Mind The Gap, Maria Pia De Vito Live al Madre

09/lug/2009 11.35.32 Victoriano Papa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Lunedì 13 luglio 2009 dalle ore 21:30 al MADRE (via Luigi Settembrini n. 79 - 80139, NAPOLI. Info e prenotazioni: 081/19313016, www.scatolasonora.org) nell’ambito della rassegna “Un’Estate al Madre” (2 luglio – 6 settembre 2009), SCATOLA SONORA – MUSICISTI ASSOCIATI presenta MARIA PIA DE VITO & SONGS FROM THE UNDERGROUND – “MIND THE GAP”. Ingresso per il Live 10,00 €.

  

Nell’imperdibile performance dal vivo di MARIA PIA DE VITO e dei suoi musicisti, di quella, cioè, che è considerata una delle voci più libere e poliedriche del jazz contemporaneo, in grado di rivisitare in maniera inedita il repertorio jazz più ortodosso, e non solo, fondendolo armoniosamente con echi e influssi ‘avveniristici’ della moderna tecnologia musicale e relativa sperimentazione sonora, ci si può aspettare davvero di tutto, in quanto a virtuosismi e improvvisazione. E ciò a partire da una capacità vocale estremamente duttile, variegata, segnata da un forte temperamento e da mille sfumature, libere da cristallizzazioni e limiti, così da poter affrontare e rielaborare in modo originale, grazie alla tecnica, alla timbrica e a una lunga ricerca di sound e melodia, tanti differenti approcci musicali. E questo è solo il punto di partenza da cui si è mossa l’artista nel suo “Mind The Gap”, disco elaboratissimo, con una grande attenzione non solo al lato compositivo, ma anche ai testi, originali e non. Diverse, infatti, le cover, che spaziano dal repertorio di Annie Lennox a composizioni “nordiche” di Björk, di Sidsel Endresen e Django Bates, per proseguire con Randy Newman e Jimi Hendrix. E naturalmente non mancano i brani originali, spesso scritti a più mani con i compagni di avventura di “MIND THE GAP”. Tutto ciò concorre a disegnare un percorso complesso e allo stesso tempo lineare, di grande coerenza espressiva, con uso esteso dell’elettronica sempre al servizio delle istanze espressive di una tra le più grandi protagoniste della scena (non solo jazz) attuale.

L’album è su etichetta EmArcy, la prima volta per la De Vito. Lavoro, questo, perfettamente parallelo all’attività performativa che la singer sta portando in tour, come nell’esibizione di lunedì 13 luglio al Madre di Napoli.

 

La Formazione:

Maria Pia De Vito singing, live electronics

Claudio Filippini piano, keyboards

Luca Bugarelli el. bass, double bass, live electronics

Walter Paoli drums, live electronics

Featuring:

Francesco Bearzatti tenor sax, clarinet, live electronics

Roberto Cecchetto guitar, live electronics

Michele Rabbia percussion, electron ics

 

Cos’è un Gap? E’ una lacuna, un vuoto, uno spazio non riempito. Un intervallo, un interludio, una frattura nella continuità. Una differenza, disparità, un contrasto tra due vedute, o situazioni. È quello iato che percepiamo a volte tra ciò che vogliamo e ciò di cui abbiamo “bisogno”. O tra la nostra visione della vita, i nostri sogni, e la realtà che invece viviamo. (M.P.D.V., aprile 2009).

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl