Ed ora tornino alla Scala Abbado e gli altri direttori ingiustamenteemarginati

ED ORA TORNINO ALLA SCALA ABBADO E GLI ALTRI GRANDI DIRETTORI INGIUSTAMENTE EMARGINATI

23/apr/2005 20.43.01 Giuseppe Zecchillo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Da: Zecchillo

ED ORA TORNINO ALLA SCALA ABBADO E GLI ALTRI GRANDI DIRETTORI INGIUSTAMENTE EMARGINATI

Il nuovo sovrintendente e direttore artistico Stephane Lissner è stato designato dal C.d.A. della Scala e con il consenso dei lavoratri del teatro. Non si sa come Lissner troverà il tempo per i suoi incarichi scaligeri, visto che non ha alcuna intenzione di abbandonare i precedenti impegni: la direzione dei Wiener FestWochen, del Théatre des Bouffes du Nord e del Festival di Aix-en-Provence. Ermolli, vice-presidente della Scala, dice:"Lissner ha tutte le caratteristiche per far bene". Ce lo auguriamo nell'interesse della Scala, anche se alcuni dubbi potremmo averli. Anzitutto, per dirigere la Scala al meglio ci vorrebbero 10 ore di lavoro al giorno per 360 giorni; inoltre l'estrazione culturale e professionale di Lissner è quella di festival ed eventi intellettuali molto sofisticati, realtà ben diverse da un grande teatro lirico di 2000 posti. Non sarà facile riempirlo a ogni recita, a meno che non si ricorra al grande repertorio: Verdi, Puccini e altri autori popolari, con i
quali però Lissner non ha dimestichezza. Fare opere come, per es: Didone abbandonata, o Ifigenia in Tauride potrebbe essere la scelta peggiore. Sono opere da festival, non da teatro di 2000 posti. Sono già andate deserte alla Scala, quindi sappiamo che sarebbero soldi buttati per niente. Comunque sarebbe ingiusto giudicare il nuovo sovrintendente a priori, vedremo cosa saprà fare. Tutti sperano anzitutto che faccia tornare subito in pompa magna Claudio Abbado e tanti altri grandi direttori, emarginati ingiustamente. La Scala non ha bisogno di astruserie varie, etichettate come idee innovative, ma di continuare, con saggezza, la sua gloriosa tradizione, perché la lirica è tradizione e la Scala è essenzialmente un teatro lirico.

Giuseppe Zecchillo
Sindacato Nazionale Autonomo Artisti Lirici

baritonozecchillo@email.it






--
Email.it, the professional e-mail, gratis per te: http://www.email.it/f

Sponsor:
Email.it SMS: puoi inviare SMS a gruppi di persone e sapere in tempo reale quando sono stati ricevuti
Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid=3386&d=23-4

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl