19/nov/2008 11.49.26 Orchestra Sinfonica di Savona Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il 20 novembre al Duomo di Savona, torna il grande sinfonismo con un concerto dell’Orchestra

Sinfonica di Savona condotta dal suo direttore stabile Filippo Maria Bressan.

Il programma in qualche modo si ricollega idealmente a quello che, sempre al Duomo, due anni

fa mise accanto il celeberrimo Requiem mozartiano al Cantus in memory of Benjamin Britten

che l’autore Arvo Pärt volle dedicare per quell’ocasione alla giornalista Anna Politovskaja. Non

sarebbe errato dire che Bressan presenterà al pubblico una sorta di ideale viaggio nel

sinfonismo, dal Classicismo all’epoca moderna. Bressan, infatti, accanto alla Sinfonia n. 7 in do

maggiore, “Le Midi” di Franz Joseph Haydn ha messo la Sinfonia n. 6 in do maggiore, detta “La

piccola” di Franz Schubert, all’interno di un programma che chiude simbolicamente col

Novecento del Requiem per soli archi di Toru Takemitsu.

Un viaggio ideale, appunto, che inizia con la cifra classica di una delle pagine più note del

sinfonismo settecentesco. In seno al suo vastissimo catalogo, Haydn ritagliò anche piccoli

momenti nei quali alla purezza della forma conferì nuovi significati dando dei titoli in qualche

modo programmatici. E’ appunto il caso della cosiddetta “Trilogia del Giorno” e completata da

“Le matin” e “Le soir” (eseguita l’8 dicembre 2007 dalla Sinfonica, al Chiabrera, sempre con la

direzione di Bressan). Nessuna intenzione programmatica invece nel titolo dato alla Sinfonia

schubertiana, “La piccola”, che appare invece contrapposta alla “Grande” (la Sinfonia n. 9 del

1828) ma certamente non nel senso del giudizio di valore.

Non mancherà di destare l’interesse del pubblico la bellissima pagina di Toru Takemitsu. Il

compositore nipponico scomparso nel 1996, scrisse il suo Requiem nel 1957. Noto al grande

pubblico per aver composto oltre cento colonne sonore di film tra le quali quelle per La donna

di sabbia di Hiroshi Teshigahara, Pioggia nera di Shohei Imamura e per il capolavoro di Akira

Kurosawa, Ran, Takemitsu possiede uno stile unico nel quale la tradizione musicale occidentale

si fa linfa vitale per l’inserimento di una maniera orientaleggiante.

Anche il concerto di giovedì 20 dicembre, sarà preceduto da una Guida all’Ascolto che si

svolgerà alle 10 di giovedì stesso, in Duomo.

Il botteghino è aperto per la prevendita dei biglietti da martedì 18 novembre presso il Teatro

Chiabrera (ore 10-12 e 16-19). Per informazioni 019 824663,

ufficiostampa@orchestrasavona.it









blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl