ALUEI SBARCA AL LIDO CON LA SUA MUSICA DEL DIVENIRE

22/ago/2014 21:41:50 Esther Fontana Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

ALUEI SBARCA AL LIDO CON LA SUA MUSICA DEL DIVENIRE
Con il suo nuovo nome artistico, il compositore Louis Siciliano presenta a Venezia la sua nuova colonna sonora.

Dopo il grande successo del suo ultimo tour mondiale col nuovo nome ALUEI, il 
compositore e polistrumentista Louis Siciliano ritorna al cinema realizzando la colonna sonora del film "IO E' MORTO" per la regia di Alberto De Venezia, IPNOTICA PRODUZIONI. La pellicola sarà proiettata durante la 71 Mostra Internazionale del Cinema di Venezia il  1 Settembre in Sala Pasinetti alle 17:30. Novità assoluta nella lavorazione di questa colonna sonora è l'applicazione della "Musica del Divenire", originalissima concezione musicale che unisce le più avanzate tecniche cognitive, che operano in tempo reale sull'emisfero destro del cervello e che interagiscono a loro volta con le tecnologie più all'avanguardia (sensori, intelligenza artificiale, creazione di sonorità elettroniche inedite, strumenti musicali cibernetici) agli strumenti musicali e alle prassi esecutive delle Tradizioni delle grandi civiltà del passato (Indiana, Persiana, Yoruba, Incaica, Celtica, Greco-Romana, Aborigena).Grazie all'applicazione della "Musica del Divenire" al cinema, la colonna racconta le vibrazioni e le note nascoste nella pellicola, "suonate" dai movimenti degli attori, dalle parole, dai vuoti e dai pieni, dai colori, dalle luci. Non più, quindi, una colonna sonora scritta prima su partitura. Non più, quindi, una colonna, dettata soltanto dall'emisfero sinistro del cervello, ma venuta fuori attraverso i processi neuronali generati dall'emisfero destro del cervello. Una colonna che è nata nell'istante stesso in cui è stato visionato il film ed è stata registrata interamente ed esclusivamente dal compositore che, suonando da solo più di 80 strumenti provenienti dalle più svariate parti del mondo e appartenenti a diverse epoche e luoghi, ha scelto solo e soltanto nell'istante stesso in cui ha visto la pellicola, quelli più giusti, quelli che gli hanno suggerito le vibrazioni della pellicola stessa. Per saperne di più su questo nuovo ed innovativo genere compositivo, abbiamo raggiunto telefonicamente ALUEI, in questo periodo ospite del grande regista Krzysztof Zanussi. Alla domanda sulle dinamiche di questo processo compositivo, ALUEI risponde, dopo aver precisato che si tratta di composizione ma non di improvvisazione, raccontandoci un'antica leggenda cinese: " Un pittore venne incaricato dall'imperatore di disegnare un granchio. Il pittore accettò, chiedendo però una villa, dodici servitori e cinque anni di tempo. Trascorsi, l'imperatore gli fece visita, e domandando il disegno promesso, ebbe come risposta, che non era ancora pronto, e che occorrevano altri cinque anni. Passarono anche questi, e l'imperatore tornò e chiese il disegno. Il pittore si fece portare dal domestico un foglio e un pennello. Ed in un istante, di un solo gesto, disegnò il più bel granchio e perfetto che si fosse mai visto".


Trailer - "Louis Siciliano - ALUEI e la musica del divenire"








--
Inviato da Gmail Mobile

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl