E' partito da Venezia il Concerto dell'Unità d'Italia

07/giu/2010 16.03.35 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Da Opera Festival 2010 di Venezia
GRANDE SUCCESSO A MARGHERA
PER: L'UNITA' D'TALIA IN CONCERTO
 
Ha debuttato con straordinario successo di pubblico a Venezia- Marghera, il nuovo spettacolo di Daniele Rubboli: L'unità d'Italia in Concerto.
L'evento, scritto e raccontato dal musicologo modenese che dirige il Laboratorio Lirico Europeo di Milano, ha inaugurato la
nuova edizone di Opera Festival 2010, manifestazione di grnade successo ideata e realizzata da Paolo Dall'Agnola di Marghera, con la collaborazione della Municipalità e delle forze commerciali della città .
Gran folla di pubblico e fitta partecipazione di autorità veneziane per salutare lo spettacolo di Rubboli che vuole ricordare come l'opera lirica sia stata l'unoica identità culturale che ha fatto da collante per tanti secoli nella civiltà italiana. Una civiltà frazionata politicamente, con popolazioni che non si conoscevano tra loro, ma che cantavano, suonavano ed applaudivano ovunque, anche nei piu' piccoli paesi, le romanze delle opere di Vincenzo Bellini da Catania, Gaetano Donizetti da Bergamo, Gioachino Rossini da Pesaro, Giuseppe Verdi da Parma, oltre a quelle di centinaia di altri compositori, oggi magari dimenticati, tutti bravi artigiani della musica, per i quali non esistevano steccati e frontiere.
E questo esercito di compositori ha consentito agli italiani di identificarsi tra di loro e ha dato unità al territorio italiano, molto prima dell'unità militare e politica che sono state realizzate 150 anni fa.
L'antologia musicale è partita dai capisaldi della colonna sonora di metà '800: il Can Can di Offenbach, e la Marcia di Radeztsky di Strauss padre, per poi ricordare che Verdi, proprio 150 anni, aveva appena consegnato al pubblico "Un ballo in maschera" e stava scrivendo "La forza del destino". A seguire opere di Bellini, Rossini, Leoncavallo e Cottrau, esempio di ... "exstracomunitario" d'epoca, approdato con la famiglia a Napoli al seguito di Murat, e qui rimasto diventando un ottimo esponente della scuola musicale napoletana.
Protagonisti del concerto quattro straordinari giovani artisti lirici che il pubblico ha premiato con autentiche ovazioni, festeggiando in particolare il soprano fiorentino Maria Simona Cianchi, la nuova superba voce italiana che può accendere tutte le fiammate del repertorio drammatico.
Con lei l'ottimo tenore Emanuele Servidio dell'Oltrepo pavese, il navigato e intelligente baritono comasco Carlo Maria Cantoni, capace di rare trasmissioni emotive, e la sorprendente Elena Serra, mezzosoprano di Milano, che non solo è dotata di una forte musicalità, ha voce autentica di mezzosoprano, ma è anche un'attrice caratterista irresistibile. Da lei l'omaggio a Venezia con "La regata veneziana" di Rossini.
Daniele Rubboli aveva poi chiamato ad accompagnare l'intero concerto l'ensemble Salotto '800 di Paolo Marcarini ben diretto da Andrea Dindo.
Lo spettacolo sarà prossimamente a Firenze (2 agosto), Chiavari, Milano, Vignola (Mo), prima di scendere nel Meridione d'Italia.
-------------------------------------------------------------------------------------------   Maria Simona Cianchi il soprano fiorentino Maria Simona Cianchi
 
da uff.stampa Laboratorio Lirico Europeo
 
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl