VIMODRONE CAPITALE DELLA FILOFOFIA

VIMODRONE CAPITALE DELLA FILOFOFIA daDomitilla Melloniil giardino delle metamorfosistudio di consulenza pedagogica e filosoficavia dei Mille 24/26 - Vimodronewww.filosofia-biografica.itcell.: 338 6387511 -------------------------------------------------------------------------------- Vimodrone capitale della FilosofiaLA FILOSOFIA IN CONCERTO:TRIONFO DI IDEE IN MUSICA Giovedì 8 giugno Vimodrone (Milano) si è proposta quale nuova e moderna capitale italiana della Filosofia.

09/giu/2006 08.26.00 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
da
Domitilla Melloni
il giardino delle metamorfosi
studio di consulenza pedagogica e filosofica
via dei Mille 24/26 - Vimodrone
www.filosofia-biografica.it
cell.: 338 6387511
 
-------------------------------------------------------------------------------- 
Vimodrone capitale della Filosofia
LA FILOSOFIA IN CONCERTO:
TRIONFO DI IDEE IN MUSICA 
Giovedì 8 giugno Vimodrone (Milano) si è proposta quale nuova e moderna capitale italiana della Filosofia.
Per iniziativa del Comune e dello studio di consulenza pedagogica e filosofica "Il giardino delle metamorfosi" di Domitilla Melloni, il grosso centro alle porte di Milano, prima della campagna lombarda, ha inaugurato una "tre giorni" di manifestazioni che si propongono di vivificare il livello culturale della nostra società iniziando dal riconsegnare a tutti la storia del "pensiero".
Nasce qui dunque il I° Festival della Filosofia e della Scienza, prima pietra di una tradizione da proseguire nel tempo facendo di Vimodrone non piu' una città dormitorio, ma una capitale della nuova coscienza culturale. La proposta nasce alla fine di un percorso che ha visto una grande, e un po’ inaspettata, partecipazione di pubblico agli aperitivi e ai laboratori filosofici, fino a qui sperimentati da Domitilla Melloni, autentica missionaria di una Filosofia per tutte le età che offre quale nuovo piacere, non come disciplina accademica ma occasione di incontro, confronto, relazione, che possa concretizzarsi in una pratica quotidiana per consentire a ciascuno di vivere meglio con se stesso e con gli altri.
La "tre giorni" della filosofia è stata ianugurata dall' assessore alla Cultura Monica Favaro che ha presentato l'iniziativa al Teatro dell' Istituto Asp Redaelli prima che andasse in scena lo spettacolo scritto e brillantemente raccontato da Daniele Rubboli, il carismatico musicologo che a Milano ha fondato e dirige il Laboratorio Lirico Europeo, dal titolo "FILOSOFIA IN CONCERTO", un viaggio che muovendo da Mozart, celebrandone i 250 anni dalla nascita, è arrivato fino all'operetta italiana e europea, al musical e alla canzone d'autore di Francesco Guccini .
Un percorso di grande fascino sublimato da un terzetto di giovani autenti talenti del teatro lirico quali il basso Andrea Mastroni, accolto con ovazioni dopo la "tirata" di Leporello dal Don Giovanni e l'aria di Sarastro dal "Flauto magico" di Mozart; il soprano Tiziana Scaciga Della Silva semplicemente magnetica sia come Liù e Rusalka, sia come Vedova allegra e Graziabella, la gattina di "Cats" che intona "Memory"; il tenore Marco Voleri, ormai affermatosi tra i piu' interessanti interpreti italiani del repertorio lirico puro: magica la sua "Furtiva lacrima" dall'"Elisir" di Donizetti e sognante il suo "Lamento di Federico" dall'"Arlesiana" di Cilea.
A loro si è unita l'arte rara del cantattore Walter Rubboli che è stato un Principe Orlorsky (Dal Pipistrello di Strauss) senza precedenti in Italia, come un magnifico interprete del "Frate" di Guccini ricevendo poi vere ovazioni per la sua intensa interpretazuione di "My way". 
Al pianoforte la bella e brava Deborah Mori di Milano, altra esuberante realtà del panorama musicale milanese.
E' stato così tratto il dado che ha lanciato sul tappeto dell'attualità, da Vimodrone, il ritorno della Filosofia della quale, come ha detto Daniele Rubboli concludendo il suo spettacolo: non bisogno aver paura!
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Per saperne di piu':
Anticamente, la filosofia era una pratica a cui tutti potevano accedere, interessava il corpo e la mente ed era esercitata

per prendersi cura della propria esistenza, cercando di renderla migliore.

Oggi la filosofia è stata relegata a semplice "discorso teorico": astratta, lontana dal senso comune, ha perso il suo

posto centrale nella pratica di vita.

Da qualche tempo stiamo assistendo a una rinascita dell’interesse per la filosofia, che, tuttavia , rischia di rimanere

riservata a pochi: il "gigantismo dell’erudizione", che si è prodotto da quando essa si è allontana dalla vita pratica,

rischia di respingere definitivamente chi ritiene di non avere gli strumenti necessari per avvicinare, decodificare,

comprendere l’immensa quantità e complessità di concetti e pensieri che costituiscono il patrimonio culturale della

nostra tradizione.

Ecco perché, prima ancora dell’auspicio che le persone si riavvicinino alla filosofia, dovrebbe essere importante porsi

il problema di riavvicinare la filosofia alla gente, rendendola un po’ meno misteriosa, un po’ meno scostante, un po’

più legata alla vita quotidiana.

Perché, effettivamente, ogni giorno ciascuno di noi rivolge il proprio sguardo sul mondo, in qualche modo lo interpreta e

sulla base di questa interpretazione agisce su di esso, modificandolo.

Per dirla in altre parole, ciascuno di noi, ogni giorno, potrebbe pensare e agire come si propongono di fare i filosofi.

Un insieme di proposte rivolte a diverse fasce di età, che vanno dalla pratica corporea alla riflessione tradizionale;

dalla musica all’animazione teatrale; dalla filosofia per bambini alla meditazione, tutte indirizzate a riportare la filosofia verso la gente può essere un utile punto di partenza per sollecitare prima meraviglia e poi riflessione, pensiero, azione, socializzazione, a livello di comunità territoriale. Insomma, per sollecitare un cambiamento responsabile nella direzione del "prendersi cura di sé" e della propria esistenza nel mondo.     -----------------------------

Per informazioni e contatti:

Segreteria Organizzativa "I giorni della meraviglia"

Servizio Cultura - Comune di Vimodrone

Via C.Battisti, 29 - 20090 Vimodrone (MI)

Tel.: 02-25077293

Fax: 02-2500316

E-mail: cultura@comune.vimodrone.milano.it

 

Allegati

Il sopranom tiziana Scaciga Della Silva

Il Manifesto della Settimana della Filosofia a Vimodrone

i giorni della

MERAVIGLIA

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl