LO SCANDALO DELL'AIDASCALIGERA SI CHIAMA LISSNER

LO SCANDALO DELL'AIDASCALIGERA SI CHIAMA LISSNER AL CAPO REDAZIONE SPETTACOLO COMUNICATO STAMPA La stragrande maggioranza degli artisti lirici italiani chiede le dimissioni del sovrintendente LO SCANDALO DELL'AIDA SCALIGERA SI CHIAMA LISSNER L'esordio di Lissner alla sovrintendenza della Scala con un "Idomeneo" sciatto e mal eseguito, le repliche del dirigente con un "Don Giovanni", definito da tutti "porcheria", e un'"Aida" piena di magagne, costata 3 milioni di euro, ne sottolineano le responsabilità.

07/gen/2007 18.30.00 Baritono Giuseppe Zecchillo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
AL CAPO REDAZIONE SPETTACOLO

COMUNICATO STAMPA

La stragrande maggioranza degli artisti lirici italiani chiede le dimissioni del sovrintendente

LO SCANDALO DELL'AIDA SCALIGERA SI CHIAMA LISSNER

L'esordio di Lissner alla sovrintendenza della Scala con un "Idomeneo" sciatto e mal eseguito, le repliche del dirigente con un "Don Giovanni", definito da tutti "porcheria", e un'"Aida" piena di magagne, costata 3 milioni di euro, ne sottolineano le responsabilità. Senza citare i critici più autorevoli, che hanno segnalato eccessi scenografici e carenze artistiche, basti significare il cast di canto quasi tutto incongruo, dai protagonisti fino agli ultimi ruoli, per capire che Lissner non è all'altezza della tradizione scaligera. Se gli interpreti si sono rivelati antimusicali, stonati e deludenti, la responsabilità è di Lissner che, in qualità di sovrintendente e direttore artistico, li ha scritturati. Senza parlare poi del particolare grottesco e senza precedenti di un tenore-sostituto che canta "in borghese", cioé senza il costume idoneo alla scena. Particolare che ha fatto ridere il pubblico e sminuito la Scala. Considerando i continui insuccessi, che si sono annoverati!
ripetutamente dopo la nomina di Lissner, la stragrande maggioranza degli artisti lirici italiani chiedono l'allontanamento del sovrintendente nell'interesse della Scala e del pubblico.

Giuseppe Zecchillo - Segretario SNAAL e già consigliere di amministrazione del Teatro alla Scala

CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE - GRAZIE



Visualizza gli altri gruppi di questa categoria.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl