Semplicemente Jazz… Fabrizio Bosso feat D.E.A. trio & Max Ionata.

Bluestone Martedì 19 maggio 22.30 "Quest'artista torinese di 29 è già una certezza, ma andrà lontanissimo perché alla tecnica perfetta aggiungerà esperienza musicale e quanto gli insegnerà la vita.

18/mag/2009 15.19.41 teresa catapano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Bluestone Martedì 19 maggio 22.30
 
“Quest’artista torinese di 29 è già una certezza, ma andrà lontanissimo perché alla tecnica perfetta aggiungerà esperienza musicale e quanto gli insegnerà la vita. Dentro la tromba si soffia tutto, amori e dolori, frustrazioni e gioie.”. Questo diceva di lui Vincenzo Cerami qualche anno fa, oggi Fabrizio Bosso è un trombettista (oramai uno dei migliori a livello mondiale) con un curriculum alle spalle che è impossibile snocciolare in poche righe e che nella sua inseparabile tromba soffia un misto di sensazioni, quelle che si generano dal feeling che si riesce a creare con il pubblico. Dotato di grandissima sensibilità e di una tecnica ineccepibile, Bosso si avvale di un linguaggio unico e personale frutto di una grande ricerca stilistica. Passando dalla magia della tradizione all’evocazione del be-bop e dell’hard-bop degli anni ‘60, arriva all’elaborazione di un suono del tutto originale, costituita da mille sfumature.
Vanta collaborazioni con numerosi artisti italiani da Cammariere a Conte, ultima quella con Califano in uscita proprio in questi giorni con un album di inediti in cui spicca anche il brano che vede la partecipazione di Bosso.
Sono invece del 2008 gli ultimi due album realizzati da Fabrizio, “Sol !” progetto discografico, (Emy Italia) dalle sonorità latine in cui Bosso ha scelto di affiancarsi ad un gruppo differente per esperienza e provenienza geografica e non a caso molti musicisti che lo compongono hanno origini Argentine. Il gruppo Latin Moods è, infatti, capeggiato da Javier Girotto, sassofonista argentino, dalla grandiosa creatività; mentre.
“Stunt” raccoglie interpretazioni originali di brani standard e nuove composizioni che sconfinano nella libera improvvisazione. Un incontro tra titani dove estro, inventiva e fantasia musicale sono le protagoniste assolute. Fabrizio Bosso alla tromba, flicorno ed elettronica e Antonello Salis al pianoforte e fisarmonica. E’ prevista per luglio l’uscita di un cd, allegato alla rivista Musica Jazz, in cui Bosso interpreterà in una veste assolutamente nuova “In A Silent Way”di Miles Davis. Reduce dall’ultimo Sanremo, dove ha accompagnato la napoletana Simona Molinari, Bosso torna a Napoli accompagnato questa volta da Max Ionata e il D.E.A. trio, al secolo Andrea Rea al piano, Daniele Sorrentino al basso ed Elio Coppola alla batteria. Gruppo di giovani musicisti napoletani messi in risalto dal Tuscia in Jazz Festival attraverso il premio Jimmy Woode che il gruppo si è aggiudicato per due anni consecutivi, i tre inoltre si sono anche aggiudicati alle ultime due edizione del Premio Jimmy Woode il premio speciale nel loro strumento, mentre lo scorso mese hanno ricevuto il premio Groove City Award durante il festival groove city organizzato da Gegè Telesforo. Max Ionata è invece uno dei più apprezzati tenorsassofonisti italiani.
Ha frequentato il conservatorio “L. D’Annunzio” di Pescara, ed ha perfezionato gli studi di jazz presso il Columbia College di Chicago sotto la direzione di William (Bill) Russo. Ha inoltre studiato con: Rosario Giuliani, Luca Mannutza, Emanuele Cisi, Robert Bonisolo e Steve Lacy.Ha suonato in importanti jazz festival come: Umbria Jazz, Ancona Jazz, Pescara Jazz , Jazz ‘n Fall, Interamnia Jazz Festival, Leuciana Festival, Sant’Anna Arresi, Arezzo Jazz Winter, Arezzo Jazz Summer, Baronissi Jazz, Atessa in Jazz, Val di Fiemme Sky Jazz, Over Jazz, Le Strade del Jazz, Crossroads, Veneto Jazz, Ferrara in Jazz, Fiorenza Jazz, Acuto Jazz, Atina Jazz, Villa Celimontana Jazz, Fandango Jazz Festival, Archeojazz, Peperoncino Jazz , Beat Onto Jazz, Ronciglione Jazz ed ha suonato nei più prestigiosi jazz clubs Italiani, tra cui: Alexander Platz, Pinocchio Jazz Club, Biella Jazz Club, Cotton Jazz Club, Fano Jazz’n Club, Jazz Club Ferrara, Cantina Bentivoglio, Blue Note Milano e molti altri. Tra i musicisti con cui ha collaborato ci sono : Mike Stern, Bob Mintzer, Bob Franceschini, Hiram Bullock, Andy Gravish, Miles Griffith, Carlo Atti, Flavio Boltro, Fabrizio Bosso, Giovanni Amato, Maurizio Giammarco e molti altri. Svolge un’ intensa attività concertistica e discografica, in Italia e all’estero, sia come leader che con alcune tra le migliori formazioni di jazz Italiane.
Bosso, Ionata e D.E.A. trio saranno ospiti del Bluestone martedì 19 maggio alle 22.30.
 
 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl