ZECCHILLO. Lissner sta dando il colpo di grazia alla SCALA

30/ago/2006 14.58.00 Giuseppe Zecchillo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
LISSNER STA DANDO IL COLPO DI GRAZIA ALLA SCALA
INVECE DI ATTIRARE IL PUBBLICO PAGANTE,LA TROVATA DEL SOVRINTENDENTE E' QUELLA DI RIEMPIRE IL TEATRO CON I BIGLIETTI GRATIS

Forse i miei quasi quotidiani articoli per sollecitare una cultura musicale aperta a tutti e non solo a un ristretto pubblico di privilegiati, e forse anche la frase di Armando Torno del "Corriere della sera" (ormai diventata uno slogan):"La Scala è un giocattolo per ricchi,pagato con i soldi dei poveri" hanno indotto il sovrintendente Lissner a rimediare all'errore. Ma l'idea partorita dal suo cervello è esattamente il contrario di quella che ci si aspettava. Noi chiedevamo opere del repertorio popolare, amate dal grande pubblico, e biglietti dai prezzi accessibili a tutti; invece Lissner si è ispirato al sistema promozionale dei supermercati e delle giostre: "paghi 2 e prendi 3", nel senso che con due biglietti entrano tre persone, e "inragazzi fino ai 18 anni entrano gratis". Potrebbe funzionare se quanto viene offerto fosse un programma appetibile. Ma, ancora una volta, le aspettative sono deluse. Lissner, ai poveri, offre roba di scarto: trii e quartetti da camera, cioé
musica che, senza un'adeguata preparazione mentale, risulta noiosissima e soporifera. Secondo noi, i bambini e i ragazzi che assisteranno a queste "performances" finiranno per odiare la cosidetta musica colta e, da grandi, si guarderanno bene dal pagare il biglietto per assistervi.
Però, con questa bella trovata, Lissner si farà una gran pubblicità e farà anche un favore a chi sta dietro di lui muovendo le fila, cioé il potere politico che si dà da fare in tutti i modi, anche strumentalizzando la Scala, per raccogliere consensi e vincere le prossime e lezioni amministrative. Non solo, con questo programma Lissner farà anche un favore agli orchestrali della Filarmonica, che saranno liberi di andare in giro con i loro concerti privati (e intascare quattrini alla faccia della Scala) mentre i loro colleghi - che non fanno parte della Filarmonica - occuperanno il tempo con i trii e i quartetti da camera di cui sopra. Insomma, la Scala segna il passo; di grandi iniziative per rilanciarla non se ne vede neppure una. Ermolli, vice-presidente della Scala e protettore di Lissner, sta zitto. Ma noi no. Se Lissner continua così, gli consigliamo di cambiare mestiere.

Giuseppe Zecchillo Segretario SNAAL e già consigliere di amministrazione del Teatro alla Scala




--

Email.it, the professional e-mail, gratis per te: http://www.email.it/f



Sponsor:

Refill s.r.l. - Prodotti per TUTTE le stampanti sul mercato a prezzi sempre convenienti. Dal 1993, leader nel compatibile di qualità in Italia.

Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid=5188&d=30-8
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl