MODENA: IL RADUNO DELLE MASCHERE ITALIANE

07/feb/2005 12.11.05 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 
Per "Maschere in Concerto" a Modena
ANCHE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE
IN MASCHERA NELLO SPETTACOLO DEL "SANDRONE"
Un successo trionfale ha salutato lo spettacolo "Maschere in Concerto", scritto e presentato dal giornalista modenese Daniele Rubboli, al Teatro Storchi di Modena, per l'ultracentenaria Società del Sandrone.
Illustri personaggi si sono prestati infatti a vestire i panni di alcune delle più celebri maschere italiane e tra questi Ennio Cottafavi (Gianduja) Presidente del Consiglio Comunale di Modena; Maria Carafoli (Colombina) responsabile del Servizio Sportivo del Comune di Modena, Ermanno Zanotti (Brighella) Presidente delle Società Centenarie e il celeberrimo fotografo Beppe Zagaglia che ha proposto un clone del Sandrone, interventuo a sua volta con tutta la famiglia pavironica, ospite d'nore dello spettacolo.
Con loro tutte le maschere della commedia italiana da Capitan Spaventa, giunto da Genova, a Beppe Nappa arrivato dalla Sicilia, da Meneghino di Milano a Pulcinella di Napoli, tutti presenti assieme al Dottor Balanzone, Tartaglia, Arlecchino, Pantalone, Stenterello, Pierrot, Meo Patacca, Rugantino e la bella Rosaura.
Ciascuna maschera, come la Famiglia Pavironica, ha avuto spazio per un breve intervento (-molto gustosi i testi preparati dallo stesso Rubboli-), e per ciascuna c'è stata una specifica dedica musicale alla quale hanno dato vita la Corale Rossina diretta dall'ottimo Stefano Colò, ed un cast di eccellenti voci liriche: il tenore di Pavia Ennio Bellani, l'ormai celebre soprano Tiziana Scaciga Della Silva e, per la prima volta a Modena, la sorprendente Olga Zhuravel, soprano dell'Ucraina. Tutti sono stati accompagnati al pianoforte, nelle dediche musicali che andavano da canzoni come "Ma se ghe pensu" a brani d'opera come "Vissi d'arte", dal bravo artista modenese Luca Saltini.
Alla fine dello spettacolo tutto il pubblico in piedi per cantare con la Rossini, i solisti e le maschere un commevente "Fratelli d'Italia" !
Molto applaudito il gruppo di un'altra società centenaria, la "Panaro" di Modena, che in due interventi ha ripercorso gestualità e acrobazie degli antichi saltimbanchi.
Giancarlo Iattici, presidente del Sandrone, ha voluto che l'incasso dello spettacolo andasse in beneficienza all'Associazione Sostegno Ematologia Oncologica Pediatrica di cui a Modena è responsabile Erio Bagni, ed ha confermato che nel 2006 si allestirà un nuovo spettacolo, su questa falsa riga, perchè il Carnevale possa sempre piu' essere occasione di sorrisi, di cultura e del piacere di stare assieme porgendo una mano a chi ha incontrato momenti difficili nella vita quotidiana.
 
ALLEGATO: DISEGNO PER IL MANIFESTO DELLO SPETTACOLO maschere in concerto
 
GRAZIE PER L'ATTENZIONE
SOCIETA' DEL SANDRONE DI MODENA
TEL FAX 059 239969
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl