COMUNICATO sezione MUSICA JAZZ

Chi ama, studia e ascolta jazz conosce la serie di libri Aebersold Jazz, "A New Approach To Jazz Improvisation", da oltre quarant'anni una sorta di manifesto della didattica jazz americana.

Persone Alessandro Rubino
Luoghi Italia, Europa, Napoli
Organizzazioni Cfm, Volontè & Co
Argomenti musica

30/mag/2012 12.24.43 JazzPaths Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

A Napoli il primo workshop sulla serie Aebersold Jazz. 


Chi ama, studia e ascolta jazz conosce la serie di libri Aebersold Jazz, "A New Approach To Jazz Improvisation", da oltre quarant'anni una sorta di manifesto della didattica jazz americana. È usata da musicisti di tutto il mondo e i suoi princìpi sono adottati da diverse istituzioni didattiche musicali anche in Europa.

L'intera collezione è costituita da centinaia di volumi, ognuno con uno o più cd di supporto contenenti le registrazioni di brani jazz e progressioni armoniche di studio, suonate da un'impeccabile sezione ritmica di professionisti della scena jazz contemporanea. 

Per molto tempo disponibile solo in inglese da qualche anno è in corso la traduzione in italiano ad opera della Volontè & Co


Per approfondire il temi della serie italiana della Aebersold Jazz il 23 giugno si terrà a Napoli un seminario gratuito che presenta un'introduzione al metodo di improvvisazione di Jamey Aebersold usando il materiale delle edizioni italiane dei Volumi 1 e 24. 


Il workshop, organizzato da JazzPaths.com, è ospitato dal Cfm di Napoli e presentato da Alessandro Rubino, traduttore e curatore della serie Aebersold Jazz in Italia, edita dalla Volontè & Co. 


Attraverso una breve esposizione della teoria di base, esempi musicali dal vivo, suggerimenti e consigli, i partecipanti verranno coinvolti da subito nella creazione melodica e nell'improvvisazione su semplici strutture musicali. 


La discussione è rivolta a musicisti principianti di qualsiasi strumento (cantanti compresi) o ad appassionati di jazz e le conoscenze musicali richieste sono minime. La lettura del pentagramma e la conoscenza delle scale maggiori e minori è un buon prerequisito, sebbene non indispensabile, per trarre il massimo profitto dal workshop. Chi ha già qualche esperienza può portare con sè lo strumento e cimentarsi subito con gli esercizi e gli esempi dati durante la giornata di studio.

Per partecipare basta iscriversi al sito JazzPaths.com 


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl