Un quintetto d'eccellenza al Moody Jazz Cafè

Un quintetto d'eccellenza al Moody Jazz Cafè MOODY JAZZ CAFE'Via Nedo Nadi, 5 - 71100 Foggia - Tel. 0881-71.14.32 e-mail: info@moodyjazzcafe.itweb: www.moodyjazzcafe.it www.myspace.com/moodyjazzcafe "Che c'è di meglio di un caldo concerto jazz per riscaldare le freddi notti invernali?

05/gen/2010 17.57.57 Moody Jazz Cafè Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

MOODY JAZZ CAFE'
Via Nedo Nadi, 5 - 71100 Foggia - Tel. 0881-71.14.32
e-mail:
info@moodyjazzcafe.it
web: www.moodyjazzcafe.it       www.myspace.com/moodyjazzcafe

 

 

 

"Che c'è di meglio di un caldo concerto jazz per riscaldare le freddi notti invernali? "
"Certo che c'è di meglio...ma non è detto che non si possa fare dopo"
el Niño

 

 

Venerdì 8 Gennaio 2010
PIETRO CIANCAGLINI 5TET IN
“HOMAGE TO MINGUS”

Max Ionata (Mario Biondi, Gegè Telesforo...)
Daniele Tittarelli (Enrico Rava, Roberto Gatto...)
Pietro Lussu (Nicola Conte, Fabrizio Bosso...)
Walter Paoli
(Stefano Bollani, Irene Grandi...)

 Arriva a Foggia il sentito tributo del contrabbassista italiano al grande Maestro

ingresso ore 21:39 - concerto ore 22:26
Biglietto € 12
abbonati Lune...dì Jazz € 10

 

 

La rassegna “Lune … dì jazz” apre il 2010 con un tributo a una delle più grandi leggende del jazz.

Venerdì 8 gennaio ingresso 21:39 - concerto 22:26 sul palco del Moody Jazz Cafè di via Nedo Nadi, 5 a Foggia si esibirà il Pietro Ciancaglini 5 tet in “Homage to Mingus”

 

Pietro Ciancaglini inizia a studiare il contrabbassista a 16 anni. Dopo gli studi arrivano le collaborazioni con Ettore Fioravanti, Roberto Gatto, Rita Marcotulli, Enrico Rava, Sandro Satta, Stefano Di Battista, Enrico Pieranunzi, Jack Walrath, Steve Grossmann che lo portano a essere considerato uno dei contrabbassisti più preparati della scena jazzistica italiana. L’entrata nel 2001 negli High Five, la più prestigiosa formazione italiana jazz del decennio, e la collaborazione con Nicola Conte all’album “Other directions” uscito per la Blue Note, ne sanciscono la consacrazione. Nel 2009 pubblica a suo nome “Reincarnation of Lovebird – Homage to Mingus” album nel quale riesamina e filtra in maniera personale l’opera dell’Underdog per eccellenza della musica. C’è l’addio a Eric Dolphy di So long Eric, la genialità di Haitian Fight Song, Moanin e My Jelly Roll Soul lasciate intatte nel mood, il quasi funky di Nostalgia in Times Squares e la spirituale e politica Freedom: un pugno di classici più due inediti  a firma Ciancaglini che mostrano dedizione verso il Maestro e freschezza nell’interpretazione della sua arte.

 

La sera dell’8 gennaio  al Moody Jazz Cafè Ciancigliani sarà accompagnato dagli stessi musicisti che hanno lavorato sull’album, in assoluto tra i migliori rappresentanti della scena jazz italiana: Daniele Tittarelli (sax alto,) Max Ionata (sax tenore), Pietro Lussu (piano) e Walter Paoli (batteria). Questo quintetto tratterà le idee di Mingus rielaborandole in maniera intima, distanziandosi dalla semplice riproposizione senza perdere il feeling che  The angry man of jazz  ha immesso nelle sue composizioni.

 

Il musicista: Pietro Ciancaglini
Nato a Roma nel 1975, si è avvicinato dodicenne al basso elettrico, quindi introdotto alla pratica jazz da Massimo Moriconi, a 16 ha intrapreso lo studio del contrabbasso, portando avanti parallelamente la formazione classica, con il diploma di Conservatorio, e l’improvvisazione. Ha iniziato la sua attività jazzistica, suonando con Marcello Rosa, Ettore Fioravanti, Maurizio Giammarco, Roberto Gatto, Stefano  D’Anna, Pietro Tonolo, Nicola Stilo. Dal 1994 al 2002 lavora con Rita Marcotulli sia all’omaggio a Truffaut che in quartetto suonando nei più importanti festival italiani e olandesi. Nel 1995 intraprende una collaborazione on il sassofonista Rosario Giuliani, registrando “Luggage” per Dreyfus. Dal 2001 è membro del quintetto High Five gruppo di punta della scena italiana, con cui ha inciso “Jazz For More”(2002), “Jazz Desire”(2004) per la Via Veneto jazz e l’acclamato “Handful Of Soul” assieme al cantante Mario Biondi per la Schema records, già disco di platino. Dal 2004 è co-leader del trio LTC (Lussu, Tucci, Ciancaglini) con il quale ha registrato “Hikmet” (Via Veneto jazz) assieme al sassofonista newyorkese Mark Turner; il trio ha inoltre appena registrato un nuovo lavoro di prossima uscita. Collabora con il deejay, produttore e chitarrista Nicola Conte con cui ha inciso, per la prestigiosa etichetta americana Blue Note, l’album “Other Directions”.

 

Il progetto: “Reincarnation of Lovebird – Homage to Mingus
Proprio all’aura di Charles Mingus – uno dei suoi idoli come strumentista, compositore e organizzatore di situazioni sonore - è diretta l’attenzione di Pietro Ciancaglini, contrabbassista versatile e poliedrico forte di numerose collaborazioni e partecipazioni con importanti musicisti dell’ambito jazzistico e non solo. Al Mingus uomo, asceta, che suonava quasi come se stesse facendo vibrare la sua anima, dedica un progetto in quintetto (talvolta sestetto con la presenza dell’ospite Javier Girotto) avvalendosi di alcuni tra i migliori jazzisti attivi nel panorama italiano, ognuno con propria identità e bagaglio musicale. Il quintetto regala un repertorio complesso e variegato, che pesca in ogni piega del repertorio multicolore del contrabbassista e genio afro-americano, con brani riarrangiati e riadattati per la formazione, ma mostra anche inesauribile sete di novità con riletture complesse e partiture originali dello stesso Ciancaglini. Il contrabbassista romano ha sentito l’esigenza di prendere la musica di Mingus, manipolarla, renderla materia di confronto, di scambio e di gioco. Questo è il fertile terreno per esprimere le potenzialità e le peculiarità del quintetto, formato da musicisti voluti dal leader romano per condividere un autentico viaggio attraverso la musica di Mingus; che diventa, in questa occasione, materia per l’espressione artistica più libera che ogni singolo elemento del gruppo ha da offrire. La tecnica eccellente che i cinque musicisti possiedono ed esprimono non diventa mai tecnicismo fastidioso, superfluo, scrupolosità molesta.

 

 In allegato:

- la foto dell’artista

- la locandina dell’appuntamento
 

 Date un occhiate a questo:

·        http://www.youtube.com/watch?v=VNKz8K1lwSk

·        http://www.youtube.com/watch?v=dYBZQPtFk5s&feature=related

·        http://www.youtube.com/watch?v=iGAGUrgA30A&feature=related

·        http://www.youtube.com/watch?v=77R-bDNjtRI

·        http://209.85.129.132/search?q=cache:rOtpnc-0vlkJ:www.dustygroove.com/item.php%3Fid%3Dpmnm6t5353+homage+to+mingus+ciancaglini&cd=2&hl=it&ct=clnk&gl=it

·        http://italia.allaboutjazz.com/php/article.php?id=2982

 

I PROSSIMI APPUNTAMENTI di Gennaio

Lune … dì 18 gennaio 2010        

DIEGO AMADOR flamenco & jazz 4tet
DIEGO AMADOR - pianoforte e canto flamenco
JULIAN HEREDIA - contrabbasso
ISRAEL VARELA - batteria
EL CHURRY - percussioni 

 

Venerdì  29 gennaio 2010          

BEBO FERRA / RITA MARCOTULLI “LUAR” 4tet
BEBO FERRA - chitarra
RITA MARCOTULLI - pianoforte
RAFFAELLO PARETI - contrabbasso
MARCO DECIMO - violoncello

 

....e tantissime altre sorprese

Pace, el Niño

  

Gentili Signore / Signori, ai sensi dell'art.13 del codice sulla privacy (D.Lgs 196 del 30 giugno 2003), le e-mail informative possono essere inviate solo con il consenso del destinatario. Il suo indirizzo si trova nella nostra mailing list. Sperando che le nostre comunicazioni siano a Lei gradite, le assicuriamo che i suoi dati saranno trattati con estrema riservatezza e non verranno divulgati.   Se non fosse di Vostro interesse ricevere le nostre e-mail, prego informarcene e provvederemo a cancellarVi. Cordiali saluti. La Direzione.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl