E' morto Elio Tripodi, amico della Callas e di Sinatra. Ha dato all'Italia il Museo della Canzone

Recentemente si era gemellata con lui la facoltà di musica italiana della

06/nov/2005 17.52.39 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
?
A Vallecrosia
E' MORTO ERIO TRIPODI
AMICO DELLA CALLAS
E FRANK SINATRA
Ha dato all'Italia il Museo della Canzone
A Vallecrosia, dove viveva da quasi cinquant'anni, è morto Erio Tripodi, grande chef, ma soprattutto cantante melodico italiano amico di Maria Callas e Frank Sinatra, di Grace Kelly e di Claudio Villa, unico storico della canzone che sia riuscito a dotare l'Italia di un Museo della Musica Leggera.
Anni di indagini gli avevano permesso di raccogliere decina di migliai di spartiti, ed oltre due milioni di immagini che fanno del Museo della Canzone di Vallecrosia, abbinato al folkloristico ristorante che porta il suo nome, "Da Erio", la piu' preziosa documentazione esistente al mondo di tutta la storia della canzone.
Recentemente si era gemellata con lui la facoltà di musica italiana della Università di Tokio.
Erio Tripodi era nato a Santa Cristina di Reggio Calabria e da lì era partito con una chitarra per fare il cameriere-cantante nei locali della Costa Azzurra.
Con i primi guadagni si era messo in proprio creando un piccolo mondo tutto suo a Vallecrosia, a pochi chilometri da Ventimiglia, dove da tutto il mondo, ma soprattutto dalla Francia, andavano a trovarlo anche con i pulman.
Non c'è illustre personaggio dello spettacolo degli ultimi 50 anni che non sia stato a quei tavoli o abbia visitato il museo del quale Luciano Pavarotti è presidente onorario da sempre.
Ma anche il mondo del pugilato mondiale è stato da lui grazie al fratello Bruno Tripodi che, prima di diventare un affermato scultore, era stato un guerriero del ring vincendo anche il titolo italiano dei pesi medi che tenne a lungo negli Anni Cinquanta.
Monzon e Benvenuti, Cavicchi e Ray Sugar Robinson, Mazzinghi, Loi e tantissimi altri hanno cenato, ballato e cantato nel ristorante di Erio dove per 50 anni si sono dati appuntamento tutti i partecipanti del Festival di Sanremo: vincitori e vinti.
L'onorevole Alberto Sarra della Regione Calabra, inviando il cordoglio di quella terra alla famiglia, ha fatto sapere che nel caso gli eredi non avessero la possibilità di gestire il grande patrimonio culturale lasciato da Erio Tripodi, stroncato da un male incurabile che lo aveva colpito al cervello, è disposta a prendersene cura assieme alla Università della Calabria.
I funerali religiosi si terranno lunedì 7 novembre a Vallecrosia, nel primo pomeriggio.
Daniele Rubboli
allegate varie foto storiche di erio tripodi con illustri personaggi
da Daniele Rubboli
rudan@tiscalinet.it
02.2842836
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl