La canzone napoletana che piace anche al Nord.

13/mag/2009 20.57.00 ragucci Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La canzone napoletana che piace anche al Nord.



La melodia classica

napoletana unisce l’Italia, non la divide. E’ proprio il caso di dirlo

dopo la presentazione alla stampa de “Le classiche napoletane e la loro

storia”, album d’esordio di Luigi Paragone, un sannita a Varese, che da

tempo canta Napoli soprattutto al Nord.

Alla conferenza stampa,

tenutasi il 13 maggio al Bluestone, moderata dal giornalista Pasquale

Esposito, è intervenuto anche il governatore della Regione Campania

Antonio Bassolino che ha dichiarato: “la musica napoletana è un bene

culturale da salvaguardare e valorizzare, che necessita di un

riconoscimento formale come quello di essere inserita dall’Unesco nel

Patrimonio dell’Umanità.”Presente allo showcase il figlio di Luigi

Paragone, Gianluigi, giornalista di prestigio, vicedirettore di

“Libero”, conduttore su Raidue di “Malpensa Italia”, nonché ex

direttore del quotidiano “La Padania” che ha ricordato le sue radici e

il suo amore per la melodia partenopea, patrimonio ereditario di una

regione, dichiarando di aver regalato la prima copia del disco a

Vittorio Feltri.

“Le classiche napoletane e la loro storia”, edito

dalla Gennarelli Bideri, si avvale del supporto artistico di

validissimi esponenti dell’Accademia Mandolinistica Napoletana come

Mauro Squillante, Leonardo Massa e Leonardo Lospalluti che, insieme

alla voce matura di Luigi Paragone, hanno regalato l’atmosfera di un

moderno concertino, colto ma legato alla tradizione, lontano dall’

oleografia come da qualsiasi ibrido imposto dalla moda della

contaminazione a ogni costo.



Ufficio stampa Gennarelli Bideri

Manuela

Ragucci

3383116674

manuela.ragucci@tin.it





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl