La_soluzione_del_problema_Scala_-_dice_Zecchillo_-_è_mol?ÿ?iso-8859-1?Q?to_più_semplice_ora_che_Carlo_Fontana_ha_espresso_le_sue?ÿ?iso-8859-1?Q?_preferenze.

18/set/2003 19.31.08 Giuseppe Zecchillo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Non è difficile trovare per Carlo Fontana un incarico non-politico di alto livello e adeguato alla sua competenza. C'è la RAI e -perchè no? - Mediaset. Fedele Confalonieri è consigliere d'amministrazione del Teatro alla Scala: a lui la parola.
 
Carlo Fontana ha rifiutato - com'era loico - il posto di vice-presidente del Consiglio d'amministrazione scaligero. Preferirebbe u n incarico non-politico. Non dmentichiamo che Fontana,oltre alle doti manageriali che ha dimostrato come sovrintendente del teatro milanese, ha una notevole competenza di musica e di lirica,per cui non sembra difficile trovare per lui una sede a cui questo tipo di professionalità è pertinente. Pensiamo,per es: alla RAI-TV...o a Mediaset. Com'è noto, Fedele Confalonieri è consigliere di amministrazione del Teatro alla Scala; è anche noto che l'intero Consiglio di amministrazione ha avuto parole di stima e di apprezzamento per l'operato di Fontana. Se Confalonieri vuole dare una mano al Sindaco Albertini per risolvere l'attuale crisi del Teatro alla Scala,dimostri la sua disponibilità. Faccia una proposta. Se degna e conveniente,Carlo Fontana potrebbe accettarla. Potrebbe non accettarla,ma almeno si vedrebbe un atteggiamento di serietà e di buona volontà - che finora non c'è stato - di fronte al problema della Scala.
 
Giuseppe Zecchillo - segretario nazionale SNAA- già consigliere d'amministrazione del Teatro alla Scala

----
Email.it, the professional e-mail, gratis per te: clicca qui

Sponsor:
Vuoi cambiare i tuoi interessi ma non la tua banca?
Clicca qui

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl