Fw: Invio in corso posta elettronica: DSC03652 MANON L.

Puccini, opera che Daniele Rubboli ha messo in scena per la ripresa della

27/set/2003 10.42.42 Daniele Rubboli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
-----Dal T. Rosetum di Milano 02.48707203 ---------------

Con Manon Lescaut al Rosetum di Milano
 
RIVELAZIONE
DEL TENORE GENOVESE
MAURO PAGANO
 
Mauro Pagano, medico ospedaliero di Genova, ha deciso di lasciare il camice bianco per vivere nei panni dei grandi protagonisti del teatro musicale al quale è sempre andata la sua vocazione.
Dopo alcune esperienze passate sotto silenzio, che però gli hanno consentito di acquisire sicurezza e maturità artistica, ieri sera l'artista genovese ha siglato ufficialmente il suo ingresso nel teatro lirico con una stupefacente interpretazione della "Manon Lescaut" di Puccini, opera che Daniele Rubboli ha messo in scena per la ripresa della stagione operistica al Teatro Rosetum di Milano, con i nuovi acquisti del suo Labortorio Lirico Europeo.
Dotato di grande generosa maschia vocalità, Mauro Pagano che per alcuni vecchi-abbonati della Scala, che da 40 anni hanno pure l'abbonamento al Rosetum, è apparso come la resurrezione di Aureliano Pertile, senza scostarsi troppo dai parametri più attuali di Placido Domingo.
Bravo anche nella presenza scenica, il tenore genovese, festeggiatissimo anche con ovazioni a scena aperta ( 7 minuti di applausi dopo il "Donna non vidi mai") si è imposto come la rivelazione del 2003 e sicuramente il 2004 farà di lui la nuova bella realtà del teatro musicale italiano.
Al suo fianco ha saputo farsi onore la coreana Hyun Sook Lee, residente a Piacenza e vincitrice del ruolo al Concorso Rosetum del gennaio scorso.
La sua è stata una prestazione in crescendo ed anche per lei non è mancato il trionfo finale.
Se debuttavano i due protagonisti, altrettanto nuovi a questo titolo, ma anche all'esecuzione di un'opera completa, erano i due straordinari baritoni Mauro Bonfanti, un autorevolissimo Lescaut, e Andrea Ponassi, giovane artista genovese che pare nato sulla scena. Di entrambi si parlerà a lungo.
Più navigati, benchè giovanissimi, ma già da tempo attivi con i Laboratorio Lirico di Rubboli, l'ottimo mezzosoprano Elena Serra ( Un Musico) e il tenore livornese Marco Voleri che si è sdoppiato nei ruoli di Edmondo, Lampionaio e Parrucchiere.
Di grande efficacia la partecipazione del basso Antonio Peloso nei ruoli del Sergente e del Capitano di Marina.
Suggestive le scene impreziosite dalle luci di Marco Meola e come sempre efficace e sobria la regia di Rubboli.
Luis Baragiola ha dato anima alla musica di Puccini sottolineandone la forza giovanile di una nuova creatività che, con quest'opera, lo imponeva al mondo come il vero successore di Verdi.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
didascalia alla foto sotto
da sinistra a destra
Alcuni dei protagonisti della nuova produzione di MANON LESCAUT che ha inaugurato la ripresa della seconda parte della stagione operistica al Teatro Rosetum di Milano: Marco Voleri, Antonio Peloso, Elena Serra, Daniele Rubboli, Andrea Ponassi, Hyun-Sook Lee e Mauro Pagano

Manon Lescaut - Teatro Rosetum - 26 settembre 2003 (2 of 28)


[First] [Prev] [Index] [Next] [Last]





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl