20 e 21 marzo a Monfalcone: Sei personaggi di Pirandello con Carlo Cecchi

10/mar/2006 05.24.20 Teatro Comunale di Monfalcone Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Teatro Comunale di Monfalcone

www.teatromonfalcone.it

 

Comunicato stampa: Con viva e cortese preghiera di pubblicazione


Teatro Comunale di Monfalcone / Stagione di prosa 2005-2006

Sei personaggi in cerca d’autore  (20-21 marzo) con Carlo Cecchi

 

La stagione di prosa del Teatro Comunale di Monfalcone prosegue, lunedì 20 e martedì 21 marzo, con inizio alle ore 20.45, con un capolavoro assoluto della letteratura italiana: Sei personaggi in cerca d’autore, di Luigi Pirandello. La regia è firmata da Carlo Cecchi, che sarà anche sul palcoscenico ad interpretare (non a caso) il personaggio del Regista, assieme, tra gli altri, a un impeccabile Paolo Graziosi nel ruolo del Padre.

 

Questa produzione del pirandelliano Sei personaggi  (del Teatro Stabile delle Marche) è tra gli spettacoli di maggior successo delle ultime stagioni, ed è tra gli eventi di prosa più amati dal pubblico e dalla critica. Il “giuoco delle parti” del dramma della solitudine e dell'incomunicabilità è restituito, infatti, nella visione di Cecchi, con un linguaggio straordinariamente originale, sorprendente per asciuttezza ed ironia.

 

Quando debuttò a Roma, nel 1921, Sei personaggi in cerca d’autore suscitò reazioni contrastanti tra il pubblico, diviso tra ammirazione e sdegno per l’opera ed il suo autore, Luigi Pirandello, voce critica e autorevole della crisi europea culturale e sociale del secondo Ottocento. Tuttavia, diffusa era la sensazione di aver assistito ad uno spettacolo innovativo, destinato a rivoluzionare la scena italiana del Novecento.

Durante le prove di un testo teatrale irrompe sul palcoscenico un gruppo di sei misteriosi Personaggi, membri di un’unica, tormentata famiglia, che chiedono al capocomico e agli attori di rappresentare il loro dramma. L’autore che li ha creati rifiuta di farli vivere sulla scena, negando quell’immortalità che solo l’arte può dare alla vita. Ciascuno racconta frammenti di storie personali che insieme compongono una verità fatta di abbandoni, sofferenza, desideri di vendetta. Ma quando gli attori iniziano a recitare, i Personaggi non si riconoscono in una rappresentazione che sentono inadeguata, e invadono la scena, riappropriandosi dei “ruoli”, fino al tragico finale annunciato. L’idea che la verità del teatro sia l’unica possibile realtà, e una profonda sfiducia nei confronti delle convenzioni sociali sono il fulcro della trilogia pirandelliana del “teatro nel teatro” a cui Sei personaggi in cerca d’autore appartiene, insieme a Questa sera si recita a soggetto e Ciascuno a suo modo. Attraverso una formula drammaturgica rivoluzionaria, si abbattono i confini dello spazio teatrale, dissacrandolo e mescolandolo con l’urgenza del reale, in una rappresentazione lucida e tragica della perdita d’identità dell’uomo contemporaneo.

 

Scrive Cecchi nelle sue note di regia: “[…] Al centro di quasi tutte le commedie annegate nel dramma, drammi annegati nella commedia, tragedie annegate nella farsa, farse annegate nella tragedia, ecc. ecc., al centro di tutti questi annegamenti pirandelliani c’è sempre, o quasi sempre, una famiglia. […] la vita in famiglia delle due famiglie è quanto di più difficile e tormentato: odi disprezzi strazi sdegni ricatti vendette fra padre madre figlio figliastri fratelli fratellastri sorellastre […] Il ritratto che ne viene fuori potrebbe essere atroce se Pirandello, come sempre fa, non annegasse quell’inferno d’irrealtà e d’imbecillità borghese nell’aura dolciastra del dibattito pseudo-filosofico e pseudo-estetico”.

 

Per questo spettacolo Carlo Cecchi ha ricevuto il premio Maschera d¹oro come miglior interprete, mentre a Paolo Graziosi è andato il premio come miglior attore agli Oscar Olimpici del teatro (Vicenza, 30 settembre 2005) in cui anche la giovane Antonia Truppo (la Figliastra) è stata riconosciuta come miglior attrice esordiente.

 

I biglietti sono in vendita presso la Biglietteria del Teatro (tel. 0481 790 470), dal lunedì al sabato, dalle 17 alle 19, e durante le proiezioni cinematografiche del fine settimana. E’ possibile, per chi risiede fuori Monfalcone, effettuare prenotazioni telefoniche.

 

L’incontro con Carlo Cecchi, previsto per martedì 21 marzo alle ore 18 presso la sala conferenze della Biblioteca Comunale, è stato annullato.

 

Per ulteriori informazioni e/o fotografie:

Ufficio Stampa: Roberta Sodomaco – Clara Giangaspero

Tel. 0481 494 369 / Fax 494 352 / teatro@comune.monfalcone.go.it

www.teatromonfalcone.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl