TRAVIATA chiude con un bagno di folla la stagione del Rosetum a Milano

16/dic/2006 11.49.00 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
----- Original Message -----
Sent: Saturday, December 16, 2006 11:33 AM
Subject: TRAVIATA chiude con un bagno di folla la stagione del Rosetum a Milano

Al Teatro Rosetum di Milano

GRANDE FOLLA PER LA “ TRAVIATA “

CHE HA CHIUSO LA STAGIONE DEL 2006

 

Ancora un “tutto esaurito” al Teatro Rosetum di Milano per “La Traviata” di Giuseppe Verdi che ha chiuso la stagione di opere e balletto 2006.

I bagni di folla che negli ultimi due mesi hanno festeggiato le produzioni del Laboratorio Lirico Europeo diretto da Daniele Rubboli, sono la conferma della qualità che il Centro Artistico Culturale Francescano Rosetum, diretto da Padre Roberto Magnelli della Università Cattolica, garantisce in tutti i suoi spettacoli.

Nonostante i protagonisti fossero tutti debuttanti nei ruoli principali del capolavoro verdiano, il pubblico ha osannato l’introversa, sofferta interpretazione del soprano romeno Laura Muncaciu, residente a Pegli, nelle Marche, e la bella sfogata vocalità lirica del tenore coreano Chang Ryun Kang che ha dato ad Alfredo tutta la sua baldanza giovanile, piu’ volte applaudito anche a scena aperta.

Grande sorpresa ha destato l’eccellente baritono coreano Joung Min Park, imponente nella figura quanto nella voce, che ha cesellato un Germont severo ma accorato, paternamente affettuoso pur nella nobiltà prevista dal ruolo. Un giovane artista di grande avvenire il quale, pur dotato di mezzi lussureggianti, sa cantare anche a fior di labbra.

Ancora debuttanti altri due giovanissimi artisti marchigiani: Silvia Giannetti (Annina) e Davide Bartolucci (Barone), entrambi di Ancona i quali sono ben incamminati lungo i sentieri della scena musicale. Il resto del cast era affidato a giovani “veterani” che hanno dato spezie e profumi allo spettacolo come Elena Serra (Flora), Andrea Bragiotto (Gastone), Ruggiero Lopopolo (Grenvil), Paolo Saccaggi (Giuseppe) e Antonio Peloso (Commissionario). Qualche riga va spesa per Walter Rubboli che dopo anni di regie operistiche anche in Europa, proprio con questo titolo, ed esperienze come attore e cantante in operetta, spettacoli di musical e canzoni storiche, ha debuttato come baritono nel ruolo del Marchese, riagganciandosi alla tradizione di famiglia che ha visto il bisnonno Domenico buon baritono dilettante e nonno Leo basso di buona esperienza e grande fascino vocale. Eccellente il Coro Rosetum diretto da Debora Mori e prestigiosa la direzione musicale di Luis Baragiola.

Al termine dello spettacolo Daniele Rubboli, che di tutte le opere firma la regia, ha dato appuntamento al pubblico per il 2007, anno del Cinquantesimo anniversario del Teatro Rosetum, la cui stagione sarà inaugurata con “La Boheme” l’ultimo venerdì di gennaio.

---------------------------------------------  

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl