ZECCHILLO,tornare io nel consiglio di amministrazione della SCALA?no GRAZIE:

05/apr/2005 22.25.27 Giuseppe Zecchillo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
ZECCHILLO= Tornare io, nel consiglio di amministrazione dellaSCALA?no grazie.
04/04/05 21:53 - inviato da Giuseppe Zecchillo
TORNARE,IO, NEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA SCALA? NO, GRAZIE

Vedere il Sindaco, presidente della Scala, e i consiglieri di amministrazione in preda al panico dopo aver fatto tanti pasticci, mi diverte enormemente. Disorientati, scombussolati perché incapaci di prendere decisioni sensate e disinteressate, stanno facendo la figura che si meritano malgrado la loro prosopopea: una figura pietosa.
Ammesso che Muti se ne vada davvero - cosa che stento a credere, perché è duro rinunciare a un conto aperto - i problemi che restano sul tappeto sono tanti e vanno affrontati con onestà mentale, non a casaccio e a rappezzi, come sembra si voglia fare.
Quando ho scritto, qualche mese fa, che "la Scala è nel caos", avevo purtroppo centrato l'immagine. Con i dirigenti adatti e i conti in ordine si può riprendere slancio nel modo giusto: questo è il mio parere, condiviso dai cittadini di buona volontà - ma chi ci ascolta? Eppure, senza risanare il bilancio non si va da nessuna parte, tantomeno in alto.
Chi deve mettere mano al portafogli? Non sarebbe giusto che i cittadini pagassero ancora una volta per gli errori o la malafede altrui. Perciò ne risponda chi ha prevaricato, danneggiando la Scala e la città. Chi è causa di questo male, pianga se stesso. Pentirsi e restare al proprio posto è troppo comodo, ma soprattutto non dà garanzie per il futuro.
Allora si faccia pulizia, ordine e si cerchino i dirigenti adatti. Non rivangando fantasmi di un deludente passato, come Cesare Mazzonis; sarebbe peggio di una minestra riscaldata, sarebbe voler male alla Scala. Nemmeno gente legata ai partiti politici, o alle camarille d'affari. Ma gente che ha dato prova di saper fare teatro lirico per affascinare il grande pubblico, non per tenerlo ai margini della cultura musicale con pseudo-eventi costosissimi che vanno in scena davanti alle sedie vuote.
Voglio infine dire che ho saputo che è stato fatto il mio nome per un mio eventuale ritorno nel consiglio di amministrazione scaligero. La mia risposta è:"No, grazie". Il teatro alla Scala di oggi, coinvolto nella politica e negli affari privati, non mi piace e non mi interessa. Preferisco vivere piacevolmente qui a Brera, crogiolandomi in compagnia di pittori e scrittori, di gente più credibile di quella che bazzica l'attuale ambiente scaligero.

Giuseppe Zecchillo
Sindacato Nazionale Autonomo Artisti Lirici

baritonozecchillo@email.it




--
Email.it, the professional e-mail, gratis per te: http://www.email.it/f

Sponsor:
Vuoi diventare un vero esperto sul Controllo di Gestione? Scopri come nella tua azienda puoi migliorare gli utili e ridurre le spese.
Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid=3214&d=5-4

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl