Musica e propaganda nel Secolo Breve Pistoia, Convegno internazionale (18-20 maggio, 2012)

02/mag/2012 16.42.46 Boccherini Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


La musica è stata spesso strumentalizzata dai regimi e dai governi, grazie al suo potere evocativo e al fatto di potersi ascrivere ai più differenti e multivalenti significati. In che modo si possono ritrovare le tracce della propaganda nella musica? Questa è la questione centrale posta dal convegno «Musica e propaganda nel secolo breve», che si svolgerà dal 18 al 20 maggio prossimi presso l’UNISER-Polo Universitario Pistoiese. Il simposio, organizzato dal “Centro Studi Opera Omnia Luigi Boccherini” e dagli Amici di Groppoli in collaborazione con l’Università di Granada e il Ministero di Ciencia e Educacion, ha il patrocinio della Provincia di Pistoia, e il contributo di Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia.


Molto è stato scritto sul rapporto tra musica e propaganda tra le due guerre mondiali; al contrario sono ancora necessari studi specifici sul tema nel Dopoguerra. Il progetto intende indagare in particolar modo le modalità in cui la politica ha imposto il proprio consenso durante il secolo xx, sia in ambito istituzionale che al di fuori di esso. 
Decine di relatori provenienti da Europa, America, Asia e Africa, si ritrovano a Pistoia per discutere aspetti storici, estetici e sociologici afferenti ai rapporti della propaganda musicale con la stampa, i media radiofonici e televisici, la politica diplomatica, e le diverse istituzioni musicali. Saranno pertanto discusse relazioni sulla popular music in Germania, ex-Yugoslavia, Taiwan, Sudafrica, Germania dell’Est, Polonia, così come sull’identità musicale spagnola durante il periodo di Franco per giungere a temi più recenti come la musica utilizzata nella campagna presidenziale americana di Bush nel 2004.
Fra i numerosi partecipanti si segnalano le due Keynote speakers del convegno: Gemma Pérez ZalduonoMaría Isabel Cabrera García, professoresse dell’Università di Granada, che esploreranno le strategie culturali e artistiche della propaganda sotto il regime di Franco.

La direzione scientifica del simposio è affidata a un comitato di studiosi composto da Federico Celestini, Roberto Illiano, Massimiliano Locanto, Fulvia Morabito, Gemma Pérez Zalduondo e Massimiliano Sala. Le relazioni presentate saranno pubblicate all’interno di un volume miscellaneo per la prestigiosa serie Speculum Musicae, edita dalla Brepols Publishers di Turnhout (Belgio).

Al seguente indirizzo è possibile visionare e scaricare il programma del convegno:

http://www.luigiboccherini.org/images/propaganda.pdf

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl