Fontana.............parla

28/nov/2005 11.12.40 Giuseppe Zecchillo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Da: Zecchillo (Messaggio originale) Inviato: 28/11/2005 15.20
LETTERA APERTA A CARLO FONTANA, EX-SOVRINTENDENTE DELLA SCALA
E' GIUNTO IL MOMENTO DI DIRE LA VERITA'

Caro Fontana,
tutti si domandano come mai, da un giorno all'altro, il m.o Muti ti si è schierato contro, imponendo l'aut-aut: o io o Fontana. Dopo 15 anni di concordia, dovuta ai favori e privilegi che gli hai concesso, l'improvviso voltafaccia dell'ex-direttore musicale non può essere un caso. Cosa è successo? Tu solo lo sai e tu lo devi dire. Il Sindaco Albertini, in questa vicenda, non ci ha fatto una bella figura: ha scelto di allontanare te, solo perché eri il meno protetto e il meno intrallazzato, cioé il più debole. Ma il debole che sa la verità è forte. E' giunto il momento di dire tutto quello che sai sulle varie interferenze di carattere gestionale e amministrativo di Riccardo Muti. Il tuo silenzio ha già prodotto disastri a catena. Se ami un po' la Scala, parla; non permettere che si producano danni irreparabili per colpa della tua volontà di tacere. Un domani potrebe essere giudicata opportunismo e si ritorcerebbe contro di te. Tacere non ti fa apparire un grande uomo, ma un om
etto. Ti prego di dimostrare un po' di coraggio, le gravi circostanze lo richiedono. Mi auguro che questa mia lettera ti faccia aprire gli occhi e - perché no? - anche la coscienza; solo tu puoi chiarire il perché di questo scandalo scaligero, e quindi renderlo comprensibile e rimediabile. Altrimenti la Scala finirà a brandelli e nemmeno il commissariamento basterà a proteggerla dalla rovina.

Giuseppe Zecchillo
Sindacato Nazionale Autonomo Artisti Lirici

baritonozecchillo@email.it








blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl