LA "lirica"trionfa alla sagra di Cantalupo

30/ago/2005 19.59.51 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
... con artisti di Savona, Brescia e Pavia !!!!!
da Ufficio Stampa Isea Arts 02.2842836

Alla storica sagra di San Bartolomeo a Cantalupo
TRIONFANO OPERA E OPERETTA
ALL' ANTICA "FIERA" DI CERRO MAGGIORE
 
Data storica quella di domenica 28 agosto per Cantalupo di Cerro Maggiore dove, nell'antichissima Sagra di San Bartolomeo, una delle pochissime, in tutta Italia, a conservare, nei suoi quattro giorni di feste, la tradizione della "fiera del bestiame", ha debuttato per la prima volta uno spettacolo di voci liriche.
Sulla scena, allestita dal Circolo Culturale Il Campanile che per l'occasione ha premiato i vincitori del Concorso Letterario dedicato alla poesia dialettale, lo spettacolo "Il Gran Teatro della Musica" scritto e raccontato da Daniele Rubboli.
Sotto il campanile, al fianco del Municipio e della chiesa che ospita le reliquie di San Bartolomeo, una folla oceanica ha festeggiato l'evento tributando entusiastici applausi a tutti gli artisti costretti a concedere una lunga serie di "bis" dopo la conclusione del programma.
Protagonisti dello spettacolo di Rubboli, che si è avvalso dell'"orchestra" di Paolo Maroni, giovane musicista pavese di sicuro avvenire, il soprano ligure Daniela Tessore che ha saputo infiammare la platea con una serie di interpretazioni delle diverse soubrettes del teatro musicale da quelle mozartiane e pucciniane (applausi a scena aperta per la sua Musetta ), a quelle scatenate del teatro di Offenbach, Lehar e Costa, fino alle sciantose del Cafè Chantant napoletano.
Con lei l'elegante e raffinato tenore bresciano Marco Ferrari e il tenore pavese Ennio Bellani dalla voce lussurreggiante che hanno coinvolto il pubblico in momenti anche di grande commozione con omaggi alla tradizione della canzone melodica italiana lanciata da voci storiche come Beniamino Gigli, Giuseppe De Stefano o anche stornellatori indimenticabili come Oscar Carboni.
Dopo l'ennesimo bis con il classico "Brindisi" della Traviata, in un autentico tripudio di folla, i tre artisti, sempre con la direzione di Paolo Marconi hanno improvvisato un assieme con "'O sole mio" e davvero, nella notte ormai inoltrata, pareva che a Cantalupo fosse spuntato il sole.
Gli organizzatori e l'amministrazione comunale che sponsorizza la storica Sagra di San Bartolomeo, hanno pubblicamente dichiarato che d'ora in poi lo "spettacolo lirico" sarà un appuntamento fisso della "quattro giorni" di Cantalupo.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl