Com.Stampa: Last Minute-Fuori Programma- NOT "Noise fo Trouble" MARTEDI 11 MARZO - 28DiVinoJazz

Allegati

10/mar/2014 14.20.48 28DiVino Jazz Club Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Comunicato Stampa: Last Minute! Grazie x il sostegno Buona settimana. La prossima mail vi arriva con i tre live di questa settimana. Marc Reynaud.

FUORI PROGRAMMA - Unica data a Roma - Musica a Cappello!

NOT - Noise Of Trouble
Marco Colonna, clarinetti
Luca Corrado, banjo!
Cristian Lombardi, batteria
Ivan Radicioni, voce - testi

Un insieme narrativo di sonorità cupe e distorte, libere dai canoni dell’ovvietà, legate in maniera indissolubile alla libertà espressiva della realtà noise, perfetto parallelismo con il dolore e la violenza consumata in una società dominata dalla nascosta dittatura. Dopo i migranti di Bloody Route e il caos sociale e politico di DISTOPIA (votato come migliore uscita del 2013 da ALIAS) non poteva esserci che una riflessione sulla questione Palestinese. Attraverso la poesia di Mahmud Darwish e la figura di Vittorio Arrigoni, Noise of Trouble tornano sulla strada ampliando le loro sonorità e cercando, come sempre, la frattura, la crepa in cui far sopravvivere le coscienze e la memoria. Una Musica, una storia, una performance da vivere rigorosamente LIVE!

Estratto Intervista a Marco Colonna da Luigi Onori su Distopia.

..."Per noi - pro­se­gue Marco Colonna - il disco e la musica sono come una forma di rea­zione. Vera sen­tita e visce­rale. Non ci sen­tiamo coperti di lava, anzi… Ci sen­tiamo pronti a rea­gire. Riguardo alla musica, il jazz è la mia casa. È il mio modo di inter­pre­tare ciò che vedo, il mio lin­guag­gio insomma. Ma pen­sando al 2001 è venuto spon­ta­neo ricor­dare le imma­gini con quanto ascol­ta­vamo in quel periodo: Rage Against The Machine, Public Enemy, le posse ita­liane, ma anche John Col­trane e Albert Ayler. Per il disco abbiamo cer­cato di met­tere in rela­zione que­ste iden­tità, e abbiamo sco­perto che non erano così distanti. Gra­zie al suono ela­bo­rato insieme ad Andrea Pet­ti­nelli e al Con­sor­zio Zdb, siamo riu­sciti a creare il muro di suono che occor­reva per amal­ga­marlo con i con­te­nuti del disco. Musi­cal­mente ci hanno eti­chet­tato da subito come band jaz­z­core, ma io non credo affatto nelle eti­chette. Per un pro­getto come Disto­pia era neces­sa­rio evo­care la vio­lenza, subita e per­pe­trata da scel­le­rati che hanno sulla coscienza la morte di Carlo (Giu­liani). E molto, troppo altro… Le peri­pe­zie che hanno fatto slit­tare l’uscita del cd di quasi un anno e mezzo ve le rispar­mio… Ma alla fine gra­zie alla volontà di Bri­ga­di­sco ed alla pro­du­zione di Cri­stian Lom­bardi (bat­te­ri­sta dei NOT) siamo riu­sciti a tenere in mano un pro­getto a cui tene­vamo tantissimo».....
Link:
http://ilmanifesto.it/il-nostro-jazz-omaggio-ai-sogni-infranti-a-genova/
 
Ingresso: 5,00 euro drink incluso:-) ( più tessera) - Musica a Cappello !

28 DiVino Jazz - www.28divino.com
Via Mirtandola, 21 - 00182 Roma
Dopo le 16.00 : 340 82 49 718

 



Questa e-mail è priva di virus e malware perché è attiva la protezione avast! Antivirus .


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl