MUTI si autoincensa e continua a nascondere laverità.

MUTI si autoincensa e continua a nascondere laverità.MUTI SI AUTOINCENSA E CONTINUA A NASCONDERE LA VERITA'

08/mar/2005 20.19.28 Giuseppe Zecchillo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
MUTI SI AUTOINCENSA E CONTINUA A NASCONDERE LA VERITA'

Riccardo Muti ha scritto una lettera al "Corriere dela sera" (8/3/05) per rispondere alle critiche che gli sono piovute da ogni parte a causa della sua reticenza. Una lettera lunghissima in cui dice...le cose che aveva già detto e che ha sempre detto per autoincensarsi. Ma l'atteggiamento è cambiato. Prima, l'espressione del viso del maestro era tale che "Il Foglio", alcuni anni fa, scrisse:"Muti ha sempre l'aria di uno che viene ad annunciare un decesso" - ora i sorrisi si sprecano in prima pagina e in quella interna. Com'è diventato pasquale, Muti!
A sentir lui, ha taciuto finora per necessità, data la "ridda di azioni, reazioni, dichiarazioni ecc." sulla questione scaligera. In realtà è stato il suo ostinato silenzio a provocare la suddetta "ridda" e i non pochi scioperi che denunciano il malessere dei lavoratori del teatro milanese.
Senza mai nominare Fontana, il maestro fa sapere che il disaccordo con il sovrintendente è nato dalla sempre più scadente programmazione, che suscitava critiche anche all'estero mettendolo in imbarazzo... Ma come! se tutti sanno, dentro la Scala, che - per 15 anni - Muti ha sempre dettato le opere che voleva dirigere nella stagione e sceglieva lui anche i cast di canto! Opere che evidentemente interessavano solo la sua carriera, perché il pubblico (quello pagante) non è mai rimasto entusiasta; cantanti mediocri, perché ovviamente non dovevano rubargli gli applausi. Poi, quando gli giungevano le critiche negative dall'estero (in Italia tutti i giornali erano ossequienti) Muti dava la colpa a Fontana, che aveva programmato male; lui, Muti, non aveva alcun potere di decidere in merito...Altro che, se lo aveva! Altrimenti Fontana non lo avrebbe secondato in tutto.
I giornali, recentemene, hanno scoperto che il dissenso è sorto, date le ristrettezze di bilancio, quando Fontana ha cominciato a chiedere le fatture e le giustificazioni di spese ingenti, fatte a nome della Scala dal sig.Muti; ecco la verità che Muti non dirà mai neanche in punto di morte.
Invece, dalle pagine del "Corriere", Muti si profonde in lisciamenti verso i lavoratori della Scala: lui è con loro, tutto quello che ha fatto, che fa e che farà è per il loro bene e per il prestigio della Scala. Quei cattivacci dei lavoratori - guarda, guarda - non se ne sono mai accorti. Oltre che duri di cuore sono anche duri di comprendonio: deficienti. Il tentativo meschino di accattivarsi i lavoratori è fallito.
Le ipocrisie hanno le gambe corte come le bugie. "Non è vero - dice Muti - che voglio diventare il capo della Scala; infatti ho chiamato Mauro Meli perché molto qualificato per fare il sovrintendente". Così qualificato che, lavorando con costose agenzie per un teatro, come quello di Cagliari, che ha un bilancio molto limitato, è andato in rosso per vari miliardi. Con il bilancio della Scala, Meli può permettersi il lusso di queste agenzie internazionali, che fanno tutto loro: non occore che il dirigente abbia la minima competenza in fatto di lirica, di voci e di quant'altro occorre.
Ma il bello è che Muti, tutto preso dalla propria apologia, non si accorge di darsi la zappa sui piedi. Come mai , se la programmazione di Fontana lo metteva tanto in imbarazzo, ha lasciato fare per ben 15 anni pavoneggiandosi e blaterando in tutte le interviste che la Scala era il "caput mundi" della musica? Così facendo, ha volutamente contribuito alla decadenza della Scala.
Ma basta e strabasta con le autodifese patetiche e gottesche. Se i lavoratori della Scala vogliono tenersi il tallone di Muti sul collo, buona fortuna a loro! Noi però non ci faccamo ingannare dalle chiacchiere farisaiche del signor maestro.

Giuseppe Zecchillo
Sindacato Nazionale Autonomo Artisti Lirici

baritonozecchillo@email.it


--
Email.it, the professional e-mail, gratis per te: http://www.email.it/f

Sponsor:
La palestra in casa da Oliviero.it Trovi un' ampia gamma di tapis roulant, a partire da € 429,00!
*
Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid=2845&d=8-3

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl