Mario Donatone Soul Circus

19/gen/2011 17.13.02 MyPresslab Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Felt Music Club Presenta:

Mario Donatone Soul Circus

27 Gennaio, inizio concerto ore 22, via degli ausoni 84

 

 

Roma, 27 Gennaio, un sensazionale concerto al Felt Music Club con Mario Donatone Soul Circus, una “band vocale”, formata da cantanti-strumentisti di grande esperienza in ambito blues, soul, world, gospel e il jazz che fonde tutti questi stili in un unico sound colorato e trascinante.

 

La Band

 

Mario Donatone-piano,tastiere,voce

Giò Bosco-voce,percussioni

Luna Whibbe-voce,percussioni,chitarra acustica

Roberto Ferrante-voce,percussioni,batteria

 

Alcune Info:

 

Mario Donatone Soul Circus e World Spirit Choir, il grande coro multietnico della capitale, hanno inciso insieme un cd di gospel e world music che si chiama “A Christmas card of Peace”. L'iniziativa ha dato vita ad un originale esempio di soul-gospel con echi world gioioso che fa ballare ed emozionare. Il sound afro-caraibico dei duetti di Herry Bellafonte e Miriam Makeba si fonde con il Gospel Blues a tinte hawaiane del Ry Cooder anni '70, il Funky neroamericano e le suggestioni world dell'orchestra di Piazza Vittorio. Un sound davvero unico.

 

Ingresso: 2 euro + Tessera (5 euro)

 

Contatti:

 

tel. 06 401978

mob. 345 1602994

 

email:

info@feltmusic.it

comunicati@mypresslab.com

 

www.feltmusic.itlocale eventi musica dal vivo a Roma

www.mypresslab.comufficio stampa eventi e artisti emergenti

 

Biografia

 

..."il blues intenso di Mario Donatone "... (Enciclopedia del blues e della musica neroamericana, Edizioni Arcana)

 

Pianista, cantante e arrangiatore, nato a Roma il 25-3-1963, muove i primi passi nel circuito musicale negli anni '80, mettendosi in luce come solista e come accompagnatore di artisti statunitensi di blues, soul e jazz in turneè in Italia (tra gli altri Harold Bradley, Linda Young, Beverly Watson, Michael Allen, Crystal White, Herbie Goins, Cheryl Porter). Nel 1986 inizia una collaborazione fondamentale per la sua formazione artistica con il jazzista e musicologo Francesco Forti, con il quale esplora le radici della musica afroamericana. Formano insieme il 'Roma Spiritual Group', tra i primi gruppi vocali di spiritual e gospel in Italia, propongono una serie fortunata di concerti e seminari storico-musicali dall'86 al '99 (da ricordare la partecipazione al ciclo di lezioni-concerto 'La storia del jazz' all'Università di Roma La Sapienza nell’87), partecipano a varie trasmissioni radiofoniche e televisive (Maurizio Costanzo show, Roxy Bar e altre). Il suo primo lavoro discografico è “Blues immaginario”, inciso per la Splas(h)! Records nell’89, un LP che viene definito “una sintesi energica, schietta e a tratti originale di blues, jazz e rock”(Luciano Federighi, Musica jazz). Sono qui già evidenti le caratteristiche del suo blues-jazz d’autore raffinato e viscerale al tempo stesso, con un repertorio che va da brani originali a classici del blues a brani d’autore legati a momenti diversi della tradizione musicale americana (Monk, Hendrix). Il suo percorso come solista va in parallelo con le tante collaborazioni; negli anni ’90 si dedica molto al gospel. Oltre al “Roma Spiritual Group” svolge attività didattica, dirige cori e collabora con cantanti e gruppi vocali neroamericani, tra cui Laverne Jackson, Robin Brown, Jubelee Love Train, Bronzville American Gospel, Soul Food To Go. Da ricordare la pertecipazione assieme ai Bronzville ad un concerto allo stadio Olimpico di Roma nell’ambito della manifestazione del “Giubileo degli sportivi” nell’ottobre 2000 tenuto alla presenza di papa Giovanni Paolo II. Questo bagaglio di esperienze affina le sue doti di performer; si esibisce in moltissimi clubs e in alcuni importanti festivals come solista e leader di propri gruppi (Milano blues, Dreams in blues a Villa Celimontana a Roma, Castel S.Pietro blues, Trasimeno blues e altri). Guadagna attestazioni di stima da critica e colleghi: ”E’ con Roberto Ciotti uno dei veterani della scena blues romana. Come un sacerdote del Delta ha mantenuto viva la tradizione…” (Ernesto Assante, Repubblica), ”Uno dei migliori rappresentanti del pianoforte e della vocalità blues in Italia” (Simone Mercurio, La Stampa) ”Con il suo stile coinvolgente al pianoforte ha convinto e portato acqua al mulino del blues, facendo riscoprire anche la bellezza del gospel e del blues più tradizionale.” (Fabio Treves). Nel 2000 incide il cd “Mario Donatone’s One night band” con la new LM Records, un disco fatto prevalentemente di brani originali e qualche cover che evidenzia il consueto blues feeling sostenuto da arrangiamenti, firmati insieme al batterista Massimo Cappa, che tracciano una linea stilistica che va da Steve Winwood a Donald Fagen.Anche la sua esperienza di arrangiatore di gruppi vocali è testimoniata da due cd:”Roma world spirit”(Isma Records, 2001), e “The Peacemaker-Soul Food To Go”( Time Stretch Recording, 2003), progetti in cui in modi diversi si cerca di contaminare il gospel con il jazz e con la musica etnica. Nel 2004 pubblica due cd solistici in una rigorosa dimensione acustica: il primo è ”Verdi in blue”, rilettura jazzistica della musica di Verdi con suoi arrangiamenti insieme al Velotti-Battisti Ensemble per la Isma Records, che rappresenta la sua prima incursione nel jazz strumentale in un progetto di grande spessore culturale. Il secondo è “A long, old lonesome day blues” per la new LM Records; quest’ultimo lavoro, inciso in perfetta solitudine, è un tributo alla dimensione “one piano man show” con un viaggio nella memoria della musica americana che va da Jelly Roll Morton a Norah Jones, passando per Ray Charles e Randy Newman; qui propone tutta la sua gamma di interprete evidenziando il suo pianismo percussivo in debito con tutta la tradizione neroamericana su cui prende forma una vocalità intensa che evoca la più schietta radice blues del grido e del racconto. Attualmente, oltre alla promozione di questi nuovi progetti, sta proponendo dal vivo il suo nuovo gruppo “Mario Donatone’s Latino Blues Bar”, con il quale sta anche lavorando al suo prossimo progetto discografico.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl