ClassicoRomantico al Teatro San Salvatore di Bologna

Giovedi,29 marzo alle 21,00,la Collina delle Fate presenta al Teatro San Salvatore,in via Volto Santo 1, a Bologna il primo concerto della stagione.

Persone Felix Mendelssohn Bartholdy, Carlo Evasio Soliva, Mikhail Glinka, Mendelsshon, Innocenzo Danzi, Franz Danzi, Claudia D'Ippolito, Paolo Rosetti, Alessandro Restivo, Wolfang Amadeus Mozart
Luoghi Bologna
Argomenti musica, musica classica

11/mar/2012 21.11.19 Associazione culturale la Collina delle Fate Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Giovedi,29 marzo alle 21,00,la Collina delle Fate presenta al Teatro San Salvatore,in via Volto Santo 1, a Bologna il primo concerto della stagione.La Collina delle Fate è un’associazione senza scopo di lucro attiva in ambito artistico. Ha cominciato la propria attività nel marzo 2011 e da allora ha già prodotto, organizzato e promosso: il concerto itinerante “Racconti di Primavera”, rassegna di melodie, romanze e poesie del repertorio italiano tra Ottocento e Novecento, “Musica Pittura e Poesia tra gli Angeli”, mostra di pittura con scelta di musiche dal vivo e poesie tutto dedicato agli Angeli, “Il Ventaglio magico”, divertente raccolta di brani d’opera e di prosa. L’associazione si compone di giovani professionisti tra cui musicisti, cantanti, pittori, attori, fotografi che collaborano insieme. Gli eventi hanno l’obiettivo di far sorgere a Bologna un nuovo centro di cultura ad alto livello. Il primo concerto del cartellone vede il clarinettista Alessandro Restivo, il fagottista Paolo Rosetti e la pianista Claudia D´Ippolito eseguire brani di Soliva-Mozart, Danzi, Mendelsshon, Glinka. Si tratta di una formazione molto particolare che affronta un repertorio poco conosciuto di grande classe e di forte impatto emotivo che nella musica del russo Glinka raggiunge l´intensità e il dramma ´romantico´ nella maniera più sublime.Gli artisti già molto conosciuti come solisti e in formazioni da camera hanno raccolto con questo ´Trio´,che vanta un elevato livello d´insieme, entusiastici consensi in diversi teatri e sale da concerto italiane. http://collinafate.blogspot.com

Carlo Evasio Soliva (1791 1853) è stato un compositore e musicista svizzero-italiano.

Egli ha voluto fare un omaggio a Mozart proprio con questo Trio e come si usava all'epoca, ha riproposto arie d'opera famose per un organico ridotto, in modo da poter anche "promuovere" nelle piazze le opere stesse.

 

Franz Danzi (1763 - 1826) è stato un compositore, violoncellista e direttore d'orchestra tedesco, figlio del noto violoncellista italiano Innocenzo Danzi.  Visse in un periodo fondamentale per la musica europea: la sua carriera attraversa la transizione fra classicismo musicale ed il primo periodo romantico. Ha scritto soprattutto musica cameristica e sinfonica; il Concertino è stato scritto originariamente per clarinetto fagotto e piccolo ensemble di fiati, poi ridotto per pianoforte.

  

Felix Mendelssohn Bartholdy (1809 1847) è stato un compositore, direttore d'orchestra, pianista e organista tedesco. Faceva parte di un’antica famiglia della nobiltà ebrea che, per distinguersi da altri Mendelssohn, aveva aggiunto al cognome originario quello di Bartholdy. Si rivelò un compositore prolifico fin dalla più giovane età. I due Concertpiece nascono per la formazione di clarinetto, corno di bassetto e pianoforte, ed è nata successivamente anche una trascrizione orchestrale.

Mikhail Glinka è stato un compositore russo, considerato il fondatore del nazionalismo russo in musica. Nel Trio Pathétique in re minore, per clarinetto, fagotto e pianoforte, l'aggettivo "patetico" è abbastanza inspiegabile per questo lavoro giovanile di Glinka, scritto con ogni probabilità nel corso del 1832, durante il periodo "italiano". Esso appare giustificato soltanto dall'espressivo terzo movimento, percorso da un'intensa invenzione lirica ispirata con molta evidenza allo stile belcantistico. Altro modello ispiratore per il giovane russo, in questa partitura, è l'eleganza romantica di Mendelssohn, a cui attingono l'ariosità degli svolgimenti e la naturalezza conquistatrice delle idee melodiche.

 


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl