Bologna: Pubblicato il volume su ANSELMO COLZANI

Edito dalla Bongiovanni di Bologna RUBBOLI FIRMA LA BIOGRAFIA DI ANSELMO COLZANI DA BUDRIO Il celebre baritono bolognese rivive in un libro appassionante come un romanzo Per consegnare alla storia la memoria del baritono Anselmo Colzani, bolognese di Budrio, si è riformata un'"antica" coppia vincente: il giornalista, scrittore e regista Daniele Rubboli e l'editore Giancarlo Bongiovanni.

28/apr/2011 08.46.15 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Edito dalla Bongiovanni di Bologna
RUBBOLI FIRMA LA BIOGRAFIA
DI ANSELMO COLZANI DA BUDRIO
Il celebre baritono bolognese rivive in un libro appassionante come un romanzo
 
Per consegnare alla storia la memoria del baritono Anselmo Colzani, bolognese di Budrio, si è riformata un'"antica" coppia vincente: il giornalista, scrittore e regista Daniele Rubboli e l'editore Giancarlo Bongiovanni.
Assieme dagli anni '70 del '900, hanno iniziato assieme sia una collana discografica di grande successo, "Il Mito dell'Opera", che ha recuperato le voci dimenticate di grandissimi protagonisti delle scene liriche, sia una serie di biografie di artisti del teatro d'opera facendo da apripista ad una letteratura che con loro ha scritto un capitolo nuovo nella storia dell'interpretazione vocale.
Si aprì così una serie di pubblicazioni dedicate sia a mitiche "famiglie" canore come quelle che hanno dato lustro a Ferrara e provincia ("Le voci raccontate"), sia a singoli artisti da Gino Bechi a Daniele Barioni.
Rubboli, emiliano-romagnolo DOC, con padre di Ravenna e mamma di Modena, ha continuato negli anni a "raccontare" storie di "voci" piu' o meno illustri, da nomi mitici quali Gianna Pederzini e Rosina Storchio, Maria Callas e Luciano Pavarotti, a grandi comprimari come Angelo Mercuriali o professionisti che rischiavano il silenzio quali Giuseppe Lugo, Bruno Previdi, Ruggero Orofino, Raffaele Ariè, Arrigo Pola, Aldo Protti ed ha riacceso le luci della ribalta per un altro splendido artista bolognese: il tenorissimo Gianni Raimondi.
Raffinando sempre piu' il suo piacere di raccontare, Rubboli - che oggi dirige il Laboratorio Lirico Europeo di Milano - ha combattuto in tutti questi anni la stucchevole agiografia che contraddistingue l'opera di tanti "imitatori" che hanno firmato assurde biografie di cantanti d'opera esaltandone per centinia di pagine gli acuti, o assemblando cumuli di recensioni tutte uguali.
La sua lezione ha raggiunto la propria "summa" con questo volume su Anselmo Colzani che torna al suo pubblico con i toni di un appassionante romanzo.
Non è infatti la storia di un "cantante" ma di un ex ragazzo di provincia che vendeva "bomboloni alla crema" sulle spiagge romagnole ed ha prima maturato e poi inseguito un sogno che caparbiamente ha realizzato, sia grazie al suo coraggio ed alla sua tenacia, sia perchè quello era il suo destino. Così infatti si intitola il libro "Anselmo Colzani: La forza del destino".
Un destino che ha saputo con lui essere crudele (è rimasto vedovo con due giovanissime figlie), ma anche benevolo mettendogli accanto un angelo custode, la pianista Ada Bertoni di Faenza, sposata in seconde nozze, la quale ha dedicato la propria vita al marito ed alle sue figlie, ed oggi ha ispirato questa biografia mettendo a disposizione una documentazione preziosissima, precisa nei particolari, ricca di anedottica che ha messo perfettamente a proprio agio la penna di Rubboli.
Anselmo Colzani viene così ritratto come figlio eccellente di un paese di vocazione musicale come Budrio, altro protagonista di questo "romanzo", e seguito nello storico concorso di canto organizzato dall'allora Municipale di Modena e nel suo incontro con il grande impresario forlivese Carlo Alberto Cappelli che gli offrì il trampolino di lancio.
Narrandone l'avventura artistica che lo vide per tanti anni acclamato protagonista nei teatri del Nord America e in particolare al Metropolitan, Rubboli, secondo il suo antico impegno di storico della vocalità e del teatro d'opera, accende tantissimi spot, alcuni molto divertenti, altri pregni di umana passione, sui colleghi illustri o dimenticati, che hanno condiviso i successi con Anselmo Colzani. E dedica ancora una precisa attenzione al repertorio che l'artista di Budrio ha interpretato.                   Un repertorio che, nella sua vastità, dimostra quanto vivace fosse l'intelligenza di questo interprete e come tanti titoli che l'ebbero protagonista siano poi stati dimenticati quando Colzani è uscito di scena.
Il volume su Anselmo Colzani , che si presenta in una elegantissima forma grafica curata da Andrea Bongiovanni che ha raccolto il testimone dal padre Giancarlo, è impreziosito da una monumentale cronologia curata da Gilberto Starone e ospita i contributi di Arrigo Valesio che aiuta a rintracciare cointerpreti e direttori d'orchestra che con il baritono di Budrio hanno fatto spettacolo in tutto il mondo.
Il libro sarà presentato dallo stesso autore sabato 14 maggio al Teatro di Budrio durante la "finale" del Concorso Lirico Internazionale Anselmo Colzani, e ancora a Budrio il 29 giugno in una serata interamente dedicata ad Anselmo Colzani.
A Milano il volume sarà presentato nella sede degli Amici del Loggione del Teatro alla Scala lunedì 17 ottobre alle ore 18.     / N.P.C
--------------------------------------------------------------------------------  
da Ufficio Stampa Laboratorio Lirico Europeo di Milano tel 02.2842836
Allegata: La copertina del libro
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl