MILANO Teatro della Momoria, 7 dci, ANTEPRIMA DELLA SCALA

05/dic/2011 12.05.34 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 
 

Milano: Mercoledì 7 dicembre

Con "In quel vecchio palco della Scala"

 anche il teatro della Memoria

 intona il "Don Giovanni"

 

Mercoledì 7 dicembre, alle ore 17, al Teatro della Memoria di via Cucchiari 4, a Milano, va in scena lo spettacolo "In quel vecchio palco della Scala", scritto e raccontato da Daniele Rubboli. Milano offre così agli appassionati del teatro operistico che non hanno trovato i biglietti per festeggiare Sant'Ambrogio all'inaugurazione della Stagione d'Opera e Balletto del Teatro alla Scala, un evento che celebra comunque i fasti del piu' importante teatro del mondo. "Don Giovanni" di Mozart va in scena eccezionalmente alle ore 18 nella storica sala del Piermarini, e con le note dello stesso "Don Giovanni" si apre alle ore 17 lo spettacolo al Teatro della Memoria, dove Aleardo Caliari vuole riconsegnare ai milanesi la possibilità di stare a tu per tu con le piu' belle pagine della storia del melodramma affidate al talento dei giovani professionisti del Laboratorio Lirico Europeo diretto da Daniele Rubboli. E sempre alle 18, in diretta dalla Scala,altri cinema e teatri milanesi, consentiranno alla gente di applaudire Mozart e il suo elegante eroe anche in Galleria, come al Teatro di Ringhiera o anche in alcune Case di Riposo. Aleardo Caliari e Daniele Rubboli, per la prima volta assieme, hanno preferito ideare uno spettacolo originale, diverso, ricco di fuochi d'artificio, che consenta al Teatro della Memoria di essere ..."diverso". Anche qui si partirà intonando il "Don Giovanni" di Mozart ma poi si darà il via libera alle "memorie" di... un vecchio palco della Scala. Per questo saranno in scena il soprano italo - giapponese Kaori Fiorettini, il tenore georgiano Mikheil Sheshaberidze, e un autentica guest star come il celeberrimo baritono milanese Orazio Mori da oltre quarant'anni nei cartelloni della Scala e dell'Arena di Verona , e tutt'ora attivo dall'India alla Siberia, dagli USA al Sud America, e nelle Fondazioni dei Teatri italiani. Ha fatto epoca nella stagione 2009/2010 il suo debutto nel ruolo di Falstaff,nel capolavoro verdiano, nel prestigioso teatro Cenacolo di Lecco, unica realtà in Lombardia, dopo la Scala, che produce in proprio tutti i suoi spettacoli sia d'opera sia d'operetta con grande orchestra e coro. il baritono Orazio Mori

Pur muovendo da un titolo di Mozart, proprio in omaggio all'inaugurazione scaligera, lo spettacolo al Teatro della Memoria offrirà una panoramica delle opere piu' popolari e amate di Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini, Gaetano Donizetti tutte affidate all'accompagnamento 

 pianistico dell'eccellente Debora Mori (foto), direttrice di cori e direttrice d'orchestra, che da alcuni anni ha sviluppato una preziosa carriera internazionale dal Giappone e dalla Corea fino all'isola di Malta dove è un autentica beniamina dal pubblico e dove torna regolarmente ogni anno per acclamati appuntamenti musicali.

Con questo evento il Teatro della Memoria inaugura una serie di concerti "lirici" che proseguiranno fino a primavera inoltrata.

 

informazioni e prenotazioni tel. 02.313663

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl