Donna Regina Live al Madre

24/ago/2009 11.26.35 Victoriano Papa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Mercoledì 26 agosto 2009 ore 21:30 al MADRE (via Luigi Settembrini n. 79 – 80139, NAPOLI. Info e prenotazioni: 081/19313016, www.scatolasonora.org), nell’ambito della rassegna “Un’Estate al Madre” (2 luglio – 6 settembre 2009), SCATOLA SONORA – MUSICISTI ASSOCIATI presenta MARCO SANNINI ENSEMBLE in “DONNA REGINA”, guest star NORMA WINSTONE. Ingresso 10,00 €.

 

“Donna Regina”

 

Marco Sannini Ensemble

Ospite : Norma Winstone

 

La leggenda di Donna Regina corre ancora per la via di Mezzocannone, per le primitive rampe del Salvatore, per quella pacifica parte di Napoli vecchia che costeggia la Sapienza. Corre la leggenda per quelle vie, cade nel rigagnolo, si rialza, si eleva fino al cielo, discende, si attarda nelle umide e oscure navate delle chiese, mormora nei mesti giardini dei conventi, si disperde, si ritrova, ed è sempre giovane”.

 

Donna Regina è la primogenita del barone Toraldo, maggiorente del sedile di Nilo. La donna, nel racconto riportato da Matilde Serao nella sua raccolta di fiabe napoletane, incarna in pieno le virtù etiche e gli atteggiamenti emotivi dell’antica nobiltà napoletana. Alla scomparsa prematura dei genitori, Donna Regina di fatto assurge al rango di capofamiglia. Il re Roberto d’Angiò la destina in sposa al Cavaliere Don Filippo Capece. Ma tale unione verrà tragicamente impedita alla notizia che la sorella Donna Romita è innamorata del giovane cavaliere. A questo punto Donna Regina decide di rinunciare nobilmente al matrimonio, per prendere i voti e fondare un monastero.

La leggenda qui si intreccia e si confonde con la storia di uno dei luoghi più famosi della Napoli antica. Virtù e passione, dovere e sentimento, sacro e profano sono i caratteri emotivi del personaggio di Donna Regina, che diviene quasi archetipo delle femminilità napoletana.

Vien da chiedersi, quindi, quale migliore cornice potesse ospitare una rilettura in musica e canto della leggenda di Donna Regina, se non il Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina di Napoli, per l’appunto… Ed è proprio qui che il prossimo 26 agosto Sannini, tromba solista e in ensemble, arrangiatore e orchestratore, sposerà la sua particolare rivisitazione di questo mito cittadino col celebre talento e la ricca esperienza di Norma Winstone, avvezza a un uso strumentale della propria voce felicemente in linea con i testi interpretati. Marco Sannini, dal canto suo, porterà in dote in questo armonioso e bilanciato sodalizio la forza di un ensemble ricco e variegato di musicisti in perfetto interplay tra loro e la trovata, tutta moderna, di accostare al mito di Donna Regina le melodie del Salve Regina di Giovan Battista Pergolesi, capolavoro della musica sacra del ’700. La scrittura pergolesiana, sempre oscillante tra modalità e tonalità, diviene spunto melodico e armonico per una rielaborazione e riscrittura in chiave contemporanea e sperimentale, che si avvale della straordinaria presenza di una delle più grandi vocalist del panorama jazz mondiale. Il risultato è una sorta di ottimo jazz da camera, se si può osare una qualche definizione, giusto a metà strada tra nuances liricheggianti, l’irrinunciabile sostrato jazz ed echi pergolesiani.

 

LA FORMAZIONE:

Norma Winstone: voce

Marco Sannini: tromba e flicorno

Manuela Albano: violoncello

Francesco D’Errico: pianoforte

Marco De Tilla: contrabbasso

Pietro Iodice: batteria

Giulio Martino: sax

Tommaso Rossi: flauti

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl