La Scala: teatro o teatrino

29/nov/2005 11.21.10 Giuseppe Zecchillo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Da: Zecchillo (Messaggio originale) Inviato: 29/11/2005 17.55
La SCALA: TEATRO O TEATRINO?

Chi osa litigare con la Scala? Ci ha provato Fedele Confalonieri, che ha lasciato il consiglio di amministrazione sbattendo la porta e pronunciando fatidiche parole:" Senza Muti, non metterò più piede in questo teatro". Non è stata una bella accoglienza per il sovrintendente Lissner, proposto dal consigliere Ermolli e da poco nominato ufficialmente. Ma... chi osa litigare con un personaggio potente come Confalonieri? Lissner non ci ha nemmeno provato, anzi lo ha invitato per la "prima" del 7 dicembre. E Confalonieri ha dimenticato la sua promessa/minaccia e ha accettato l'invito commentando:" Se il sovrintendente è stato così gentile, sarei un maleducato se non andassi".
Così il teatro si è trasformato in un "teatrino" di personaggi che si mantengono sulla scena fingendo e sapendo di fingere.
Con questa gente, che un giorno dice no, un giorno dice sì, senza orgoglio, senza pudore, senza dignità, riuscirà la Scala a ritrovare un equilibrio per risollevarsi?

Giuseppe Zecchillo - Segretario SNAAL e già consigliere d'amministrazione del Teatro alla Scala





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl