FESTIVAL FILIPPESCHI A PECCIOLI E MONTEFOSCOLI

questo luglio 2005 con due ormai tradizionali e consolidate

08/lug/2005 11.42.11 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
con preghiera di pubblicazione
da Festival Montefoscoli 087629719
 
A FORCOLI E MONTEFOSCOLI
PRIMA LA "LIRICA" POI LE CICCIONE
L'inesauribile verve del vice sindaco di Palaja (Pisa) Gianfranco Lazzareschi, anima anche le prime due settimane di questo luglio 2005 con due ormai tradizionali e consolidate iniziative.
Il Festival Mario Filippeschi a Peccioli e Montefoscoli, il 9 e 10 luglio, e nella settimana successiva, a Forcoli, il raduno mondiale delle Ciccione e dei Ciccioni.
A chi chiede a Lazzereschi, autore di entrambe queste iniziative, se esista un filo conduttore tra due "cartelloni" così diversi, si sente rispondere che sono entrambe due occasioni per rendere omaggio ai piaceri della vita.
Da una parte la libertà del corpo di sentirsi a proprio agio anche se in sovrappeso, soprattutto quando questa obesità è frutto di un buon rapporto con il cibo e con quella enogastronomia che ha fatto della Toscana una scuola internazionale.
Dall'altra la memoria di un grande tenore, come Mario Filippeschi nato a Montefoscoli di Pisa e da qui volato sui palcoscenici di tutto il mondo, che deve essere rilanciata per il piacere dei melomani che, in queste due giornate, affollano gli appuntamenti di Peccioli e di Montefoscoli.
E li affollano perchè in queste occasioni Lazzareschi, con la collaborazione del musicologo Daniele Rubboli, propone una autentica abbuffata di teatro operistico con uno stuolo di giovani talenti scelti tra i migliori delle nuove generazioni.
In particolare quest'anno Daniele Rubboli porta al Festival Filippeschi ben due corpose selezioni delle popolarissime opere "Rigoletto" di Giuseppe Verdi e "Andrea Chenier" di Umberto Giordano.
Con la direzione musicale del grande italo-argentino Luis Baragiola, saranno protagonisti del capolavoro di Verdi il soprano musulmano Ekin Futaci Deambrogio, star della Turchia attualmente impegnata nei teatri di Atene; il baritono toscano Carlo Morini, il tenore coreano Chang Ryun Kang e il mezzosoprano milanese Elena Serra.
Danno invece voce allo "Chenier" il tenore di Genova Mauro Pagano, il soprano di La Spezia Cristina Martufi, artista emergente di grandissime potenzialità, il baritono bolognese Pierluigi Dilengite e ancora il mezzosoprano Elena Serra.
Dalla Toscana interverranno con 12 pulmann, nelle due serate, ben 9 Lirica Club garantendo agli organizzatori il tutto-esaurito anche quest'anno.
--------------------------------------------------------
 
nelle foto
Il Musicista Luis Baragiola
Il soprano Ekin Futaci Deambrogio
Il musicologo Daniele Rubboli
il tenore Mauro Pagano
Il mezzosoprano Elena Serra
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl