ZECCHILLO. Che bello se Zeffirelli fosse sato zitto

SULLA TOMBA DELLA FALLACI UN GESTO TEATRALE PER DARE SPETTACOLO E FARSI PUBBLICITA'E' sembrato a tutti plateale e persino cinico il modo in cui Franco Zeffirelli ha pensato di onorare Oriana Fallaci, deponendo sulla bara della scrittrice il "Fiorino d'oro", premio che la città di Firenze assegnò a lui anni fa.

18/set/2006 19.20.00 Giuseppe Zecchillo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CHE BELLO SE ALMENO UNA VOLTA ZEFFIRELLI FOSSE STATO ZITTO!

SULLA TOMBA DELLA FALLACI UN GESTO TEATRALE PER DARE SPETTACOLO E FARSI PUBBLICITA'

E' sembrato a tutti plateale e persino cinico il modo in cui Franco Zeffirelli ha pensato di onorare Oriana Fallaci, deponendo sulla bara della scrittrice il "Fiorino d'oro", premio che la città di Firenze assegnò a lui anni fa. La Fallaci ha lasciato precise disposizioni per le proprie esequie: senza onoranze ufficiali, senza stampa e TV, nessun epitaffio, massima semplicità - una tomba disadorna nel cimitero evangelista, dove non ci sono distinzioni né di religione, né di meriti, né di condotta. In tale atmosfera sobria e rigorosa, ecco staccarsi Zeffirelli, che depone il "Fiorino" e rilascia dichiarazioni... a giornalisti e fotografi che l'aspettavano ai cancelli del cimitero. Riconosciamo a Zeffirelli notevoli pregi artistici, ma - in questa occasione - è stato soprattutto regista di se stesso. Per lunghi anni si è dimenticato della sua illustre concittadina, anche quando è stato senatore e avrebbe potuto fare in modo che la scrittrice fosse insignita di riconoscimenti uf
ficiali. Ora che la Fallaci non c'è più, Zeffirelli si improvvisa contestatore della ingrata Firenze, che non ha mai offerto un "Fiorino d'oro" a una famosa autrice di libri epocali e di articoli clamorosi. Quando lui era alla ribalta e lei quasi nascosta in USA, Zeffirelli non ci ha mai pensato; se ne è ricordato ai suoi funerali. L'impressione che ha dato è stata quella di un anziano uomo di spettacolo che, per preparare il suo rientro alla Scala (dove inaugurerà la stagione con la regia di "Aida") ha pensato di farsi della pubblicità gratuita. Di pessimo gusto. Se la Fallaci avesse potuto immaginare una cosa del genere, avrebbe rifiutato categoricamente il "Fiorino" come un'offesa. Ci meraviglia solo che i parenti della scrittrice non siano intervenuti per impedire un gesto così inopportuno e volgarmente auto-osannante. Zeffirelli, da vero "toscanaccio", è riuscito a rovinare anche i funerali di una coraggiosa intellettuale. Zeffirelli lo sa bene che se la defunta avesse
potuto risorgere per un momento gli avrebbe strappato i capelli con rabbia. Una rabbia che desideriamo esprimere per fare onore alla personalità della Fallaci, integra e antiretorica.

Giuseppe Zecchillo - segretario SNAAL e già consigliere di amministrazione del Teatro alla Scala

Se volete sapere cosa succede dietro le quinte de teatri lirici italiani visitate il nostro sito:
www.baritonozecchill.us
dove troverete anche il gruppo:
ZECCHILLO IL ROMPISCATOLE




--

Email.it, the professional e-mail, gratis per te: http://www.email.it/f



Sponsor:

Problemi di Liquidità? Con Logos Finanziaria 30.000 € in 24 ore a dipendenti e lavoratori autonomi con rimborsi fino a 120 mesi clicca qui

*

Clicca qui: http://adv.email.it/cgi-bin/foclick.cgi?mid=2907&d=18-9
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl