I: Evento musicale a Sassuolo

22/gen/2003 20.28.38 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 
L' EVENTO MUSICALE DEL 2003
 
Il 6 marzo prossimo al T. Carani di Sassuolo
 
LA CAPITALE DELLA CERAMICA
CELEBRA I 150 DELLA "TRAVIATA"
 
Unico teatro italiano a festeggiare il capolavoro verdiano nel giorno della prima rappresentazione a Venezia del 1853- Un cast di giovani talenti con la carpigiana Serena Daolio nel ruolo di Violetta -
 
Giovedì 6 marzo il Teatro Carani di Sassuolo (Modena) riapre il sipario al melodramma per celebrare i 150 di "Traviata" il capolavoro di Giuseppe Verdi.
Andata in scena il 6 marzo del 1853 alla Fenice di Venezia, "La Traviata" è oggi il titolo operistico in assoluto più rappresentato al mondo.
Sassuolo, che dopo un glorioso passato di programmazioni operistiche aveva interrotto la tradizione nel 1980 con una storica edizione di "Rigoletto", ha deciso di interrompere la programmazione della grande prosa per rendere omaggio a questa ricorrenza e contemporaneamente lanciare un segnale.
Il teatro della musica vive oggi grazie ai giovani artisti che vi si stanno dedicando con autentici talenti e tanto entusiamo, ed è a loro che questo spettacolo è stato affidato.
Roberto Costi, direttore del Carani, ha infatti chiamato il giornalista e musicologo modenese Daniele Rubboli a firmare questo allestimento con gli artisti del Laboratorio Lirico Europeo del Rosetum di Milano, che Rubboli ha creato e dirige.
Protagonista sarà il soprano di Carpi Serena Daolio, che Rubboli fece debuttare due anni fa proprio come Violetta, e che in questi ultimi due mesi ha partecipato sia all'"Ifigenia in Aulide" della inaugurazione scaligera, sia all'applaudita edizione di "La bella Helene" di cui è stata protagonista nei teatri toscani.
Con lei il tenore italo-australiano Rosario La Spina, il figlio di emigrati siciliani che dopo l'Accademia della Scala ha debuttato in quel teatro sia in "Macbeth" sia in "Oberto conte di San Bonifacio", il baritono di Como Carlo Maria Cantoni, già colonna del Laboratorio milanese che a dicembre ha interpretato al Comunale di Modena la "Prima" della nuova opera lirica "Racconto di Natale".
Tiziana Scaciga Della Silva, soprano milanese perla dell'Accademia Lirica del Rotary International, ora in forze a Parma all'Accademia Toscanini, ha accettato di essere ancora una volta Annina, prima di dedicarsi ai grandi ruoli che l'attendono, primi fra tutti Anna Glavary e Nedda.
Con loro saranno il mezzosoprano Elena Serra (Flora), il tenore Andrea Bragiotto (Gastone), i baritono Sudo Shingo e Gabriele Nani, il basso modenese Luciano Pagani e ancora Gabriele Badiali, Luigi Ferrari, Gino Cavazzuti.
Il maestro Vito Lombardi dirige l'Orchestra Ensemble Salotto '800 e il Coro Puccini di Sassuolo preparato dal M° Francesco Saguatti. I balletti sono stati affidati alla scuola di danza della stessa capitale mondiale della ceramica che con questa operazione sta riconquistando un'immagine anche nella promozione culturale.
Scene, costumi e attrezzeria sono del Teatro Carani e del Laboratorio Lirico Europeo di Milano.
Informazioni e prenotazioni: 0536.811084 - fax 810618
-------------------------------------------------------------------------------
 
comnicato a cura dell'ufficio stampa e p.r. del Laboratorio Lirico Europeo di Milano 02.48707203.
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl