Amici Paganini, concerto straordinario 17 giugno, Dubach e i 24 Capricci di Paganini

11/giu/2009 16.50.34 Amici di Paganini Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

ASSOCIAZIONE AMICI DI PAGANINI

 

 

CONCERTO STRAORDINARIO 17 GIUGNO 2009

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

 

Alexandre Dubach, violinista svizzero particolarmente dedito alle musiche di Paganini, regala alla nostra città l’impegnativa esecuzione integrale dei 24 Capricci opera 1, di Niccolò Paganini, per violino solo, che il grande violinista dedicò “Agli Artisti”, cioè all’impegno riservato ai soli professionisti.

 

L’appuntamento, a cura degli Amici di Paganini, è per mercoledì 17 giugno alle ore 21 nella Sala degli Argenti del Palazzo del Principe, piazza del Principe, 4 (fra via Andrea Doria e via Fanti D’Italia, l’ entrata si affaccia sulla rotatoria con fontana al centro). L’ingresso è libero.

 

A metà del XVIII secolo per Capriccio s’intende “cadenza solistica”, talvolta all’interno di un Concerto, oppure “Studio, esercizio tecnico”. Paganini riunisce questi due contenuti, li arricchisce della propria creatività e dà un significato nuovo al Capriccio.

I Capricci paganiniani possono definirsi una raccolta di esercizi scolastici trasformata in “musica”. Musica che è stata ed è fonte di ispirazione per molti musicisti ad iniziare da Liszt, che nel 1838 compose le Etudes de concert d’execution transcendante d’après des Caprices de Paganini.

I 24 Capricci sono divisi nell’autografo in tre raccolte — i primi sei Opera Ima;  Opera 2da gli altri sei, Opera 3za i restanti dodici  — non sono databili, ma vengono comunque portati a termine entro il 24 novembre 1817 secondo la data apposta sulle lastre. Ricordi pubblica la raccolta nel giugno 1820, con i brani numerati progressivamente. Non risulta che l’autore li abbia mai eseguiti in pubblico.

L’esecuzione integrale dei 24 Capricci è un tour de force che pochi violinisti affrontano, rara è quindi l’opportunità di poterli ascoltare a concerto. All’impegno dell’esecutore corrisponde anche quello dell’ascoltatore, che in questa occasione potrà seguirli sul programma di sala con una breve descrizione delle caratteristiche tecniche di ognuno.

 

Alexandre Dubach, virtuoso di violino originario di Thun, nel Cantone di Berna, è stato allievo di Ulrich Lehmann, Yehudi Menuhin, Nathan Milstein e Salvatore Accardo, ha debuttato all’età di 15 anni come solista nel concerto di Mendelssohn. Ha vinto diversi prestigiosi premi, fra i quali il “Lipizer” a Gorizia. Numerose tournée l’hanno portato all’estero, fin nel lontano Giappone. Nel 2007 si è esibito in concerto in Germania, Polonia, Italia, Romania e Cina. In Svizzera è regolare ospite di festival musicali. Si esibisce abitualmente come solista, in formazioni da camera, accompagnato al pianoforte dalla sorella Daniela e con prestigiose orchestre sinfoniche. Parallelamente, svolge attività di insegnante. La sua grande passione è Niccolò Paganini, di cui è fervente ammiratore, e le cui composizioni non mancano mai nei suoi programmi. Accompagnato dall’Orchestra sinfonica di Monte Carlo, Dubach ha registrato i 6 concerti per violino di Paganini per la “Claves Records”, incisione molto apprezzata e lodata dalla critica specializzata, ad esempio da Joachim Hartnack nel suo saggio “Grosse Geiger unserer Zeit” (“I grandi violinisti dei nostri tempi”).

 

Grazie anche per questo concerto all’ospitalità della “Società Arti Doria Pamphilij”.

 

L’ingresso è libero, sarà gradita un’offerta.

 

All. foto

 

 

Grazie per la pubblicazione

Marvi Rachero

010 318503

338 4802945

Associazione “Amici di Paganini” tel: 010 318503

e-mail: amici@niccolopaganini.it  web site : www.niccolopaganini.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl